sardanews

Al via al Pellegrini il lab smart rurality

Nuove opportunità formative strategiche per l’occupabilità in agricoltura in Sardegna. L´Università e la scuola camminano insieme. Appuntamento domani mattina, nella sede del Dipartimento di Agraria dell´Università degli studi di Sassari

image

SASSARI - Il progetto “Lab smart rurality", realizzato dall'Iis “N.Pellegrini”, con la collaborazione dell'Università degli studi di Sassari, aderisce al percorso AgroInnovation Edu, elaborato dalla società Image line. Si terrà domani, giovedì 26 ottobre, alle 9.30, nella sede del Dipartimento di Agraria dell'Università di Sassari, in Viale Italia 39, la firma del protocollo d'intesa tra l'Istituto agrario Pellegrini, partner dell'Uniss nonché scuola capofila, ed Image line, azienda hi-tech specializzata in soluzioni digitali per l’agricoltura; con questo protocollo d'intesa, tutte le scuole afferenti alla rete del progetto Lab smart rurality potranno aderire ad AgroInnovation Edu. Interverranno il direttore del Dipartimento di Agraria Antonello Pazzona, Ivano Valmori (ceo e founder di Image line), Paolo Acone (dirigente scolastico Iis Pellegrini), Mauro Solinas (docente referente per AgroInnovation Edu e coordinatore Lab smart rurality Iis Pellegrini), Gabriele Mongardi (AgroInnovation Edu coordinator-Image line).

Si tratta di un progetto (già avviato con successo in altre realtà nazionali) per la formazione all'agricoltura digitale pensato per avvicinare gli studenti degli istituti professionali e tecnici agrari all’utilizzo degli strumenti digitali in agricoltura. Il progetto si rivolge anche agli studenti universitari, ai quali è destinato il Premio per tesi di laurea AgroInnovation award, istituito in collaborazione con l’Accademia dei Georgofili. Sono a disposizione borse di studio del valore di 1.500euro ciascuna, da assegnare alle tesi di Laurea triennale, Laurea Magistrale o a Ciclo unico giudicate maggiormente innovative da commissioni composte da membri dell’Accademia dei Georgofili in materia di Meccanica agraria, Innovazione varietale, Nutrizione delle piante, Difesa integrata, Agrometeorologia, Informatica in Agricoltura. Grazie ad Agroinnovation Edu, gli studenti coinvolti nel progetto Lab smart rurality potranno utilizzare alcuni strumenti didattici avanzati per comprendere meglio come gestire in modo innovativo le operazioni colturali, quali protezione delle colture, fertilizzazioni, rintracciabilità, e come poter utilizzare i servizi digitali per ottimizzare il lavoro, rendere l’azienda più efficiente ed organizzata, valorizzare le produzioni agroalimentari. Lab Smart Rurality è finanziato nell'ambito del bando Laboratori territoriali per l'occupabilità previsto dalla legge La Buona scuola, allo scopo di offrire un punto di riferimento per la didattica innovativa nel campo delle ultime tecnologie dell'informazione applicate al mondo rurale ed agricolo.

Il laboratorio è il risultato dell'incontro tra una pluralità di attori: l'Istituto Pellegrini come scuola capofila. Fondazione Istituto tecnico superiore Filiera agroalimentare della Sardegna, Iis E.Fermi di Ozieri, Iis G.Marconi di Sassari e gli Istituti comprensivi di Perfugas, Ozieri, Ittiri, Thiesi e Badesi, sessanta enti, associazioni soggetti privati che operano sul territorio. L'università degli studi di Sassari è parte integrante del progetto con i Dipartimenti di Agraria, Medicina Veterinaria, Scienze biomediche, Architettura, design e urbanistica. Tutte le iniziative relative all’agricoltura digitale degli istituti tecnici e professionali agrari italiani saranno raccolte e divulgate tramite AgroNotizie, la testata on-line del network Image line, che si rivolge oggi ad una community di più di 145mila professionisti del settore primario. «La firma del protocollo d'intesa con l'Istituto Agrario Pellegrini rappresenta un altro importante traguardo per AgroInnovation Edu che, dopo l'Emilia Romagna, il Trentino e il Veneto, arriva anche in Sardegna – afferma Ivano Valmori, ceo e fondatore di Image Line. Il mondo agricolo e le tecniche utilizzate dagli addetti ai lavori sono in continua evoluzione e per questo il settore necessita di giovani con un bagaglio di conoscenze sempre più ricco e articolato. Il progetto AgroInnovation Edu è infatti dedicato agli agricoltori, tecnici e consulenti del futuro, per dare loro la possibilità di apprendere cosa significa innovazione in campo già durante il percorso di studi e formare così professionisti sempre più rispondenti alle esigenze del mercato».

Commenti

Vedi su Alguer.it