sardanews

Da Alghero a Londra a prezzi low cost due volte la settimana - Cronaca

SASSARI. Sta destando interesse a vari livelli l’avvio della nuova rotta Londra Luton- Alghero, che sarà operativa dal 28 novembre per tutto l’anno. Un collegamento internazionale di nuova istituzione con il vettore EasyJet che sullo scalo Riviera del Corallo è già attivo con i voli stagionali per Ginevra, Milano-Malpensa, e Venezia. La tratta londinese per Alghero è in vendita a 40 euro, tasse aeroportuali comprese, tariffa rilevata ieri sul sito della compagnia aera. L’interesse si sta manifestando perché, almeno fino a ora, il volo invernale da Luton è l’unico di provenienza internazionale insieme al Bucarest della WizzAir. Non va dimenticato che questo inverno l’offerta dello scalo algherese sarà priva dei collegamenti assicurati in passato da Ryanair verso l’Inghilterra e il Nord Europa. A poco più di un mese dall’avvio del collegamento quindi sarebbe piuttosto utile che le istituzioni preposte in tal senso, a cominciare dalla Fondazione Meta, si facessero carico di avviare un intervento di promozione della tratta che avrà due frequenze settimanali, il sabato e il martedì.Un’azione che sarebbe stata utile anche per il volo per Ginevra, sempre EasyJet, ma che non è stata perfezionata.Da ricordare che proprio i tour operator d’oltre Manica, sotto l’aspetto turistico, sono stati i primi a mettere gli occhi sul Nord Ovest della Sardegna e a favorire, si parla degli anni Sessanta e Settanta, la nascita dell’industria delle vacanze sulla costa algherese.Un percorso che oggi rappresenta un elemento imprenditoriale primario per l’economia del territorio con ricadute di assoluto interesse sotto l’aspetto occupazionale. Una ragione in più quindi per dedicare a questo settore la dovuta attenzione anche attraverso l’impegno di risorse finanziarie per avviare campagne di marketing e promozione mirate. Come andrebbe fatto appunto per il volo da Londra.Sempre a proposito del traffico aereo va segnalato che dal prossimo 29 ottobre cesserà l’attività di tutti i voli stagionali e si concluderà quindi anche il lavoro di buona parte delle strutture ricettive, a cominciare naturalmente da quelle ubicate sulla costa.Nella stessa data si concluderà anche la stagione dei collegamenti charter che quest’anno è stata particolarmente soddisfacente come testimoniano i dati degli arrivi e delle presenze alberghiere che vengono definiti unanimamente positivi. Da segnalare che nella stagione che sta ormai per chiudere i battenti un ruolo centrale nella movimentazione del turisti lo ha svolto il gigante inglese della Tui che oltre a garantire clientela a numerosi alberghi dell’area Nord Occidentale e di Alghero, ha avuto nell’hotel Baia di Conte (circa 500 posti letto), che il tour operator ha preso in gestione, un riferimento importante dove ha convogliato flussi consistenti. Non è un caso che nei mesi di luglio e agosto il tour operator britannico ha operato con sette collegamenti settimanali. Va ricordato che la programmazione invernale dei collegamenti aerei è ancora in corso è non sono quindi da escludere, anche alla luce degli investimenti annunciati dalla Regione per dilatare la stagionalità attraverso i bandi, nuove opportunità.Per quanto riguarda la Riviera del Corallo si guarda ora al prossimo Cap d’Any e agli eventi di richiamo che il Comune sarà in grado di allestire per la kermesse di fine anno. Anche in questo caso appare superfluo evidenziare che le manifestazioni dovranno essere adeguatamente promosse con ragionevole anticipo.

vedi su La Nuova Sardegna