sardanews

Miniera Olmedo: ex Ati-Ifras in visita

image

(ANSA) - SASSARI, 23 OTT - "Restituiteci la dignità, il lavoro e l'orgoglio di esercitare ancora la nostra professione".    È l'appello lanciato questa mattina dai minatori di Olmedo che da diverse settimane occupano il sito produttivo alle porte del paese, a 180 metri di profondità.    "Chiediamo solo ciò che dovrebbe essere un diritto e non una gentile concessione", dicono. Da oltre due anni ormai attendono una felice soluzione per la trattativa legata alla riattivazione dell'attività estrattiva. "La speranza e la pazienza si stanno affievolendo - aggiungono - e lasciano spazio alla delusione".    Ma i minatori di Olmedo, che continuano ad alternarsi a gruppi di quattro nel presidio sotterraneo, non si arrendono.    Confortati anche dalla solidarietà dei lavoratori ex Ati-Ifras che da giorni occupano il tetto del Duomo di Sassari, e che stamattina hanno ricambiato la visita dei minatori di qualche mattina fa, si rivolgono al presidente della Regione, Francesco Pigliaru, e a tutte le altre istituzioni coinvolte, per ribadire che "nessuno lascerà la miniera finché non si otterrà il solo risultato possibile, il lavoro".    I segretari territoriali di Filtcem Cgil, Femca Cisl e Ugl Chimici, Gianfranco Murtinu, Luca Velluto e Simone Testoni, che affiancano dal primo giorno i minatori nelle loro rivendicazioni e rilanciano il loro grido di dolore, sono categorici. "La politica curi l'interesse delle persone in maniera responsabile, prudente e imperativa - chiedono - quelli di Olmedo esigono la stessa correttezza e impegno spesi per altri minatori sardi".    Intanto è confermato per domani all'Argentiera il sopralluogo del commissario del Geoparco, Tarcisio Agus. Sarà accompagnato dal sindaco di Sassari, Nicola Sanna, e dall'assessore dei Lavori pubblici, Ottavio Sanna. (ANSA).   

Fonte: Ansa