Francesco Casula

image

 (Michele Podda)

L’altro giorno, all’improvviso, senza preannuncio, una bella sorpresa, ecco che viene a trovarmi in studio Michele Podda. Viene col suo sorriso mite e amichevole e con un dono prezioso: un suo “libritu” fresco di stampa (Su sardu  totunu, ed Carta 29 -L’uva , scritto in sardo con traduzione a fronte in italiano, molto interessante. Michele è un poeta e uno scrittore e, nella sua cordialità,  mi ha ricordato un altro poeta e scrittore Cicitu Masala. Che sia l’amore per il sardo che, fra i tanti benefici, porta in sè anche la cortesia e la gentilezza?
Ecco ora la prefazione al libro di Francesco Casula.

Prefazione
Michele Podda, ollolaese, una vita dedicata all’insegnamento, con qualche scorribanda e incursione nella politica e nell’Amministrazione locale – è stato fra l’altro sindaco del suo paese –, fin dagli anni ’70 coltiva lo studio della lingua sarda. E scrive poesie. Sempre in sardo. Anzi: è valente poeta, plurivincitore di molti Premi letterari. Nonostante lui si schernisca definendosi, con modestia, “rimatore”.
Ora ci sorprende. E ci delizia. Regalandoci questo interessante e utilissimo pamphlet sulla politica linguistica in Sardegna: insieme di denuncia e di proposta. Con una precisa pars destruens e una costruens. L’una e l’altra si possono condividere o meno. Certo è che pone cocenti e ineludibili problemi e questioni, se vogliamo “salvare” la lingua sarda ormai, secondo Podda alla “morienza”: L’afferma, in modo apodittico fin dalla premessa: la lingua sarda sta morendo definitivamente.
La critica, corrosiva e, talvolta impietosa, è rivolta a più parti e a soggetti plurimi: ai politici, frimos in sa dipendentzia dae s’Italia in totu, puru in sa limba, alla Regione sarda, agli stessi studiosi e intellettuali. Vengono accusati di pressapochismo e di superficialità. E di troppa fretta: specie i burolinguisti. Che hanno massacrato la vera lingua sarda parlata da tutti i sardi con lo scopo   di poterla utilizzare subito in contesti nuovi e inadatti quali sono quelli culturali e burocratici, piegandola in modo forzato e ottuso a modi e forme che non le appartengono.
Gli strali sono rivolti in modo particolare contro  la LSC (Limba sarda comuna), che at pesadu unu bulluzu de s’ateru mundu. Perché la legge bona de sé, no s’at tiradu su bonu cherrer de medas sardos.
E contro sos ofitzios de sa limba sarda: composti da giovani a bortas puru bolontadosos e capassos, ma messi lì a pistar abba e a moler bentu…est dinare perdiu.
La critica potrebbe sembrare ingenerosa, anche perché, per quattro soldi, molti di questi giovani fanno un lavoro importante.
Ma Podda precisa: non pro curpa issoro, ma de chie l’at cumandau e los at postos a fagher.
Il reato di cui vengono imputati i burolinguisti? Aver ridotto il Sardo a italianu porcheddinu. Ti sembra Sardo, si chiede Podda, disponimentu, ispetaculu, contribbutu? O è italiano con qualche “s” o “u”? Dunque, unu sardu burdu?
Semus istropiande sa limba sarda – annota amaramente Michele – cun s’italianu o ateras limbas de foras.
Ma no est solu sas allegas italianas, chi dan malicore a sa limba nostra, est puru sa manera de las ponner paris, a sa moda italiana chi faghet dannu.
Infatti per “Improvviso” scriviamo “A s’improvisu” e non “Totu in unu”; per “Tutto il giorno” “Tota sa die” e non “A die intrea” ecc.
Al !”Che fare” all’ite fagher tando, risponde con proposte precise e analitiche: intanto iniziando a collire totu sa limba. In cada bidda. Cun pessones capassas. Cun chircadores bene istruios.Cun zente manna. E con la supervisione di una cumissione de espertos de limba.
E’ infatti urgente l’esigenza di tornare a sa limba “de su connotu”, a totu su sardu, de donzi parte de Sardinna, de totu sos sardos. Solu gai sa limba podet mantenner totu sa bellesa chi tenet, cun ditzos, modos de narrer, allegas e paraulas e fueddos de cada zenia, chi sun una richesa de non perder mai.
Ma non basta.
Puru sos ditzionarios si depen illimpiare dae totu s’italianu chi jughen intritziu in mesu, cumente erba mala, chi si che pitzigat e si che tirat su sutzu bonu, ochidende sa limba nostra.
Per cuncruire l’Autore fa una proposta netta e inquivocabile: una leze chi ponet sa limba sarda de obrigu in s’iscola, nessi duas oras a chida totue, dae s’iscola prus minore a sa prus manna.
E’ il vecchio sogno di Cicitu Masala, il nostro più grande poeta e scrittore etnico che, soprattutto negli ultimi anni, quasi in modo ossessivo ripeteva che senza l’introduzione del sardo a scuola, come materia curriculare, la nostra lingua è destinata ineluttabilmente a estinguersi. E se muore la nostra lingua, muore anche il popolo sardo. Perché – cito ancora Masala –  “a unu populu nche li podes moer totu e sighit a bivere ma si nche li moes sa limba si nche morit”.
In ciò converge totalmente Michele Podda quando scrive: Depimus pessare a su bene nostru prus galanu, prus securu chi abbarrat pro semper. Si rennessimus a fagher custu, de sarvare sa limba nostra an a esser cuntentos sos sardos de s’antigoriu, sos de sos nuraghes, sos chi sun mortos gherrande contra inemigos de cada zenia, sos chi an mantesu sa sardidade contra a sos italianos de prima e de como, contra a custos chi sun sos prus traitores de totus, ca no che l’an belle segada sa limba.
Bolontade a sarvare sa limba pro sarvare sa zente, ca si no paris cun sa limba no che pigan puru su restu, cumente an semper fatu e sun faghende puru oe prus de prima. A ùrtimu no che pican puru sa terra, su mare e sas agheras. Si mantenimus sa limba non poden facher su chi cheren issos, ca rennessimus a nos poderare e a los torrare in secus…
In “Su sardu totunu” c’è tutto questo: ma anche molto altro. Per questo occorre leggerlo e rileggerlo. Quasi abitarlo. Per capirlo fino in fondo.
Ci sono persino pagine esilaranti. Con “Gli uovi freschi” o “Le fiche pronte e mature”.
Ci sono secchi e fulminanti lacerti socio-antropologici per spiegare il perché del “rifiuto” del sardo: straordinari, da questo punto di vista, i passi in cui l’Autore ricorda frammenti di vita della madre gherrande cun sete o oto fizos, impadeddande cada die, sapunande in su sapunadorzu a cofas de roba, movende s’arregore a tiros de matzola…o del padre, ispentumau in mesu de baddes e de montes, semper solu cun su bestiamene, o sanu o malaidu a pesare a murgher a manzanu prima de arbescher, e faghende casu e recotu e ponende unu tzantzi de ortu, e gherrande cun porcos, a che tirare carchi cosa puru dae cue…
Come dire: si rifiuta il sardo perché identificato con la fatica, la povertà, la vita dura dei nostri genitori e dei nostri paesi: bida chi non pariat bida.

Ecco ora una poesia di Michele

 

 

 

Bandu acoradu pro mantenner sardu

nebid’in limba e in sos tzelembros,

coment’a dimustradu chin sos membros,

eroicu valore in donzi azardu.

 

Bandu pro chie cheret in labia

versos chi fatan sa mantessi rima,

isburrende s’istoria cun s’istima

chi sirigheit in terra nadia.

 

Bandu pro chie cheret faeddare

limba sutzada paris cun colostra,

acussorzada in donzi vena nostra;

chi deet solu natura modellare. Altana

         x         x         x

Limba sarda campadora

 

Die bona non t’as a bider mai
limba sarda istimada moribunda,
da continente est arribada un’unda
chi, tenta a tzugu, t’est ochinde jai,
prenèndeti sa buca est azumai
s’italianu, che una pedra tunda;
non bi campas pius abbisu meu,
morzende ti nde ses, non cherzat Deu!.

Ite bellesa su chistionare
a sa moda de donzi biddighedda
de donzi tzitadina, manna o dedda,
chi duas non bi nd’at a un’andare!
Si las cheres istrocher e brullare
tando donz’una pìgala e faedda,
totue issa t’alligrat su coro,
Gaddura, Campidanu o Logudoro.

A l’ischis ite narat calicunu?
“Sos sardos non si cumprenden a pare”!
Chi morzat e non torret a pesare
cumente est beru chi su sardu est unu!
Pro cussu non cherimus chi niunu
si ponzat limba noa a imbentare;
a chie cheret l’agatat totue,
si no bi la naramus deo e tue.

No! Non ti moris, ca non ti lassamus
a ti ghetare a terra s’inimigu,
cussu chi paret bellu che isprigu
non binchet, ca sas trassas li ogamus,
fronte a s’italianu li paramus
ponende su limbazu nostru antigu;
si podimus mantenner issu fora
tue torras in trassa, campadora.

(Segnalazione “Cuncambias 2009” S. Sperate)

Fonte: Democrazia Oggi

Torno oggi su un tema mai abbastanza dibattuto: la mancanza di manutenzione, anche modesta, nei giardini e parchi pubblici. Non parlo della gestione ordinaria, cioè innaffiamento, pulitura, piccole potature eccetera, nei dei grandi interventi straordinari, ma proprio di manutenzione, tesa a mantenere le qualità del giardino fornite alla popolazione con l'inaugurazione.

Per esemplificare, parliamo del Circu de Soli, l'interessantissima realizzazione di 3 anni fa ( primo post del 8/3/16 )[1],  da me definita "concentrato di buone idee ed essenze arboree di pregio".

Fra le buone idee, la cartellonistica per l'identificazione delle specie arboree: ecco il degrado della situazione odierna
image
imageA sinistra, un particolare del grande cartello dedicato alla presentazione del giardino, e delle specie arboree presenti.

Ebbene, gli agenti atmosferici hanno scolorito completamente il nome di diversi alberi. Domanda: è così difficile programmare una sostituzione periodica di questi cartelli, tecnicamente facilissima? Il cartello di destra, che rappresenta il particolare di una zona del giardino, è quasi completamente strappato, ma sicuramente anche lui potrebbe essere facilmente sostituito.

E' inutile che mi dilunghi, credo che si colga quello che voglio dire.

image

Allora, per toglierci l'amaro dalla bocca vi presento io una essenza arborea di pregio del Circu, qui a sinistra: una Paulownia tomentosa, albero estremamente raro a Cagliari e del quale io conosco solo il vecchio e glorioso esemplare di via Santa Gilla, del quale ho parlato più volte (ultimo post  27/4/17[2]) .

Auguriamoci dunque che la giovane Paulonia sia capace di prendere il testimone dalla vecchia sorella, alla quale auguriamo peraltro ancora lunga vita, offrendoci anche lei la splendida fioritura primaverile.

Ed auguriamoci anche che gli amministratori del verde ci mettano in condizione di riconoscere questa e le altre essenze, ripristinando la cartellonistica, e magari completandola con i cartelli a fianco delle singole piante!

References

  1. ^ 8/3/16 ) (www.cagliarinverde.com)
  2. ^ 27/4/17 (www.cagliarinverde.com)

Fonte: Cagliari in Verde

Antonello Murgia - Presidente prov. ANPI

image

 

Prestigiosa adesione dell’ANPI alla Scuola di formazione politica lanciata dal CoStat. Ecco le considerazioni del Presidente provinciale dell’ANPI nell’annunciare l’adesione.

 

In un articolo dell’Huffington Post del 21 dicembre scorso che i social continuano a rilanciare, il divulgatore scientifico Piergiorgio Odifreddi affermava: “Se i politici sono eletti dagli elettori e il 90% degli elettori è stupido, anche il 90% dei politici sarà stupido”. E poi: “Burioni ha ragione: non si può discutere di scienza con gente che non sa di cosa si parla“. Ma il divulgatore scientifico a chi deve parlare se non a chi è ignorante ed è desideroso di sapere? E se continuiamo a ritenere valida la massima socratica del “so di non sapere”, col suo corollario che meno si sa e più è facile pensare di sapere, perché il divulgatore scientifico si meraviglia e si scandalizza se da chi non sa o sa poco gli vengono affermazioni poco documentate, magari espresse in modo categorico? Non è anche questo il segno di un’involuzione autoritaria che pretende che ogni branca abbia i suoi sacerdoti i quali sono al di sopra di qualsiasi verifica da parte del “popolino” e che debbano rispondere delle loro parole e delle loro opere solo a pari grado? La ricerca scientifica si discute e si porta avanti fra ricercatori, ci mancherebbe altro, ma l’interlocuzione con la cittadinanza è un’altra cosa, che è altrettanto necessaria non per sostituire i ricercatori stessi con cittadini privi di competenza, ma per una regola fondamentale della democrazia, che sembra essersi appannata di questi tempi ed è che il cittadino è il titolare unico dei diritti e di quelli fondamentali in particolare. L’esperto, lo scienziato, il divulgatore scientifico è un suo ausiliario e non il suo amministratore di sostegno; non è cioè colui che è incaricato da un giudice a prendere le decisioni che lui è incapace di prendere. In questo periodo nel quale il volontariato in Guatemala mi regala un certo distacco dalle vicende politiche nazionali e soprattutto da quelle sarde, viziate da una legge elettorale che distorce gravemente la rappresentanza e segnate da una competizione elettorale che sembra per lo più avere perso il senso delle cose, di avere perso le ragioni di un progetto collettivo per migliorare la società, pensavo a quanto sia fondamentale chiarire questo aspetto, pretenderne il rispetto: o il cittadino è il centro e la ragione dell’agire politico o quella che viviamo non è una democrazia vera, anzi, è una democrazia in pericolo. E in questi ultimi anni, su questo tema, mi è capitato sempre più frequentemente di sentirmi distante, di polemizzare, di non riuscire a raggiungere una sintesi con persone che stimo e che ritengo democratiche. Sicuramente ci sono anche carenze mie nell’approccio, ma sono convinto che anche questo sia soprattutto espressione dello sfondamento a sinistra della teoria liberista, la quale non è solo pretesa di libertà assoluta dell’impresa (con buona pace degli artt. 41, 42 e 43 della Costituzione), ma anche sacralità della scienza, da proteggere dal popolo ignorante, promozione dell’oligarchia come garanzia di governabilità, disoccupazione come elemento di dinamicità del mercato del lavoro, etc., etc.
La teoria liberista ha sfondato a sinistra anche perché è più facile e comodo dare dello stupido al 90% di italiani, che rimboccarsi le maniche per far crescere la coscienza civile, magari non altissima, nel Paese; ha sfondato perché è più facile dire che “non si può discutere di scienza con gente che non sa di cosa si parla”, che produrre o pretendere, a seconda dei ruoli, documentazione scientifica convincente su ciò che si sostiene e trasparenza e indipendenza negli atti, per garantire correttezza ed onestà delle scelte.
E così, quando Fernando Codonesu ha lanciato nel CoStat l’ambiziosa proposta di una scuola di formazione politica coinvolgendo l’ANPI nella promozione dell’iniziativa, pur preoccupato per le difficoltà ed il peso non indifferente per portarla avanti, ho pensato che ne valesse la pena. Ne vale la pena perché i due vittoriosi referendum costituzionali (e ci aggiungerei anche la battaglia sulla legge statutaria sarda) nei quali siamo stati impegnati negli ultimi 15 anni, mostrano che a dispetto di chi, anche partendo da progetti politici diversi, una volta al potere ha cercato di usarlo per garantire le proprie personali fortune, la maggioranza dei cittadini ha mostrato attaccamento al progetto di democrazia contenuto nella nostra Costituzione. E ne vale la pena perché, come ha giustamente sottolineato Fernando, la caduta dei grandi partiti di massa ha prodotto anche la perdita delle relative scuole di formazione, cui in questi anni non si è sostituito niente.
Aggiungerei che anche l’adozione del sistema maggioritario, deresponsabilizzando gli eletti a tutti i livelli, non ha aiutato a far crescere una classe politica degna del nome e ha reso tale bisogno ancora più acuto. Ed anche l’evoluzione del quadro politico, segnato dalla sempre più manifesta e preoccupante separazione fra i programmi annunciati in campagna elettorale e le politiche effettivamente perseguite, ha favorito la crescita di quella che è stata chiamata antipolitica e che è invece pienamente e legittimamente politica, ma che non poteva, per forza di cose, avere quelle competenze e quel senso delle istituzioni che sarebbero stati necessari. Così come non ha aiutato e non aiuta l’enfasi posta sul valore della competenza da parte di chi non aveva saputo o voluto garantire la rappresentanza e ora punta sulla competenza per recuperare il consenso dell’elettorato, guardandosi però bene dal dire al servizio di chi, quella competenza e la relativa esperienza, intende mettere a disposizione.
Se questo è il quadro attuale, la proposta che il CoStat sta elaborando è quanto mai opportuna. E nell’ultimo Comitato Provinciale ANPI del 9 gennaio scorso avevo già dato una prima informazione su di essa, accolta positivamente. Siamo ora ad un passo successivo: si vanno delineando le caratteristiche dell’organismo che dovrà realizzare il progetto ed i contenuti ed il metodo del progetto medesimo. Sui contenuti della proposta, pubblicata da Fernando su Democrazia Oggi il 7 febbraio[1], sono pienamente d’accordo: la strada è lunga perché non c’è solo da sviluppare i vari temi ed articolarli in capitoli e lezioni ed eventuali laboratori, etc., ma anche da reperire le risorse necessarie intese come competenze e come finanziamenti e occorre avere le forze per garantire la continuità nel tempo. Ma vale la pena di impegnarcisi. Per l’ANPI direi che è uno degli ambiti più importanti d’intervento: come possono, infatti, essere difesi quei principi nati dall’antifascismo e dalla Resistenza se non chiarendo, oltre al contesto in cui si svilupparono, le forme istituzionali adottate ad hoc, i diritti ed i doveri dei cittadini e quelli dei loro rappresentanti, il delicato tema degli equilibri istituzionali basati sul rispetto reciproco dei rispettivi ruoli e non sul braccio di ferro, etc. E’ quanto in parte stiamo già facendo nei nostri interventi nelle scuole, nei convegni e nei seminari che organizziamo. Pertanto sosterrò senz’altro la proposta presso gli organismi dirigenti dell’ANPI.
Vorrei però aggiungere, concludendo, una nota rispetto alle diverse manifestazioni d’interesse e richieste di partecipazione, anche di partiti, che stanno emergendo. Credo utile mantenere una grande apertura ad altri soggetti ed altre esperienze presenti nella società civile e nelle istituzioni che volessero collaborare all’iniziativa. Ritengo non consigliabile che fra i compartecipanti siano inclusi i partiti politici i quali hanno certamente bisogno di una formazione dei loro quadri, ma anche esigenze promozionali delle loro scelte politiche che potrebbero snaturare il compito che ci si vuole dare; i partiti potrebbero, semmai, se l’iniziativa decollasse, assumere un ruolo di committenti che, nella piena distinzione dei ruoli, potrebbero usufruire dei servizi della scuola. Lo dico, oltre che per convinzione personale, perché l’ANPI ha coltivato nel tempo un senso molto spiccato dell’autonomia che ha contribuito ad aumentarne la credibilità e a farne un punto di riferimento non secondario della nostra democrazia che essa intende continuare a coltivare con cura.

 

References

  1. ^ Democrazia Oggi il 7 febbraio (www.democraziaoggi.it)

Fonte: Democrazia Oggi

MONTE 'E PRAMA

L’Unione Sarda 12 febbraio 2019. La città in pillole. Che salto culturale sarebbe leggere nei luoghi pubblici l’aforisma “Siamo nani seduti sulle spalle di giganti”, attribuito a Bernardo di Chartres, nel XII secolo, dal suo allievo Giovanni di Salisbury che soggiunse “non per l’acutezza della vista o la possanza del corpo, ma perché sediamo più in alto e ci eleviamo proprio grazie alla grandezza dei giganti”.

Un monito per un decisore, politico o amministrativo, a non scordare il senso del suo ruolo e della sua funzione ed esemplare pedagogia per le masse che, dalla rappresentazione manzoniana dell’assalto ai forni, è immaginata tra passività ed esplosiva aggressività.

Gli uni e le altre hanno a che fare ogni giorno con la grandezza del patrimonio culturale. I primi come custodi e gestori e le altre, ovvero tutti, perché immersi in una scenografia storica assai densa in ogni luogo, urbano o rurale, come accade in Sardegna. Per l’art. 9 della Costituzione, è proprio il popolo l’erede di quel patrimonio. Il mondo anglosassone lo chiama perciò cultural heritage, eredità da trasmettere di generazione in generazione, e la Convenzione Unesco per la salvaguardia del patrimonio culturale, intangible cultural heritage.

Sgomentano per vtale ragione le vicissitudini delle statue di Mont’e Prama. I Giganti iniziarono ad essere noti al pubblico quando, nella XIII Legislatura, la Regione indirizzò un congruo finanziamento dei Fondi Cipe a loro e ad altri manufatti del cultural heritage sardo. Fu, nella storia autonomistica, col PPR tangibile testimonianza di riconoscimento del patrimonio storico e di politiche per individuarvi un volano di progresso.

La Mostra “La pietra e gli eroi”, inaugurata il 22 novembre 2011, nel Centro di conservazione e restauro di Li Punti a Sassari, fu un’ulteriore azione di pedagogia sociale che rendeva pubblico, unitariamente, il Corpus delle statue e l’articolato restauro su migliaia di frammenti. Lo scavo tra 1975 e 1979 a Mont’e Prama di Cabras restituì voce a pugilatori, arcieri, guerrieri a prova che i sardi dell’età del ferro scolpivano figure a tutto tondo oltre a fondere bronzetti.

Il Corpus di statue è stato sciaguratamente smembrato. Qualcuna di esse abita ancora il Museo di Cagliari. Visitarle, in attesa della riunificazione, come fulcro di un percorso tematico è pratica che ricrea comunità e consapevolezza per vivere il cultural heritage come valore morale ed energia sociale.

 

 

 

Fonte: Sardegna Soprattutto

Olzai

Prevista da tempo alla fine la rivolta dei pastori è arrivata. Autoconvocata sulle reti sociali, senza leader riconosciuti, una sorta di gilet gialli in versione vellutino. Lo stesso movimento organizzato dei pastori, le stesse organizzazioni tradizionali, sorpassate da una rabbia sorda che va sversare il latte sulle strade. Un atto estremo perché nessuno vuol vedere il frutto del suo sacrificio buttato nelle fogne. In quei gesti una richiesta d’aiuto da parte di chi non ha riconosciuta la propria fatica.

Il latte a 60 centesimi di euro vuol dire che migliaia di imprese pastorali sono destinate alla chiusura. Il problema è centenario, legato alla monocultura di un’unica tipologia di formaggio: il Pecorino Romano e alla grande volatilità del prezzo del latte sui mercati internazionali. Su circa 18.000 imprese pastorali sarde 10.093 producono latte per il Romano. Quel formaggio rappresenta 81,54% dei pecorini dop prodotti in Italia, il 52% di quelli Ue.

Il Roquefort francese è il 28%, il Mancego spagnolo il 20%. 198.116 litri di latte, compreso Lazio e provincia di Grosseto, nella campagna 2017-18 sono stati utilizzati per produrre Romano. Lazio e Grosseto hanno solo 297 aziende pastorali conferitrici.  Il punto di pareggio per tenere il prezzo alto è di 270.000 quintali, oltre la remunerazione del prodotto e del latte precipita.

Il Pecorino Romano si trova con un’eccedenza di oltre 100.000 quintali di pasta di formaggio. Si è passati dai 9,39 € a chilogrammo del maggio del 2015, con il latte pagato a 1,20€, ai 5,59€ al chilo di questo febbraio. Quel formaggio in Sardegna rappresenta il 60% di tutti i pecorini prodotti, di conseguenza determina il prezzo di tutto il latte ovino e dei derivati.

Il 50% del Romano è fatto dalle cooperative, quindi dagli stessi pastori che ne sono soci. Con produzioni così imponenti: 3 milioni di pecore per 1,6 milioni di abitanti compresi nascituri e moribondi, la Sardegna è obbligata ad esportare. Nel mercato internazionale la domanda di latte ovino cresce dell’8% all’anno, altri ne traggono vantaggi ma non noi. Il mercato Usa, principale sbocco del Romano, si contrae da anni con ricadute pesanti sulla remunerazione. Quote che vengono guadagnate dal Manchego.

Se si dà uno sguardo ai prezzi europei se ne ha conferma, anche se questi mostrano tendenze al ribasso rispetto a qualche hanno fa. In Francia per il prezzo del latte ovino nel 2018, è andato dagli 80 cent a 1,20. Quest’ultimo per il Roquefort. In Spagna, dati di settembre ‘18, il latte è stato pagato in una forbice che va dai 78 agli 88 cent. In Grecia la media dell’ultimo decennio è stata di 97 cent.

In questi giorni si è favoleggiato di importazioni in Sardegna di latte dal resto d’Europa, soprattutto da Romania e Bulgaria. Questa voce è stata messa in giro perché il più grosso imprenditore caseario sardo ha un suo stabilimento a Timsoara. Chi l’ha diffusa non conosce quelle realtà o l’ha fatto ad arte.

Romania e Bulgaria hanno allevamenti ovini da carne, il latte è un prodotto residuale. Peraltro in questo periodo le pecore sono in secca, i parti cominceranno tra un mese, le loro produzioni sono estive con i prezzi del latte tal quale sono più vicini alla media europea che quelli sardi.

Anche in Sardegna però alla fine ci sono comportamenti che variano da azienda trasformatrice all’altra. La CAO di Siamanna, la più grossa cooperativa ovina della Sardegna e d’Italia, 800 soci, nella stagione scorsa compreso il latte estivo, ha pagato 88 cent. a litro e per quest’anno ha già annunciato che darà un anticipo di 70 cent. Le ricette per uscire da uno stato così disastroso sono vecchie di anni e mai applicate. Occorre diversificare si dice, in parte lo si sta facendo però le altre due dop: Pecorino Sardo e Fiore Sardo non vengono valorizzate.

Quest’ultima, sia detto per inciso, dovrebbe essere prodotta principalmente negli ovili, così come era stata pensata a suo tempo. Molti trasformatori preferiscono i marchi aziendali, con una proliferazione di etichette che non aiuta le commercializzazioni. Dieci anni fa si è pure visto un formaggio destinato al mercato siciliano chiamato Bunga Bunga.

Il latte sardo negli anni è cresciuto in qualità, tanto da essere uno dei migliori al mondo, è principalmente da pascolo, ma questa caratteristica positiva non entra negli standard industriali. Come qualità vengono registrati solo i parametri del grasso, caseina, proteine, cellule somatiche e carica batterica.

Vengono tralasciati quelli che invece fanno la reale differenza come l’alta concentrazione di CLA, Acido Linoleico Coniugato, acido grasso polinsaturo che impedisce la crescita del colesterolo cattivo in chi si ciba di quel formaggio. Un imprenditore caseario produce formaggio certificato con quelle caratteristiche con ottimi risultati di mercato. Un strada da seguire.

Negli anni i pastori sardi sono diventati imprenditori, è stato chiesto loro di migliorare le greggi, con il risultato di avere macchine da latte e nel contempo però alti costi di gestione. Una tendenza che forse andrebbe rivista, puntare più sulla qualità che sulla quantità. Però si insiste, anche in Sardegna stanno entrando razze iperproduttive come Assaf -300 litri a pecora- e la Lacune– 350 litri ad animale-; anche se il loro latte non può essere utilizzato per la produzione di formaggi dop, accresce la quantità totale.

L’altro aspetto, quello più urgente, è che va totalmente rivista la struttura commerciale che non può essere lasciata a una moltitudine di soggetti, imprenditori e cooperative che si fanno la lotta tra di loro abbassando i prezzi.

La crisi attuale è forse l’ultima chiamata. Altre realtà nel mondo si stanno muovendo per accaparrarsi la domanda di latte ovino. La Nuova Zelanda sta riconvertendo il suo patrimonio ovino da lana e carne a latte con un investimento di 400 milioni di dollari.

Il mercato dovrebbe essere quello del latte in polvere per la Cina. La Turchia oggi produce carne e lana ma potrebbe convertire gli allevamenti, L’Iran aspetta solo che qualche imprenditore europeo insegni loro le tecniche di caseificazione.

Gli incentivi agli allevamenti sardi sono solo palliativi, occorrono strumenti nuovi e tecnici preparati ad affrontare i mercati internazionali. Siamo sull’orlo della catastrofe che travolgerà produttori e trasformatori. Possiamo evitarla, però è l’ultima chiamata.

 

Fonte: Sardegna Soprattutto




Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie