Il comitato volontario cittadini di Nuxis “Sa Turri” prosegue la sua battaglia per la difesa della gestione autonoma comunale dell’acqua.


Il comitato volontario cittadini di Nuxis “Sa Turri”, riunitosi lunedì 9 ottobre per il rinnovo delle cariche sociali, si è confrontato sulle ultime problematiche legate alla salvaguardia della gestione autonoma del servizio idrico, per la difesa dell’acqua di Nuxis da quella che definisce «la bramosia del gestore unico Abbanoa», per organizzare le migliori azioni da intraprendere dopo gli ultimi eventi che hanno portato i cittadini ancora una volta a scendere in campo per difendere il diritto inalienabile al bene acqua.

«Il 20 settembre 2017 – si legge in un comunicato firmato dal presidente del Comitato Basilio Bacchis – un blitz inaspettato, presso i locali dell’EGAS di Cagliari, si è riunito il Comitato istituzionale d’Ambito (CIA), composto dall’assessore dei Lavori pubblici Edoardo Balzarini e dai rappresentanti dei Comuni della Sardegna i quali, noncuranti delle esaustive documentazioni ed informazioni fornite dagli enti locali interessati, hanno deliberato il definitivo trasferimento della gestione del Servizio Idrico Integrato (SII) dei suddetti 28 Comuni alla società Abbanoa Spa. Questo comitato non ci sta a questo sopruso, l’acqua non si vende!»

«Siamo convinti della necessità che i rappresentanti politici regionali – aggiunge Basilio Bacchis – ripensino ad una forma di gestione che consenta agli enti locali interessati do fornire liberamente i propri servizi pubblici economici, attraverso un’esclusiva organizzazione interna dei servizi, senza il vincolo di avvalersi di società in house providing, le quali comporterebbero maggiori dispendi di risorse ed alti costi per tutta la collettività. Siamo inoltre consapevoli che, per continuare a gestire il servizio in autonomia, è prioritario accedere ad investimenti pubblici che consentano all’Amministrazione comunale di preservare e tutelare la riserva idrica.»

«Il comitato all’unanimità decide di continuare la lotta, con maggiore convinzione e determinazione, contro il tentativo di aggirare la volontà popolare, certo che la risorsa acqua sia innanzi tutto parte integrante dell’identità e dell’autonomia della nostra comunità – conclude il presidente Basilio Bacchis – e conferma l’impegno di affiancare e supportare in senso propositivo l’attuale Amministrazione comunale, al fine esclusivo del riconoscimento della gestione autonoma del servizio idrico integrato ed invita tutta la popolazione ad unire le forze per sostenere la battaglia.»

Ricordiamo che giovedì, nel corso dell’incontro tra i sindaci dei Comuni aderenti al GASI (Gestioni Autonome Servizio Idrico) e i capigruppo del Consiglio regionale, il presidente Gianfranco Ganau ha detto che «c’è la convergenza dei capigruppo sulla volontà di definire in tempi brevi la posizione dei Comuni che gestiscono autonomamente il servizio idrico e definiremo al più presto lo strumento legislativo che ci consenta di arrivare a questo risultato».

image

Comments

comments

image Author: Giampaolo Cirronis Editore: Giampaolo Cirronis Ditta individuale - Via Cristoforo Colombo 09013 Carbonia Direttore responsabile: Giampaolo Cirronis Partita Iva 02270380922 N° di iscrizione al ROC (Registro degli Operatori di Comunicazione): 9294. Tel. 328 6132020 Mail - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

vedi su laprovinciadelsulcisiglesiente


Condividi la notizia con i tuoi amici sui social network Facebook e Twitter
Condividi su Facebook









Per vedere tutte le notizie dalla Sardegna, metti mi piace alla nostra pagina facebook

Su questo sito utilizziamo cookie di profilazione di terze parti. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la Cookie Policy