sardanews

Siamo a Maracalagonis, dove durante lo spettacolo in piazza di Reverendo Jones in occasione dei festeggiamenti della Madonna d'Itria è stata lanciata una "Bomba". Un ordigno che non ferisce fisicamente nessuno, ma ha colpito al cuore del comune di Maracalagonis. Lo spettacolo del 6 giugno 2017 nella piazza principale del paese è iniziato con una buona dose di satira: una finta telefonata tra un emigrato e un residente che parlano della situazione di Mara, ed è continuato tra un brano e l'altro con una Ninna Nanna che invita i cittadini a "Svegliarsi ed evolversi nel pensiero". Niente di esagerato, ma pura e sana satira che ha fatto sorridere Maresi e non. Pare che però non abbia fatto sorridere l'amministrazione comunale del paese, abituata a vedere i soliti gruppi proposti dalle agenzie per le feste paesane, che restano buoni e sicuramente non conoscono e non sono interessati alle dinamiche politiche locali. Ma questa volta il comitato della Madonna d'Itria ha scelto un artista locale, ed in comune non hanno gradito la satira sul palco. Per "spiegare" il suo spettacolo Antonello Pusceddu noto Reverendo Jones ha pubblicato una nota sul suo profilo facebook che pubblichiamo integralmente.

L’Attentato al Comune di Maracalagonis..

Cari Compaesani,  È passata una settimana dal "Live in Bidda" ma, a quanto pare, questo evento ha lasciato un segno, un po' come una bomba, il cui fragore rintrona ancora di bocca in bocca, nelle case, nei luoghi pubblici tutti, dal mercato alle poste, dai Bar alla sala d'attesa del medico, ma sopratutto nel palazzo del Comune, ove in effetti ha avuto luogo il terribile "attentato".  Ebbene sì! E non scrivo "attentato" solo perché oggi va molto "di moda".. Lo scrivo perché é proprio così che lo si è vissuto ai vertici.  Incriminati in particolare modo i due momenti, quello introduttivo della "Telefonata" e la ormai famigerata "Ninna Nanna", che sarebbero stati i due ordigni che hanno compromesso le fondamenta del governo politico Marese.. Caspita..  Eppure era semplicemente sana, pura e genuina Satira.  Prenderemo in considerazione fra poco i due momenti nel dettaglio, ma prima vorrei soffermarmi brevemente sulla definizione di "Satira" e sulla sua valenza storica.  I primi cenni storici di essa sono attribuibili addirittura all' VIII Secolo A.C.  Cito fonte Wikipedia:   "La Satira è un genere della letteratura, delle arti e, più in generale, di comunicazione, caratterizzata dall'attenzione critica alla politica e alla società, mostrandone le contraddizioni e promuovendo il cambiamento.  Sin dall'Antica Grecia la satira ha sempre avuto una fortissima impronta politica, occupandosi degli eventi di stretta attualità per la città (la polis), e avendo una notevole influenza sull'opinione pubblica ateniese, proprio a ridosso delle elezioni. Per questo hhtuujjjjjmotivo, è sempre stata soggetta a violenti attacchi da parte dei potenti dell'epoca".  Atene.. che splendore! Il luogo in cui é nata la Democrazia, il luogo in cui il popolo poteva riunirsi in assemblea coi governanti per esprimere la propria volontà in merito a qualsiasi tema riguardasse lo sviluppo, le politiche della Città, il luogo in cui è nata la Filosofia, in cui l'omossessualità non conosceva pregiudizi, il luogo in cui il popolo, proprio attraverso il teatro e la satira, potevano esprimere il malcontento e suggerire la via per il cambiamento.. Magnifico! Tutto ciò accadeva VIII secoli prima di Cristo.. é sorprendente pensare quanto il mondo oggi sia regresso rispetto ad un passato così luminoso.  Ma entriamo nel vivo della questione.  Non ho mai amato fare l'esegesi dei miei testi, forte della convinzione che ogni ascoltatore sia una storia a se, ho sempre creduto che ciascuno, col proprio bagaglio d'esperienza e cultura, arrivi dove può.. Stavolta, ahimè, mi trovo costretto.  Premetto che, a scanso di equivoci e per lasciar voi giudicare se i miei interventi si possano reputare offensivi, pubblicherò i due momenti in discussione.  

Prendiamo in analisi l'ordigno numero 1!  La telefonata.  

Questa si svolge tra due compari: un compaesano emigrato che manca dalla cittadina da 25 anni  e un compaesano che invece è residente in loco.  L' emigrato palesa l'idea di voler tornare al paese d'origine per costruirsi finalmente una vita "a casa".  Il compaesano residente è titubante di fronte alle speranza dell'altro di trovare un paese cambiato, evoluto, nel quale poter trovare tutti gli agi di una vita sociale equilibrata.  Di fronte a questa titubanza, l'emigrato cerca di sincerarsi dello stato del paese, chiedendo al compare come si siano sviluppate le varie opportunità di crescita che il paese aveva già messo in atto quand'egli ancora vi abitava..  Chiede in merito a diverse situazioni: il palazzetto, il parco giochi per i bimbi, la piazza che stava nel quartiere dove è cresciuto.. Chiede se vi sia un giardino, un parco pubblico dove potersi incontrare nelle sere estive.. chiede infine di Torre delle stelle, ritenendola luogo in cui il paese avrebbe potuto sviluppare una politica di turismo..   Il compare residente si trova costretto a presentargli la realtà, come in una sequenza di scatti fotografici, dove SENZA ESPRIMERE ALCUN GIUDIZIO, descrive i luoghi come in effetti stanno allo stato attuale..  Infine, scoraggiato oramai, l'emigrato a mo' di battuta, chiede se, tra le tante cose che non sono cambiate, il paese abbia almeno cambiato Sindaco.. Il compare residente dice che il Sindaco è lo stesso di 25 anni prima, quando l'emigrato ancora si trovava in paese.. senza esprimere alcun giudizio in merito..   l'emigrato ride di gusto, pur amareggiato, chiedendo se il paese non sia rimasto al Medioevo e, piuttosto che pensare ancora di far ritorno a Maracalagonis, propone al compare residente di partir pure lui..      

Ora, lasciamo l'analisi alla fine e procediamo con l'ordigno numero 2: La Ninna Nanna..  

Ad un certo punto dello spettacolo si sente il pianto inconsolabile di un bimbo e, chiedendo scusa al pubblico per l'interruzione, mi dedico a suonar la ninna nanna al bimbo per farlo dormire..  La Ninna nanna si staglia in un analisi critica della mentalità paesana, considerato come l'unico vero problema del paese, di cui tutti i mali sono conseguenza, portando in se la speranza che un giorno il paese possa evolversi e cambiare mentalità.  Ecco il testo:     

SOTTO CRABONI, SECCA COLLINA  STA DEI MARESI LA CITTADINA  PUÒ SEMBRAR BELLA MA, AD ENTRARCI DENTRO,   POTRESTI AVERE UN RIPENSAMENTO..  NULLA È CAMBIATO TRANNE CHE LÌ  C'È UNA ROTONDA E L'ALTRA È A GANNÌ,  MA IL SUO PROBLEMA AD ESSER SINCERO   STA NELL'EVOLVERSI DEL PENSIERO...     QUI LA POLITICA É INESISTENTE   FUNZIONA SOLO IL VOTO AL PARENTE  COSÌ SE PURE VI È IL MALCONTENTO   PER NON FAR TORTO NESSUN LAMENTO  LE MALELINGUE DICON CHE QUI   PAGANO I VOTI IN SPESA EUROSPIN..   CHISSÀ SE IN QUESTO CI SIA DEL VERO?  INTANTO IL PAESE PAR CIMITERO     FUGGONO I GIOVANI CHE HANNO INTERESSI   PER NON FINIRE SOTTO AI CIPRESSI   IL CETTO MEDIO SEMBRA CONTENTO   SE SI RIASFALTA UN PO IL PAVIMENTO   MA SON TUTTI IN STRADA I NOSTRI BAMBIN   RINCOGLIONITI AI TELEFONIN..  MARA SARESTI BELLA DAVVERO   SE TI EVOLVESSI NEL TUO PENSIERO..     

Analisi conclusiva.     

Considerando l'ordigno n.1 (Telefonata) si può evincere che, non vi é nessun insulto o giudizio personale su chi governa il nostro paese, bensì una oggettiva analisi dello stato in cui versa lo stesso. La battuta finale in cui viene menzionato il sindaco è inequivocabile: dice esclusivamente che oggi abbiamo lo stesso sindaco che avevamo 25 anni fà, ne più ne meno.  Ognuno è libero poi di fare le proprie considerazioni, ma la mia Satira rimane uno stimolo alla riflessione, niente di più.  Se c'è bisogno, faccio notare che anche questo scatch punta sempre il dito su noi cittadini. Certo, il compito del fare spetta a coloro i quali cittadini affidano il Paese, d'altronde é il lavoro per il quale gli paghiamo, ma la responsabilità del progresso di un paese coinvolge tutti, nessuno escluso, governati e governanti.            

Considerando l'ordigno n.2     

Sulla Ninna Nanna è ancor più marcata la volontà di rendere responsabili noi cittadini della mancata crescita del paese, a causa della nostra chiusura mentale. Si prendono infatti in considerazione l'atteggiamento lascivo tipico del cittadino medio, il rassegnato accontentarsi delle briciole, l'assenza di una cultura politica e il cenno alle sempre vociferate scorrettezze o poco democratiche maniere di procurarsi la fiducia degli elettori..  Non c'è una mira precisa a questa o quella giunta comunale, bensì alla nostra superlativa ignoranza, che ancora una volta non risparmia nessuno.     

Riflessioni Conclusive.     

Questa vicenda crea in me due stati d'animo contrastanti..   Uno di disagio e l'altro, quello predominante, di grande gioia.  Disagio in primis, perchè debbo constatare il limite di chi,  male interpretando i miei due interventi, gli ha ritenuti offensivi.  Grande gioia invece è il sentimento che predomina e chiude   ( o apre? ) questa vicenda, per svariate ragioni.  La prima è quella insita negli interventi stessi,   ovvero l'intenzione di risvegliare un po' le coscienze   del nostro paese e penso che questo colpo sia andato a segno,   anche meglio di quanto mi aspettassi..  Un altra ragione, conseguenza di questi interventi,   è il riequilibrio delle parti in causa, ovvero governati e governanti.  Da che conosco questo paese, la mentalità di chi governa    si è sempre espressa con modi un pò da "regime" nei confronti del popolo.  Un po' come dire "Ora in cattedra ci stiamo noi e si fa a modo nostro".  Un esempio palese in quest'ultima occasione in cui,   anzichè ascoltare la voce del paese   in gran parte allineata con la Satira,  Ci si è barricati dietro un sentirsi offesi senza ragioni..  Esempio banale:   Se un cliente per il quale lavoro si dovesse lamentare,   piuttosto che offendermi, la mia prima mossa sarebbe capire  se e dove ho sbagliato e sopratutto come posso fare per rimediare..   Ci si dimentica spesso che si è là per svolgere un servizio al cittadino   e, casomai, chi deve chinare il capo è chi sta sulla poltrona  perché deve render conto del suo operato o del suo Non operato.  Mi sarei aspettato un plauso da parte delle autorità,  Un atteggiamento maturo di chi,   sentendosi toccato come parte attiva della comunità,   a fine serata fosse venuto a stringermi la mano, magari dicendo:  "Caro Reverendo, ci hai pizzicati tutti con la tua satira,  ma sarà occasione per riflettere   e magari intavolare un discorso di crescita per il paese"  L'atteggiamento di risposta invece è un chiaro sintomo   dell'arretratezza mentale che, a quanto pare,   non ha risparmiato proprio nessuno.  L'ultima cosa che mi da grande gioia, infine,   è la nascita della mia bambina che ha stravolto la mia vita..  Cosa c'entra?   Grazie al suo arrivo ho cominciato a riflettere   su quale futuro avrei potuto darle, su cosa poter fare   per migliorare il mondo attorno a me.. iniziando proprio dal mio paese.   La cosa migliore che si possa fare é investire le proprie energie   la dove siamo più forti, mi son detto..   Bene allora, io scrivo, ho l'immensa fortuna di poter parlare a tanta gente,  Mi son detto che avrei dovuto dare ancora di più in questo senso..  Quale miglior occasione nel live in bidda per mettercela tutta   e aiutarci assieme a risollevare la testa?   Ecco.. credo di aver agito per il bene del paese,  credo che si debbano unire le forze e credo che le autorità  stavolta debbano fare un passo indietro, scendere in piazza e riabbracciare la gente,  dando l'esempio con una politica creativa che ci restituisca l'orgoglio perduto d'essere cittadini di questo paese.. Sono fiducioso perchè so che il nostro sindaco Mario Fadda,   è persona intelligente.. mi aspetto una stretta di mano e un impegno maggiore..  Suo, Mio, Vostro.. o meglio, Nostro..  Un abbraccio al Paese tutto e un augurio.. Evolviamoci nel nostro pensiero!      

 

Antonello Pusceddu.

Eccole le Ragazze Cagliaritane, in diretta da Sant'Elia pronte a ballare il raggaetton!

Sono in fila da stamane, sfidando il caldo africano di oggi, per un posto in prima fila al concerto di questa sera all'Arena Sant'Elia,

dove sarà di scena il re del reggaeton, Daddy Yankee.

Uno spettacolo attesissimo dai giovani cagliaritani amanti di questo genere musicale!

Un giovane sub è stato trovato senza vita questo pomeriggio nelle acque di Kal'è Moru, in località Geremeas, nel territorio comunale di Quartu.

Si tratta di Massimo Orrù, 33 anni di Sinnai.

La notizia si è diffusa rapidamente a Sinnai dove il giovane era amato e stimato da tutti. 

E' stato un bagnante ad accorgersi dell'uomo a quaranta metri dalla riva.

Sul posto le forze dell'ordine e i soccorritori del 118 che nulla hanno potuto fare per il sub, stroncato probabilmente da un malore durante un'immersione. 

C'è un modo semplice e gratuito per aiutare concretamente le associazioni di volontariato della nostra zona: Devolvere il 5x1000 nella dichiarazione dei redditi. Farlo è semplice, basta inserire il codice fiscale di una delle associazioni nel modello 730 o darlo al caf di zona, assieme a tutta la documentazione da detrarre, oppure indicarlo durante la procedura del precompilato online sul sito delle entrate.

Pensiamo sia essenziale che i soldi del 5x1000 vadano ad una delle associazioni che operano a Sinnai-Settimo e Maracalagonis, è un modo per aiutarle e forse anche per ringraziarle, per il servizio svolto nella nostra comunità.

Ricordiamo che donare il 5x1000 non costa nulla: è una quota d'imposta a cui lo Stato rinuncia a favore degli Enti accreditati, a sostegno della loro opera sociale, culturale e di ricerca scientifica e se non verrà devoluto a nessuna Associazione sarà incamerato dallo Stato.

Questa la lista completa dei soggetti che hanno chiesto di accedere al beneficio del 5 per mille di Sinnai e Dintorni.

VAB SINNAI - SARDA AMBIENTE - VIA SEGANTINI 20 - SINNAI CF: 92182070927

AVIS COMUNALE SINNAI  - VIA SOLEMINIS 15/B - SINNAI CF: 92193660922

S.S.C. LA PINETA ASD VIA S.ISIDORO SNC SINNAI CF: 01504070929

7 FRADIS RUGBY CLUB ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA VIA ORTOBENE 8 SINNAI CF: 02387680925

SINNAI CALCIO A11 ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA V OLIMPIA LOC SANT ELENA C/O STADI SINNAI CF: 03492910926

IMPARA CON NOI COOPERATIVA SOCIALE ONLUS VIA FIUME 17 SINNAI CF: 01735960922

ANTEROS SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE A R. L .ONLUS VIA SERRI 26 SINNAI CF: 02308090923

HELIOS SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE VIA FARINA N 2/B SINNAI CF: 03080090925

ASSOCIAZIONE MUSICALE G.VERDI VIA PERRA 61 SINNAI CF: 92018860921

ASSOCIAZIONE MA.SI.SE A.R.V.P.C. "ONLUS" VIA DELLA LIBERTA 139 SINNAI CF: 92036100920

FRATERNITA' DI MISERICORDIA DI SINNAI PIAZZA CHIESA 7 SINNAI CF: 92039740920

IS ANGELUS VIA BELLAVISTA 73 SINNAI CF: 92126110920

SUB SINNAI ASD ,PROTEZIONE CIVILE,SOCCORSO A MARE,OPERATIVITA'SPECIALE VIA DELLA LIBERTA' N 143 SINNAI CF: 92000860921

ASSOCIAZIONE MADIBA SINNAI VIA DELLE GINESTRE 8 SINNAI CF: 92218290929

ASSOCIAZIONE LE MANI TESE VIA TIEPOLO 28 SINNAI CF: 92224720927

UN MARE DI MANI PER MANUEL VIA CORDA 4 SINNAI CF: 92230950922


AVAS KALAGONIS ONLUS - 
VIA OMERO 1 - MARACALAGONIS CF: 03030190924

ASD IL SOGNO DELLE GIOVANI PROMESSE DI MARACALAGONIS - VIA ROMA 12 - MARACALAGONIS CF: 92216840923

ASD ATLETICO SETTIMO VIA LAZIO 1/A SETTIMO SAN PIETRO CF: 92221770925

A.S.D. BODYFREE VIA SPINELLI ALTIERO SNC SETTIMO SAN PIETRO CF: 92231710929

ASSOCIAZIONE PUNTO A CAPO ONLUS VIA GRAZIA DELEDDA N 17 SETTIMO SAN PIETRO CF: 02540500929

BAU-CLUB SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE ONLUS LOCALITA' STAINI SECCHE LEPRIS SETTIMO SAN PIETRO CF: 03168550923

CONFRATERNITA DI MISERICORDIA DI SETTIMO SAN PIETRO VIA ALDO MORO 41 SETTIMO SAN PIETRO CF: 92169210926

ASSOCIAZIONE "AMICI DEL BRANCO" ONLUS VIA VENETO 7 SETTIMO SAN PIETRO CF: 92176280920

ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO PROTEZIONE CIVILE SETTIMO SAN PIETRO PIAZZA GIANNI RODARI 1 SETTIMO SAN PIETRO CF: 92183150926

ASD SCUOLA BEACH TENNIS SARDEGNA VIA GARIBALDI N 124 SETTIMO SAN PIETRO CF: 92231440923

In caso di errori/mancanze segnalatele a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

"Basta all'abusivismo nel commercio".

L'assessorato comunale al Commercio e alle Attività produttive è deciso a portare avanti questa battaglia in stretta collaborazione con la polizia municipale.

L'Assessora al Commercio Stefania Atzeri dichiara guerra agli abusivi: "L'obiettivo è quello di tutelare le attività regolari. Un progetto il nostro che ha già convinto alcuni cittadini che operavano nel sommerso a mettersi in regola. È dovere di una buona amministrazione tutelare chi nel tessuto sociale opera regolarmente, pagando anche le tasse e contribuendo alla crescita della nostra comunità. Un giro di vite che sta dando i primi frutti grazie anche all'impegno dei vigili urbani che stanno effettuando controlli mirati".

Una notizia che arriva nel cuore della notte. Una brutta malattia ha portato via poche ore fa Roberto Concina, da tutti conosciuto come Robert Miles. Aveva 47 anni.

A dare la notizia il sito djmagitalia

Dj e produttore di assoluto livello, Miles aveva raggiunto il successo mondiale con “Children”, un capolavoro senza tempo, nel cuore di tutti noi. L’album “Dreamland” aveva contribuito a definire un nuovo suono definito “progressive”, aggiudicandosi diversi dischi di platino e d’oro in tutto il mondo. Da solo “Children” ha superato i 5 milioni di copie.

Da molti anni abitava a Ibiza dove si stava dedicando con passione alla sua più grande passione, la musica, in tutte le sue forme, dalla produzione alla radio.

La testimonianza di un amico e caro collega, Joe T Vannelli: “La tragica notizia della scomparsa di un grande talento e artista del nostro tempo, mi rende incredulo e sconvolto. Con lui se ne va anche una parte della mia vita di produttore artista. Mi mancheranno i litigi, le risse, le critiche, i giudizi ma sopratutto il tuo talento nel trovare suoni e melodie impareggiabili”.

L'associazione Madiba, organizza un incontro col giornalista Silvestro Montanaro* sul tema "Le bugie sull'Africa" che si terrà venerdì 16 giugno alle ore 17,30, presso la biblioteca civica di Sinnai.

Si approfondirirà il discorso cominciato il 21 aprile con l'evento "Sinnai incontra l'Africa e il sogno di Sankara".

Ci sarà la possibilità di approfondire la situazione del continente Africano attraverso un giornalista molto competente che ne ha conoscenza diretta e approfondita, ci saranno riferimenti ai passati interventi coloniali, a quelli più o meno recenti degli aiuti umanitari e delle missioni di pace, si parlerà di debito, sfruttamento delle risorse naturali, e delle relazioni tra questo e le numerose guerre che insanguinano l'Africa, cercando di ragionare sulle possibili soluzioni per l'Africa e per il mondo, anche alla luce del pensiero di Thomas Sankara.

Seguirà dibattito aperto con:

- Silvestro Montanaro, 

- Ahmadou Gadiaga, presidente associazione Yakaar

- Kilap Gueye, presidente associazione Sunugaal

- Antonello Pabis, presidente associazione ASCE

Sarà allestita la mostra “Sostiene Sankara” a cura dell'associazione Amanda, la storia del presidente Burkinabè attraverso il linguaggio immediato del fumetto e dell’illustrazione.

Ci sarà un banchetto del comitato "Ero Straniero" per la raccolta delle firme in favore della proposta di legge di iniziativa popolare: "Nuove norme per la promozione del regolare soggiorno e dell'inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari", una campagna culturale e una legge di iniziativa popolare per cambiare il racconto, superare la legge Bossi-Fini e vincere la sfida dell’immigrazione, puntando su accoglienza, lavoro e inclusione.

* Silvestro Montanaro Tra i fondatori di Samarcanda, coautore assieme a Michele Santoro di “Il Rosso e i Nero” e Tempo reale. Autore di Dagli Appennini alle Ande e C'era una volta. E' il documentarista che nel mondo ha realizzato più reportage e documentari sui diritti umani, le guerre dimenticate e le pagine più buie della geopolitica. Autori di Vari libri d'inchiesta su mafie e loro protettori, malasanità ed Africa. Vincitore dei più prestigiosi premi giornalistici nazionali ed esteri, selezionato per l'oscar del documentario. Non ha mai chinato la testa e tre anni fa è stato costretto a lasciare la Rai. Il suoi editori sono stati e restano la ricerca della verità ed il pubblico. 

Tamponamento a catena, al semaforo di Settimo San Pietro in Via San Salvatore questo pomeriggio poco prima delle 17.00.

A restare coinvolte nel sinistro un Alfa Mito, una Porsche e un furgone.

Secondo una prima ricostruzione pare che il Furgone sia andato contro il Porsche che a sua volta si è scontrato con l'Alfa Mito.

 L’impatto è stato piuttosto violento, tanto che nel Porsche in cui viaggiavano due ragazze si sono aperti gli airbag.

Le due giovani sono rimaste ferite in maniera lieve, illese le altre persone coinvolte nell'incidente.

Per una neo promossa chiudere il campionato di Serie A all’undicesimo posto, senza mai correre il rischio retrocessione, è un vero successo. È quanto accaduto nel campionato appena trascorso al Cagliari di mister Massimo Rastelli, capace di dare alla propria squadra un’identità di gioco ben precisa che ha portato gli isolani a portare al termine un campionato senza particolari patemi, cercando di imporre il proprio gioco su ogni campo, anche quelli più difficili. Lo sperano soprattutto i tifosi e gli appassionati di scommesse Italia che vorrebbero vedere i propri beniamini che possano partire magari favoriti anche nei match con squadre più blasonate. 

I programmi per la prossima stagione 

La società sarda ha intenzione di migliorare l’undicesimo posto raggiunto nell’ultimo campionato di Serie A. Per farlo si è messa già al lavoro per consegnare nelle mani di mister Rastelli una rosa competitiva, in grado di riproporre quanto di buono fatto nel campionato 2016/17 e migliorare quelli che si sono mostrati i punti deboli della squadra rossoblù. Il primo passo, però, è quello di confermare gran parte dell’organico che tanto bene ha fatto nell’ultima stagione. In questa direzione vanno i rinnovi di Fabio Pisacane e Marco Sau. Il terzino napoletano, autore di una stagione di grandi livelli, ha rinnovato fino al giugno 2018, mentre il fantasista sardo ha firmato un contratto che lo legherà ai rossoblù fino al 30 giugno 2019. Stesso discorso per il tecnico Massimo Rastelli che ha appena firmato il rinnovo contrattuale con la società sarda fino al giugno del 2019.

Per rinforzare il club rossoblù ha sondato il terreno per l’uruguayano Avenatti della Ternana e per Francesco Nicastro del Perugia. L’esterno ha ben figurato nell’ultima stagione con gli umbri e potrebbe rappresentare una valida alternativa a Joao Pedro. Per il centrocampo le attenzioni sembrano essere tutte sull’ex Napoli Luca Cigarini. Il centrocampista è reduce da una stagione tutt’altro che entusiasmante con la maglia della Sampdoria e cerca il riscatto. Il Cagliari potrebbe rappresentare un’ottima possibilità per l’ex Atalanta che piace tanto al tecnico Massimo Rastelli. Da ricordare che nel prossimo campionato il tecnico dei rossoblu dovrà fare a meno di Tachtsidis, tornato al Torino, e di Davide Di Gennaro, al quale non è stato rinnovato il contratto. Altro calciatore che sembra destinato all’addio è il difensore Bruno Alves. Il portoghese è ad un passo dagli scozzesi dei Rangers di Glasgow.

Questione Sardegna Arena

La società del Cagliari sta per compiere un passo importante verso la propria crescita: la Sardegna Arena. Finito il campionato di Serie A, infatti, sono entrati nel vivo i lavori al cantiere del nuovo stadio temporaneo che ospiterà il Cagliari a partire dalla prossima stagione sportiva. In queste settimane gli operai si sono concentrati in particolare sulla Main Stand. Ormai quasi completata la posa delle gradinate in legno lamellare, si lavora al montaggio della copertura della tribuna. Sono già pronte le prime pannellature, che presumibilmente saranno posizionate già nei prossimi giorni. A pochi passi dallo stadio temporaneo, la Sardegna Arena, una squadra di operai ha iniziato a smontare la Curva Sud dello stadio Sant’Elia. Insomma, il futuro del Cagliari Calcio sembra essere roseo e la società punta a migliorarsi anno dopo anno. 

 

 
Si chiama "Le memorie del Barbiere" la mostra ideata da Salvatore Cristaldi.
Una mostra dedicata agli oggetti da barbiere del passato che si svolgerà il 04-06-2017 a Sestu (CA) in via Raffaello 20.
All'interno del locale saranno esposti tantissimi oggetti, immagini storiche, documenti con diverse tematiche attinenti al mondo della barberia.
Gli oggetti provengono dalla collezione privata di Salvatore Cristaldi noto barbiere del paese.




Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie