Sardegna, meta "vip" anche a Natale


Con la situazione meteo avversa e le notizie poco confortanti che giungono allo spettatore da tutti i media a causa degli ormai continui danni che il maltempo lascia dietro di sé, una buona parte di italiani dichiara che farebbe volentieri a meno delle stagioni più rigide a favore di più miti condizioni climatiche. Appare evidente che per questa fantasiosa proposta non c’è molto da fare: l’unica cosa da fare è quella di viaggiare con la mente a latitudini tropicali o, per i più fortunati,  programmare il prossimo viaggio in una delle mete più agognate dal turista accalorato. 

La Sardegna rimane un punto fisso per molti: persino il governo nel riordino delle regioni non la annette a nessun’altra né tanto meno le cambia nome; allo stesso modo sono in molti a considerarla la meta delle vacanze più agognate: coloro che cercano un mix di monti, boschi e pianure, il tutto attraversato da fiumi che hanno come capolinea il Mediterraneo, sul quale si affacciano le interminabili spiagge sabbiose, come la Pelosa o la spiaggia di Stintino. 

E poi i nuraghi, l’arcipelago della Maddalena con le sue calette e il paesaggio ancora incontaminato, l’unicità di Carloforte a San Pietro, il fascino medievale di Castelsardo, tutti luoghi unici ed incantevoli, dove far rischiare al proprio sguardo una overdose di bellezza paesaggistica, come nell’affascinante Alghero, in cui ci si può andare anche senza uno straniero.

L’importante infatti non è la compagnia ma non doversi limitare a tirare fuori il portafogli: nonostante tutto infatti la Sardegna resta una delle mete più inaccessibili dal punto di vista economico: prezzi esorbitanti sono un ottimo deterrente per tenere lontani personaggi indesiderati e garantire una élite tra i fruitori della seconda isola più grande del Mediterraneo; c’è gente che “pur di esserci” è disposta a chiedere un prestito, operazione che oggi è quanto mai semplice grazie a siti come Zonaprestiti.com che mettono a disposizione un confronto tra spese e condizioni dei prestiti in concessione da istituti bancari e finanziarie. Una volta che si è in vacanza poi è fatta: la Sardegna fa dimenticare ogni altra cosa, anche i debiti… cin cin!


Condividi la notizia con i tuoi amici sui social network Facebook e Twitter
Condividi su Facebook








Per vedere tutte le notizie dalla Sardegna, metti mi piace alla nostra pagina facebook

Su questo sito utilizziamo cookie di profilazione di terze parti. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la Cookie Policy

All for Joomla All for Webmasters