Ritrovati i ragazzi scomparsi in Sardegna, il video della mamma a “Chi l’ha visto?”: “Grazie di cuore a tutti”. La vicenda si è conclusa con un bel lieto fine: i tre ragazzi scomparsi nel Cagliaritano nei giorni scorsi sono stati ritrovati ieri sera a Nuoro. Oggi il commovente video di ringraziamento della mamma alla troupe del popolarissimo programma di “Chi l’ha visto?” su Rai Tre: “Grazie mille di cuore a tutti quelli che ci hanno aiutati”….Dopo tanta ansia e preoccupazione, finalmente l’ora del sollievo. Anche Casteddu Online aveva lanciato diversi appelli per il loro ritrovamento.

L'articolo Ritrovati i ragazzi scomparsi in Sardegna, il video della mamma a “Chi l’ha visto?”: “Grazie di cuore a tutti” proviene da Casteddu On line.

Fonte: Casteddu on Line

Sardegna, va a farsi visitare in ospedale al cuore: poi torna a casa e muore d’infarto. Ancora una strana morte in Sardegna: un uomo di 55 anni, Gianfranco Suelzu, si è presentato in ospedale con forti dolori per un controllo cardiologico. Rientrato a casa, è poi morto in seguito a un malore. La vicenda è avvenuta a Tempio, la riporta oggi La Nuova Sardegna. Al momento però  non è stata aperta nessuna inchiesta. La famiglia non ha presentato denuncia.

L'articolo Sardegna, va a farsi visitare in ospedale al cuore: poi torna a casa e muore d’infarto proviene da Casteddu On line.

Fonte: Casteddu on Line

Dopo l’ultimo richiamo di giugno 2016 e gennaio 2017, HP, la multinazionale statunitense dell’informatica attiva sia nel mercato dell’hardware, ha annunciato nuovamente di aver avviato un programma di ritiro e sostituzione volontaria, in tutto il mondo e in collaborazione con vari enti governativi delle batterie che possono surriscaldarsi e prendere fuoco. La decisione del ritiro è maturata dopo che l’azienda ha ricevuto una segnalazione di incidente in cui la batteria ha preso fuoco liquefacendosi, causando un danno patrimoniale di almeno 1000 dollari. Il costruttore di computer, infatti, ha annunciato un’estensione del programma volontario a livello mondiale di ritiro e sostituzione di sicurezza delle batterie di determinati computer notebook e workstation portatili, che era stato annunciato a gennaio 2018. HP evidenzia che la decisione è stata presa in quanto le batterie dei modelli interessati dalla campagna di richiamo potrebbero surriscaldarsi, presentando un rischio di incendio e ustioni per i clienti. Il costruttore aggiunge anche un altro elemento molto importante. HP, infatti, invita i suoi clienti a ricontrollare la batteria in uso, anche se la verifica è già stata fatta in precedenza ed è stato riscontrato che non era tra quelle interessate. Se, però, nel frattempo avessero già sostituito la batteria, la verifica non sarà necessaria. I notebook interessati dal richiamo sono i modelli Notebook HP ProBook 64x (G2 e G3), HP ProBook 65x (G2 e G3), HP ProBook 4xx G4 (430, 440, 450, 455 e 470), HP x360 310 G2, HP ENVY M6, HP Pavilion x360, HP 11 e le workstation portatili HP ZBook (17 G3, 17 G4 e Studio G3). Da verificare anche le batterie acquistate come accessori o come sostituzione, sempre per i precitati modelli e sempre in quel periodo temporale. Non tutte le batterie di questi notebook sono esterne. Significa che i clienti non potranno sostituirle da soli. HP, proprio per questo, sta fornendo gratuitamente i servizi di sostituzione della batteria per mezzo di un tecnico autorizzato. HP sta anche rilasciando un aggiornamento del BIOS per aggiungere le batterie interessate dall’estensione del programma. L’aggiornamento del BIOS mette la batteria in “Modalità di sicurezza batteria” così che il notebook o la workstation possano essere utilizzati in tutta sicurezza senza la batteria collegandosi ad un adattatore di alimentazione HP. Le batterie interessate da questo ritiro dovranno essere immediatamente messe in “Modalità di sicurezza batteria”. La Modalità di sicurezza

Fonte: Casteddu on Line

Reddito di cittadinanza in Sardegna, ecco come richiederlo e quanto spetta a ciascun disoccupato.

Tutte le regole sono state pubblicate dal nostro giornale partner Quotidiano,net: “Il reddito di cittadinanza potrà essere chiesto via web, agli uffici postali o attraverso i Caf, mentre l’Inps verificherà se si è in possesso dei requisiti. Dopo l’accettazione, il beneficiario verrà contattato dai Centri per l’impiego per individuare il percorso di formazione o di reinserimento lavorativo. Si potrà beneficiare del sussidio «per un periodo continuativo non superiore a 18 mesi» rinnovabile «previa sospensione dell’erogazione per un mese prima di ciascun rinnovo». Il reddito sarà erogato attraverso una card unica emessa da Poste italiane: si potranno prelevare contanti per un massimo di 100 euro al mese se si è single. Chi non spenderà entro il mese i soldi assegnati li perderà. È vietato spendere soldi del Rdc per il gioco d’azzardo pena la revoca del beneficio.

Decreto pensioni e reddito di cittadinanza, il testo in pdf

IMPORTO – L’importo mensile è di 500 euro per un single con l’aggiunta di 280 euro per l’affitto: da qui i 780 euro. Se la casa è di proprietà ma si paga un mutuo, il contributo abitativo mensile scende a 150 euro. Per la pensione di cittadinanza(solo per over 67): massimo 630 euro più 150 per l’affitto. Al crescere del nucleo familiare, cresce l’ammontare del sussidio. Dividendo l’ammontare del fondo per il numero stimato dei beneficiari (5 milioni in 1,7 milioni di nuclei) e per i potenziali nove mesi di percezione del sostegno si ottengono poco meno di 400 euro medi a famiglia (140 a persona)”.

L'articolo Reddito di cittadinanza in Sardegna, ecco come richiederlo e quanto spetta a ciascun disoccupato proviene da Casteddu On line.

Fonte: Casteddu on Line

Cagliari, dimesso dall’ospedale muore il giorno dopo a casa: aperta un’inchiesta sulla polmonite fatale. La Procura vuole vederci chiaro sulla strana morte di un  paziente di 66 anni ricoverato per una polmonite, ex dipendente dell’Inps: dimesso dall’ospedale, è tornato a casa ed è morto la mattina dopo. La notizia è stata pubblicata oggi dall’Unione Sarda a firma di Andrea Manunza: l’uomo, Giampietro Ghiani, era stato ricoverato inizialmente al Santissima Trinità di Cagliari lo scorso 2 gennaio e poi trasferito all’ospedale di San Gavino. Poi le dimissioni e il giorno dopo la morte a Cagliari. I familiari hanno dunque presentato un esposto in Procura tramite il loro legale.

L'articolo Cagliari, dimesso dall’ospedale muore il giorno dopo a casa: aperta un’inchiesta sulla polmonite fatale proviene da Casteddu On line.

Fonte: Casteddu on Line




Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie