SASSARI. La Guardia di finanza di Olbia ha fatto chiudere un centro massaggi orientali che non aveva l'autorizzazione necessaria per il lavoro di estetista e che, come attività, risultava formalmente cessata nel giugno 2016.

Il titolare è un cittadino cinese che riceverà sanzioni pecuniarie

Fonte: La Nuova Sardegna

Una mozione per portare il bilinguismo nei Comuni sardi
Iniziativa de La Corona de Logu in occasione della Giornata Internazionale della Lingua Madre

Immagine d’archivio

La Corona de Logu, assemblea degli amministratori locali indipendentisti di Sardegna, in occasione della “Giornata Internazionale della Lingua Madre”, lancia un’iniziativa e un invito a tutti i suoi membri: l’adozione in Consiglio Comunale di una mozione per la promozione del bilinguismo e l’utilizzo del sardo in ciascun Comune.

Davide Corriga

“Consideriamo, infatti, prioritario”, spiega il sindaco di Bauladu Davide Corriga a nome dei rappresentanti dell’assemblea, “incentivare l’uso del sardo, nostra lingua madre, in tutti gli abitanti dell’isola, in ogni occasione, e in primo luogo proprio nelle amministrazioni pubbliche, che svolgono un ruolo di guida per le proprie comunità”.

La mozione è stata presentata nei Consigli Comunali di Bauladu, Gairo, Macomer, Mogoro, Oristano, Pabillonis, Samugheo, Scano di Montiferro, Serramanna, Serrenti, Simala, Simaxis, Terralba, Ussaramanna e Villanovaforru.

“A mozione approvata”, spiegano i rappresentanti de La Corona de Logu, “il Presidente del Consiglio comunale si impegna ad aprire ogni seduta del Consiglio comunale in sardo; la Giunta comunale si impegna, attraverso lo strumento che ritiene maggiormente opportuno (convenzione con le Università, attivazione di Sportelli Linguistici, altro), a pubblicare sull’albo pretorio istituzionale le delibere della Giunta e del Consiglio in lingua sarda in lingua italiana e i lavoratori del Comune si impegnano a utilizzare la lingua sarda nelle relazioni con il pubblico e con i colleghi dell’ente locale”.

“La Corona de Logu”, spiegano ancora i suoi rappresentanti, “fornisce ai suoi membri il modello di tale mozione, il modello della delibera di Giunta Comunale per l’adozione della lingua sarda negli uffici comunali e il modello di una convenzione con l’Università per la traduzione in sardo delle delibere municipali”.

“Ci auguriamo”, concludono i rappresentanti de La Corona de Logu, “che in futuro sempre più Comuni sardi s’impegnino nella diffusione dell’uso della lingua sarda nei rapporti col pubblico, in atti amministrativi, in occasioni ufficiali, contribuendo così alla crescita di una coscienza nazionale sarda diffusa nella popolazione e nelle istituzioni dell’Isola”.

La “Giornata Internazionale della Lingua Madre”. Il 21 febbraio di ogni anno è per volontà delle Nazioni Unite, dal 1999. Questa data fu scelta dall’Onu in ricordo del 21 febbraio 1952, quando diversi studenti dell’Università di Dacca vennero uccisi dalle forze dell’ordine pakistane mentre manifestavano a favore del riconoscimento della loro lingua, il bengalese, come lingua ufficiale del Pakistan.

Giovedì, 21 febbraio 2019

L'articolo Una mozione per portare il bilinguismo nei Comuni sardi sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

Da troppo tempo i proprietari di Su Stangioni a Cagliari, il famigerato rione ecosostenibile che doveva sorgere sulla piana di San Lorenzo, nella periferia cagliaritana, tra Mulinu Becciu e la SS 554, si domandano perché lo sviluppo del quartiere è fermo ormai dal 2006.

“Eppure – ha commentato Alessandro Sorgia, consigliere comunale di Cagliari – l’Amministrazione Zedda si è sempre vantata di voler ripopolare la città, incrementando il numero di residenti. Invece, non si capisce perché sia tutto bloccato e non si vada al di là delle buone intenzioni e non si soddisfa la domanda abitativa di tante persone”.

Nel mirino di Sorgia, il sindaco Zedda, candidato governatore del centrosinistra: “Si è appellato alle scusanti più strane, come il fatto che non voleva consumo del territorio. In un primo tempo, diceva che si sarebbero dovute occupare le case dei nonni in Castello, tra l’altro vecchie e diroccate. In seguito, voleva proporre altre aree come l’ex cementificio di Santa Gilla, che tra l’altro sarebbe da bonificare per la presenza di amianto. Intanto, i proprietari hanno dovuto subire oltre il danno anche la beffa: hanno dovuto pagare l’Imu sui terreni non potendoci costruire”.

Con un’interrogazione consiliare, Sorgia, oltre ad aver chiesto al Primo cittadino di conoscere i motivi della mancata costruzione del quartiere, ha chiesto attenzione per “le tantissime persone che negli anni si sono indebitate per Su Stangioni e che si sentono trattate dal come esseri inesistenti. Cittadini che si trovano in seria difficoltà economica, ma soprattutto psicologica”(red)

(sardegna.admaioramedia.it)

Fonte: Admaioramedia

MILANO. Il leader di Forza Italia

Silvio Berlusconi ha annullato l'appuntamento elettorale previsto a mezzogiorno a Sassari per un incontro urgente richiesto dalla capogruppo e dal presidente Antonio Tajani sulla Tav.

Resta invece confermata la conferenza stampa con i leader del centrodestra a Cagliari alle 16,45.

Fonte: La Nuova Sardegna

Berlusconi salta anche oggi la tappa elettorale di Oristano?
Il leader dei Forza Italia a Cagliari con Salvini e Meloni. Possibile rinvio a domani

Dovrebbe saltare oggi la tappa elettorale di Silvio Berlusconi a Oristano. A quanto si apprende il leader di Forza Italia sarà a Cagliari, alle 16.45, col leader della Lega Matteo Salvini e di Fratelli d’Italia Silvia Meloni, in una conferenza stampa di chiusura della campagna elettorale a sostegno della coalizione di centro destra e del candidato alla presidenza Christian Solinas.

Berlusconi potrebbe essere a Oristano domani. Già nei giorni scorsi era saltato un altro appuntamento elettorale del leader di Forza Italia in città.

Giovedì, 21 febbraio 2019

L'articolo Berlusconi salta anche oggi la tappa elettorale di Oristano? sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano




Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie