Il 16 e il 17 gennaio sarà possibile visitare a Silanus la mostra fotografica “Tempesta Nuragica”. È un’avventura creativa intrapresa nel 2010 da Serafino Deriu, fotografo bororese, nome noto nel Marghine.
Le opere realizzate sono ormai oltre 50. Raccontano i monumenti nuragici in chiave artistica: talvolta emergono dalle onde del mare, altre volte dalle acque di un lago o di un fiume termale, avvolte da cieli che assumono colori e atmosfere diverse, a seconda dello spirito e dell’intenzione dell’artista.
Questo complesso lavoro di scomposizione e ricomposizione delle fotografie, unico nel suo genere, ha come filo conduttore il punto di partenza di ogni opera: istantanee di situazioni reali scattate in Sardegna, dal sito nuragico, ai paesaggi marini e terrestri.
La mostra, a ingresso gratuito, potrà essere visitata dalle ore 15,30 presso “casa Scarpa” in Via Vittorio Emanuele (fronte Chiesa di Sant’Antonio) sino alle ore 22 mentre giovedì dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 22.00.

Fonte: Casteddu on Line

Dopo la visita dei giorni giorni del vice premier 5 stelle Luigi di Maio, oggi è il turno del leader della Lega Matteo Salvini.

Questa mattina alle 9:45 sarà a Cagliari, in Prefettura, per partecipare ad una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Poi farà tappa alle 12 a Quartu al mercato civico di via della Musica, nel pomeriggio sarà a  Oristano per un incontro pubblico in piazza Eleonora d’Arborea e in ultimo Alghero, in piazza Piras.

 

 

L'articolo Matteo Salvini oggi in Sardegna: prima tappa a Cagliari proviene da Casteddu On line.

Fonte: Casteddu on Line

Pasquale Concas (nel riquadro) e il...Pasquale Concas (nel riquadro) e il luogo in cui uccise Arietta Mata

MODENA. Il cinquantenne Pasquale Concas, attualmente in carcere per l'omicidio a scopo di rapina della prostituta ungherese 24enne Arietta Mata, avvenuto nel gennaio dello scorso anno a Castelfranco Emilia (Modena), è indagato dalla procura emiliana anche per un altro omicidio volontario: quello dell'avvocato civilista modenese Elena Morandi, che negli ultimi anni si era ritirata dalla professione: la 56enne fu trovata morta dopo un incendio nella sua abitazione di via Boccabadati, nel settembre 2017, sempre a Modena.

A riportare la notizia è il Resto del Carlino.

Se le prove a carico dovessero essere confermate, si tratterebbe del terzo delitto attribuito a Concas, originario di Osilo (Sassari): negli anni Novanta fu arrestato per aver ucciso una pensionata a Olbia, sempre dopo una rapina, con conseguente condanna definitiva a 28 anni di reclusione.

Fonte: La Nuova Sardegna

Il leader della Lega, Matteo SalviniIl leader della Lega, Matteo Salvini

CAGLIARI. Matteo Salvini arriverà in Sardegna stamattina, mercoledì 16 gennaio. Un’intera giornata suddivisa in quattro tappe: Cagliari, Quartu, Oristano, Alghero. Il vicepremier sarà a Cagliari alle 9.45 in Prefettura, dove parteciperà alla riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica. Poi alle 12 appuntamento a Quartu, per una visita al mercato e una passeggiata tra gli stand. Alle 14.15 ci sarà un incontro pubblico in piazza Eleonora d’Arborea a Oristano, e rinfresco con prodotti tipici sardi. Nel pomeriggio il leader della Lega si trasferirà ad Alghero: l’incontro pubblico è fissato per le 17 in piazza Pino Piras.

Il leader della Lega, Matteo Salvini

Il leader leghista: «Noi puntiamo alla crescita del territorio. Sì al metano. Gli elettori ci devono dare fiducia, nelle regioni in cui governiamo noi gli ospedali li apriamo mica li chiudiamo come ha fatto la sinistra»

«Un vero e proprio bagno di folla quello ai gazebo della Lega Sardegna nel weekend appena trascorso. Più di 3mila le firme raccolte a sottolineare una volta di più il grande sostegno popolare verso le politiche della Lega di Matteo Salvini – dichiara Eugenio Zoffili, deputato e commissario leghista nell'Isola –. Difficile immaginare un'accoglienza migliore in vista della visita del ministro dell'Interno che mercoledì sarà sull'isola per affrontare i principali dossier sulla sicurezza, oltre che per dare sostegno al candidato governatore Christian Solinas nella sua campagna elettorale verso il voto del prossimo 24 febbraio. Un grande ringraziamento a tutti i volontari che si sono spesi in questo fine settimana di mobilitazione; dopo l'abbraccio a suon di firme, finalmente mercoledì i cittadini sardi potranno far sentire a Salvini tutto il loro calore consegnandogli di persona le tantissime firme raccolte».
 

Fonte: La Nuova Sardegna

Controlli in materia di contrasto alla contraffazione ed alla commercializzazione di prodotti non sicuri. Sequestrati oltre 154mila articoli

image

CAGLIARI - Prosegue senza sosta ed in linea di continuità con l’architettura intervenziale attuata nell’ultimo anno, l’attività della Guardia di finanza di Cagliari a contrasto della contraffazione e della commercializzazione di prodotti non sicuri, che, negli ultimi giorni, ha condotto all’esecuzione di specifici interventi. Il particolare settore si delinea come strategico all’interno delle misure istituzionali assegnate al Corpo, alla luce degli specifici risvolti che lo stesso riverbera sul mercato, il quale, per il suo regolare svolgimento, deve risultare scevro da fenomeni “inquinanti” che alterano le normali regole di concorrenza, danneggiando imprenditori e commercianti che rispettano le regole e le discipline a norma del settore.

Negli ultimi giorni, dopo più interventi eseguiti nel capoluogo regionale, i finanzieri hanno sottoposto a sequestro 152.821 articoli, tutti messi in vendita in difformità alle norme stabilite dal Codice del consumo, in quanto privi di qualsiasi avvertenza e delle indicazioni in lingua italiana, nonché di quelle relative al produttore, all’importatore e al paese di origine, tutti elementi che certificano il prodotto come sicuro in base ai dettami stabiliti a livello comunitario. I prodotti rinvenuti sono tra i più comuni e diffusi tra i consumatori: prodotti per la casa, giocattoli, accessori e complementi di arredo, articoli elettrici a bassa tensione (come rasoi, lampade, multiprese, piastre per capelli e radioline), ma anche bigiotteria ed articoli da pesca.

Per i cinque titolari delle attività commerciali sottoposte a controllo è scattata una sanzione amministrativa pari a 1.032euro ciascuno. Due di loro, inoltre, sono stati denunciati alla locale Autorità giudiziaria per il reato di contraffazione in quanto, a seguito dei controlli, sono stati rinvenuti anche 1.493 prodotti (anche in questo caso piccole apparecchiature elettriche, giocattoli ed accessori) recanti il marchio Ce contraffatto, circostanza ancora più insidiosa e pericolosa per il consumatore, il quale, vedendo la presenza del marchio di conformità (ma che in questo caso è falso), pensa di acquistare un prodotto sicuro e non pericoloso.

Fonte: Alguer

Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie