© ANSA

 Il ministro dell'Interno Matteo Salvini è arrivato in Prefettura a Cagliari per partecipare al comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica. Successivamente ci sarà una conferenza stampa e quindi un mini tour in vista delle elezioni suppletive per il collegio uninominale di Cagliari per la Camera fissate per domenica 20 gennaio e delle regionali del 24 febbraio. Previste tappe a Quartu Sant'Elena, Oristano e Alghero.

FACCIA A FACCIA CON ZEDDA, CANDIDATO GOVERNATORE. Al via in Prefettura a Cagliari, alla presenza del ministro dell'Interno Matteo Salvini, il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica. Al vertice partecipa anche il sindaco di Cagliari e candidato governatore del centrosinistra alle regionali del 24 febbraio, Massimo Zedda. Un anno fa, in seguito all'accordo tra Psd'Az e Lega in vista delle politiche del 4 marzo, il primo cittadino aveva silurato l'assessore sardista Gianni Chessa. "L'alleanza con un partito come quello di Salvini crea in me un imbarazzo molto forte", aveva motivato.

Fonte: Ansa

Abbanoa  informa che mercoledì 16 gennaio potranno verificarsi possibili disservizi idrici per la riparazione della condotta sulla via Quintino all’incrocio con via Riva Villasanta. A seguito dell’intervento si potrebbero manifestare anche sporadici fenomeni di torbidità e cali di pressione in diverse zone dell’abitato.

Eventuali gravi disservizi potranno essere comunicati al servizio di Call Center di Abbanoa, attivo 24h su 24, al numero verde 800,022.040.

Fonte: Casteddu on Line

Aksana Vasileuskaja Pitzalis ha 27 anni. Sin da quando è poco più di una ragazzina vive in Sardegna, dopo un’infanzia difficile trascorsa in Bielorussia. Una nuova vita con una nuova famiglia, il diploma, la laurea e il lavoro. E, a contorno, il sole e il calore, anche e soprattutto umano, della Sardegna. Tutto perfetto, ma c’è un dettaglio che “pesa” come un macigno: nonostante l’adozione non è ancora una cittadina italiana. Può vivere a Cagliari solo grazie al permesso di soggiorno. E allora, ha deciso di scrivere una lettera-appello al ministro dell’Interno, Matteo Salvini. Tante righe, il suo racconto di vita e la richiesta finale: “Quando potrò essere davvero una cittadina italiana?”. Ecco, di seguito, il suo scritto. “Signor Ministro, mi chiamo Aksana Pitzalis Vasileuskaja, ho 27 anni e, ormai da 9 anni, vivo, studio e lavoro in Sardegna, regione che fin dalla mia primissima infanzia mi ospita. Le mie origini sono bielorusse, ma l’adozione formale ed emotiva mi fa sentire italiana a tutti gli effetti. Ricordo ancora la prima volta che arrivai in questa bellissima terra. Avevo 7 anni, non parlavo italiano e non conoscevo neanche lontanamente il progetto Chernobyl. Quel progetto, gestito da Giuseppe Carboni e Carlo Altea, mi permise di salvarmi. Arrivavo qui da un orfanotrofio, un luogo che non consiglierei ai bambini di oggi, ma al quale devo tanto. Qui ho conosciuto il vero significato della parola “famiglia”, ho imparato a chiamare “mamma” e “papà” due splendide persone che con il loro amore mi hanno offerto una casa e degli abbracci che prima del mio arrivo in Italia non avevo mai ricevuto. Ho trascorso la mia infanzia e la mia adolescenza tra due Paesi, ho preso molti aerei e trasportato tante volte una valigia che i miei genitori, ogni volta, cercavano di riempire più del dovuto con i nostri prodotti tipici. Nostri, signor Ministro, perchè quei prodotti li sentivo anche miei e quelle ore di aereo che mi spettavano per rientrare nell’Istituto io le trascorrevo ad immaginare la gioia degli altri bambini nel mangiare risotti, caramelle e cioccolati vari. A 18 anni il mio viaggio definitivo in Sardegna. Dopo aver acquisito il diploma bielorusso, decido di tornare in Italia, dalla mia Famiglia. Le pratiche per l’adozione non furono semplici, dovetti aspettare il 19 ottobre del 2010 per poter finalmente acquisire il cognome

Fonte: Casteddu on Line

Scippo nella notte a Cagliari. Stava percorrendo via Sassari, quando è stata raggiunta alle spalle da un uomo che le ha strappato la borsa che teneva a tracolla. Strattonandola, l’ha fatta cadere a terra per poi trascinarla per diversi metri.

L’episodio è stato notato anche da tre ragazzi che si sono messi all’inseguimento dello scippatore che ha fatto cadere la borsa per poi proseguire la sua fuga sino al momento dell’arrivo della polizia.

Una volta giunti sul posto gli agenti hanno notato  un giovane straniero che camminava a passo svelto con fare trafelato. Il ragazzo è stato bloccato ed identificato per Aboubacar Sissoko, originario del Gambia di 25 anni, titolare del permesso di soggiorno per motivi umanitari, con recentissimi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio.

Al momento del fermo era visibilmente affaticato e sudato nonostante il freddo, segni inequivocabili di una corsa sostenuta. Oltre a questo particolare, i poliziotti hanno notato anche la corrispondenza con le descrizioni fornite dalla vittima durante il contatto telefonico con l’operatore del 113.

La vittima ancora dolorante, visibilmente scossa e con varie abrasioni alle gambe ha riconosciuto il giovane dall’abbigliamento così come anche le altre persone che avevano avuto modi di notarlo durante la fuga. La donna è stata soccorsa dal personale del 118 che l’ha trasportata presso il pronto soccorso del “SS. Trinità” in quanto necessitava di ulteriori accertamenti medici.

Sissoko è stato tratto in arresto per il reato di rapina e lesioni personali. Trattenuto nelle camere di sicurezza della Questura sarà accompagnato nella mattinata odierna dinanzi all’A.G. per il processo con rito per direttissima.

 

 

 

L'articolo Cagliari, donna scippata in via Sassari: in manette gambiano di 25 anni proviene da Casteddu On line.

Fonte: Casteddu on Line

Si tratta del tratto di circonvallazione di Alghero, da collegare a sud della città con le direttrici per Bosa (SP 105) e per Villanova Monteleone (SS 292) e a nord in regione Taulera”

image

ALGHERO - La Regione, su proposta dell’assessore dell’ambiente Donatella Spano, ha deciso martedì sera in Giunta di non sottoporre a ulteriore procedura di Valutazione d'impatto ambientale l’intervento sul "Completamento della nuova Sassari - Alghero 1° lotto". Si tratta del tratto di circonvallazione di Alghero, da collegare a sud della città con le direttrici per Bosa (SP 105) e per Villanova Monteleone (SS 292) e a nord in regione Taulera”.

I lavori per la circonvallazione di Alghero, già accantierati, conclusa l’indagine su presenza nel tracciato di eventuali ordigni bellici tutt’ora in corso, possono così cominciare. Si tratta del lotto urbano inserito nella progettazione Anas della SS291.

La procedura di Via era partita nei mesi scorsi, presentata dal Comune di Alghero. Oggi la fine definitiva dell'iter, a condizione che siano rispettate alcune prescrizioni in materia ambientale. Il tratto sud della Circonvallazione si collegherà a quello nord, l'asse che dalla "Taulera" arriva alla strada dei "Due Mari".

Commenti

Fonte: Alguer

Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie