I Carabinieri della Stazione di Villagrande Strisaili, impegnati in un servizio di contrasto del fenomeno della guida in stato di ebrezza ed alterazione dopo aver assunto sostanze stupefacenti o psicotrope, hanno fermato un giovane alla guida della propria auto. Dopo un controllo, è risultato in possesso di sostanza stupefacente

Marijuana nell´auto: segnalato 20enne

image

VILLAGRANDE STRISAILI - Continuano i controlli dei Carabinieri della Compagnia di Lanusei, nell’ambito del piano di vigilanza sulla sicurezza stradale disposti dal Comando provinciale di Nuoro. I militari della Stazione di Villagrande Strisaili, impegnati in un servizio di contrasto del fenomeno della guida in stato di ebrezza ed alterazione dopo aver assunto sostanze stupefacenti o psicotrope, hanno fermato un 20enne del posto che, alla guida della propria auto, è stato trovato in possesso di sostanza stupefacente di tipo marijuana.

La sostanza stupefacente è stata sottoposta a sequestro ed il giovane è stato segnalato alla Prefettura di Nuoro quale assuntore di sostanze stupefacenti. Rischia la sospensione della patente di guida e sarà invitato a seguire un percorso terapeutico.

image
image
image
image
image
image
image

Fonte: Alguer

Il candidato del centro sinistra alla presidenza della Regione, Massimo Zedda interviene così davanti ai lavoratori presso lo stabilimento Sismet nella zona industriale di Porto Torres, l’emblema della crisi

Porto Torres, Zedda: «nuovi sistemi per favorire il lavoro»

image

PORTO TORRES - Partire dal lavoro ricordando le migliaia di buste paga che l’industria offriva alla città di Porto Torres. «Nell’arco di un anno chiusero in Sardegna le fabbriche di Alcoa e di Euralluminia e altre aziende entrarono in crisi, 6mila posti di lavoro si volatilizzarono». Il candidato del centro sinistra alla presidenza della Regione, Massimo Zedda interviene così davanti ai lavoratori presso lo stabilimento Sismet nella zona industriale di Porto Torres, l’emblema della crisi che ha devastato un intero territorio in attesa dell’avvio delle bonifiche in grado di dare rilancio ad una comunità che ha perso in termini economici, sociali e culturali. L'incontro organizzato dalle forze di centrosinistra è stato coordinato dal candidato Campo Progressista, Giuseppe Marceddu.

«Molto dipende dalla capacità di interlocuzione con lo Stato – ha aggiunto Zedda – perché molte di quelle aziende nate con gli aiuti dello Stato stesso sono andate via senza lasciare risorse per le bonifiche e per quegli interventi che avrebbero potuto determinare una ricaduta economica nella riqualificazione degli immobili». Per il candidato alla presidenza Massimo Zedda si è creata una illusione sulla chimica verde che non è mai partita. «Nel frattempo mentre si continua a perdere tempo il mondo va in un’altra direzione – sottolinea il candidato del centro sinistra – per quanto riguarda i progetti di sviluppo, l’impresa economica e l’industria. Allora occorre cambiare approccio e rendere una Regione e la pubblica amministrazione, efficiente, trasparente e in grado di dare risposte rapide alla comunità e ai suoi cittadini. La legge 1 che governa il sistema della Regione è del 1977, una foto sbiadita di un mondo che non c’è più e fotografa una rigidità nell’operare che non corrisponde alle esigenze e ai bisogni delle persone».

In questo contesto il problema della Sanità che incorpora tutto e il sociale sono settori dimenticati, l’artigianato e il turismo, l’industria ma anche la formazione e la cultura così pure gli investimenti sui trasporti e sull’ambiente ancora bloccati. Zedda ha toccato anche i temi del patrimonio archeologico, dell’agricoltura e dello spopolamento dei Comuni che devono essere considerati ognuno per le loro diversità e le proprie potenzialità. Massimo Zedda parla del Telelavoro come sistema per decentrare le attività negli enti pubblici e privati e nelle aziende e rendere più efficiente e produttiva l’attività lavorativa.

Fonte: Alguer

La “guerra del latte” potrebbe essere vicina alla fine. Domani – sabato 16 febbraio 2019, ndr – alle 11 in prefettura a Cagliari l’incontro tra Centinaio, Pigliaru, Caria, gli industriali e la rappresentanza dei pastori. Il tavolo romano, convocato dal Viminale, si sposta quindi nel capoluogo sardo. E, con la Regione che si dice pronta “a mettere altre risorse per risolvere il problema”, spunta un retroscena. A raccontarlo, inserito tra le righe di un comunicato stampa della stessa Regione, è l’assessore regionale dell’Agricoltura Pier Luigi Caria.

 

“La delegazione dei pastori presenti a Roma l’ha rifiutata proponendo a sua volta una base di partenza di almeno 85 centesimi. Un prezzo – ha precisato Caria – che da assessore vado dicendo da mesi, poiché si tratta della media delle ultime 5 stagioni”. Quindi, il risultato “finale” di un euro più Iva al litro, caldeggiato dai pastori, potrebbe arrivare in un secondo momento. Già l’ottenimento di 85 centesimi al litro avrebbe l’effetto di placare tutti gli animi. Ma bisogna obbligatoriamente attendere l’esito dell’incontro in prefettura.

L'articolo Crisi del latte, tavolo in prefettura a Cagliari con Centinaio. I pastori: “Bisogna partire da 85 centesimi” proviene da Casteddu On line.

Fonte: Casteddu on Line

 © ANSA

(ANSA) - FIRENZE, 15 FEB - E' Sassari la terza semifinalista delle Final Eight di Coppa Italia di pallacanestro in corso a Firenze. La squadra sarda ha battuto Venezia 88-89 a tre secondi dalla fine dopo una rimonta dal -20 dell'inizio della ripresa.
    Venezia era partita con grande grinta grazie a Tonut, Haynes e Watt; Sassari si è affidata a Cooley e Smith per trovare il 12 pari dopo cinque minuti. Poi Venezia prende inesorabilmente il largo, forte di una maggior precisione al tiro e dei canestri da tre di Daye, Bramos e Tonut, quindi chiude il primo tempo 29-20.
    Nel secondo quarto Venezia continua a premere con grandissima efficacia al tiro dalla distanza e dopo cinque minuti il vantaggio sale a +15 (47-32). Pierre e Cooney tengono in partita Sassari. La ripresa si apre sulla stessa linea, con i veneziani forti ai tiri dalla distanza e il vantaggio sale a +20 (72-52).
    Sassari reagisce e Pierre (16 i punti a fine terzo quarto) e Thomas danno il via all'inseguimento fino al definitivo 88-89 (13-23) che arride ai sardi.
   

Fonte: Ansa

Oggi, l’Assessorato regionale dei Trasporti ha inviato a compagnie aeree che già operano sulle rotte tra il capoluogo gallurese e gli aeroporti di Milano e di Roma o che hanno partecipato all´ultima gara per le stesse rotte le lettere di invito per garantire la continuità territoriale dall´aeroporto Costa Smeralda da lunedì 1 a martedì 16 aprile

image

OLBIA – Oggi (venerdì), l’Assessorato regionale dei Trasporti ha inviato a compagnie aeree che già operano sulle rotte tra Olbia e gli aeroporti di Milano e di Roma o che hanno partecipato all'ultima gara per le stesse rotte le lettere di invito per garantire la continuità territoriale dall'aeroporto “Costa Smeralda” da lunedì 1 a martedì 16 aprile. Dopo il rifiuto di Air Italy, comunicato il 12 febbraio, a proseguire nel pubblico servizio fino alla scadenza del vigente sistema di continuità territoriale, l’Assessorato ha messo in piedi la procedura per assegnare le rotte Olbia-Fiumicino-Olbia ed Olbia-Linate-Olbia nei sedici giorni rimasti scoperti.

La data di mercoledì 17 aprile quale avvio del nuovo sistema di continuità territoriale aerea da e per la Sardegna è stabilita dal decreto del Ministero dei Trasporti n.483 del 21 novembre 2018. Si tratta dunque della necessità di garantire un servizio essenziale per l’Isola.

Commenti

Fonte: Alguer




Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie