sardanews

Aias, se pagherà stipendi ok a contratto

© ANSA

(ANSA) - CAGLIARI, 1 AGO - Se entro il 31 dicembre Aias pagherà gli stipendi arretrati, l'Ats non avrà alcuna difficoltà a stipulare un contratto regolare con l'associazione. In caso contrario si cercheranno strade alternative, fermo restando che nessuno dei 1.200 dipendenti rischierà il posto di lavoro che sarà salvaguardato attraverso una clausola sociale, e che l'assistenza sarà garantita ai circa tremila pazienti anche dal primo gennaio 2019. Lo sostengono l'assessore regionale alla Sanità, Luigi Arru, e il direttore generale della Asl Unica, Fulvio Moirano, che nel pomeriggio hanno fatto il punto sulla vertenza Aias, dopo che ieri l'Ats ha revocato il contratto che la lega all'associazione che in Sardegna garantisce l'assistenza a disabili e anziani.    Secondo quanto apprende l'ANSA, una delle ipotesi in campo è, come già avvenuto in altre regioni per lo stesso ambito di servizi, la costituzione di una società in house, di una partnership tra pubblico e privato. Nel frattempo l'Aias dovrà continuare a offrire il servizio ai pazienti fino al 31 dicembre 2018. Dopo, se non avrà saldato i debiti con i dipendenti, "si cercherà di capire quale sia la capacita del sistema sanitario sardo di dare una risposta ai pazienti con disabilità e alle loro famiglie, ai pazienti con malattie psichiatriche o che abbiano bisogno di riabilitazione", ha detto Arru. "Oggi in Sardegna ci sono pochi erogatori che abbiamo la capacita di superare una certa soglia per la parte degenziale - ha aggiunto Moirano - noi provvederemo nel frattempo a indagare su tutte le possibilità offerte sul mercato dell'Isola".(ANSA).   

Fonte: Ansa









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie