sardanews

Parte una raccolta firme per abbattere il Turritania - Cronaca

Parte una raccolta firme per abbattere il Turritania - Cronaca
SASSARI. «L’ex Turritania? Un orrendo “tappo” alla circolazione stradale da buttare giù al più presto, per poi riqualificare la piazza di uno dei posti più belli e caratteristici di Sassari. Sul cui futuro i sassaresi non sono mai stati consultati. Lo faremo noi, con una raccolta firme che partirà a settembre. Visto che la maggioranza, tra annunci, mutevoli cambiamenti dovuti a continui rimpasti di governo con susseguenti sostituzioni di assessori con i subentranti che hanno sconfessato i predecessori, di fatto ha deciso di non fare nulla». Così il coordinatore provinciale dei Riformatori, Michele Solinas, e quello cittadino, Michele Saba. «Noi Riformatori – spiega Solinas – questo dibattito vorremmo riaprirlo. In particolare, vorremmo sapere il perché di questo agire, a dir poco “schizofrenico”, da parte dell’amministrazione comunale. Abbiamo assistito a mutevoli cambiamenti dovuti a continui rimpasti di governo con susseguenti sostituzioni di assessori con i subentranti che hanno sconfessato i predecessori. È successo con l’assessora Spanedda che diede il “benestare” alla realizzazione della famosa tartaruga di Ericailcane (a tutt’oggi non è dato sapere la esatta cifra di spesa) che attualmente ha la delega ai “servizi sociali”. Abbiamo, inoltre, visto come l’assessore Marras aveva, a suo tempo, intavolato un discorso con Area per un fantomatico progetto per la realizzazione di 30 miniappartamenti da destinare a “residenza per padri separati. Progetto sconfessato dall’attuale assessore al Bilancio Campus. Ora, come sappiamo, l’ immobile giace, in tutto il suo degrado, in vendita a fantomatici imprenditori alla modica cifra di 1 milione e settecentomila euro».«Siamo fermamente convinti – prosegue il coordinatore cittadino Michele Saba – che l’Hotel Turritania sia un orrendo “tappo” alla circolazione stradale da buttare giù al più presto, per poi riqualificare la piazza di uno dei posti più belli e caratteristici di Sassari. Inoltre ci chiediamo se i cittadini di Sassari, in tutto questo ridicolo balletto di competenze (o meglio incompetenze) e di susseguenti scaricabarile sulle responsabilità, siano mai stati consultati. É per questo che, da settembre, inizieremo una raccolta firme per l’abbattimento di questo anacronistico “monstrum” da portare sul tavolo della Sovrintendenza. Sul tavolo del sindaco abbiamo lasciato fin troppe cose, rimaste irrisolte o liquidate con supponenza e superficialità».

vedi su La Nuova Sardegna









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie