Trenino Verde, la svolta dalla Regione: arrivano 35 milioni per rilanciarlo

Pieno riconoscimento alla valenza culturale e turistica del Trenino Verde. E risorse per investimenti e manutenzione ordinaria e straordinaria per circa 35 milioni in tre anni, dal 2018. È quanto è emerso questa mattina, nel corso dell’incontro convocato a Villa Devoto dal Presidente Pigliaru con i rappresentanti del Comitato per il Trenino Verde e i sindaci dei comuni interessati.

“Il Trenino Verde per noi è importante e intendiamo dimostrarlo dando segnali chiari e precisi”, ha dichiarato il presidente Francesco Pigliaru. “Abbiamo lavorato per garantire la stagione 2019, che la nuova Legge 128, con i nuovi oneri, metteva a rischio. E abbiamo ragionato anche sulle prospettive, prevedendo un piano per il lungo periodo per rendere la rete ferroviaria più operativa e funzionale. Nella prossima proposta di bilancio della Giunta, che intendiamo portare nuovamente in Aula entro dicembre, prevediamo di passare dagli oltre 5 milioni attuali a 7 milioni all’anno per tre anni, per dare gambe al progetto, come chiesto da Arst. E abbiamo rimodulato oltre 5 milioni ulteriori da destinare alla manutenzione straordinaria, per investire sulle linee. Questi sono i presupposti concreti per scrivere un protocollo serio e realizzabile”, ha concluso il presidente Pigliaru dando risposta alla richiesta del portavoce del Comitato, Paolo Pisu.

L’assessora Barbara Argiolas ha reso noto l’impegno dell’Assessorato al Turismo, di ulteriori 3 milioni di euro sulla promozione, nel triennio dal 2018 al 2020, in un’ottica di programmazione condivisa.L’amministratore unico di Arst, Chicco Porcu, ha ringraziato la Regione per la fiducia e il lavoro effettuato, specificando che con le risorse annunciate quest’oggi si sarà in grado di aprire tutte le linee e, già nel 2019, di moltiplicare gli attuali km di percorrenza.

Il Trenino Verde è una linea storica che può contribuire al rilancio dell’economia del nostro territorio, ma a patto che questa attrazione di nicchia venga inserita in maniera coerente all’interno del sistema turistico della Sardegna”. Lo dichiara il segretario generale della Uil Trasporti Sardegna William Zonca che questa mattina, in qualità di componente del Comitato per il Trenino Verde, ha partecipato al vertice in cui il presidente della Regione Sardegna Francesco Pigliaru e l’assessore al Turismo Barbara Argiolas hanno annunciato lo stanziamento di nuove risorse per la gestione ordinaria (7 milioni all’anno per tre anni), la manutenzione straordinaria (10 milioni e 800) e la promozione turistica (un milione all’anno per tre anni) della linea Trenino Verde gestita dall’Arst (per l’ente regionale era presente l’amministratore unico Chicco Porcu, mentre l’assessorato regionale ai Trasporti era rappresentato dal capo di gabinetto Franco Marras). “Riteniamo assolutamente positivi i contenuti concreti annunciati dal presidente Pigliaru – spiega Zonca – ma ora, dopo questo primo passo, auspichiamo che gli annunci vengano formalizzati al più presto, possibilmente entro Ferragosto, in un protocollo d’intesa elaborato dal tavolo tecnico tra Regione e Comitato per il Trenino Verde. Il Trenino Verde è una attrazione turistica di nicchia che potrebbe rivelarsi fondamentale per l’economia del territorio – conclude il segretario regionale della Uil Trasporti –ma deve essere valorizzato come avviene in altre realtà europee. Per questo è necessario che venga inserito e promosso con decisione all’interno del sistema complessivo dell’offerta turistica sarda”.

L'articolo Trenino Verde, la svolta dalla Regione: arrivano 35 milioni per rilanciarlo proviene da Casteddu On line.

image

Vedi su CastedduOnLine






Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie