sardanews

Pigliaru e Piras incontrano i sindacati

Incontro, a Cagliari, tra il presidente della Regione autonoma della Sardegna, l’assessore regionale dell’Industria ed i sindacati confederali e di categoria Cgil, Cisl, Uil ed Ugl per fare il punto sulla questione metano

Pigliaru e Piras incontrano i sindacati

CAGLIARI - Incontro, in Viale Trento, a Cagliari, tra il presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru, l’assessore regionale dell’Industria Maria Grazia Piras ed i sindacati confederali e di categoria Cgil, Cisl, Uil ed Ugl per fare il punto sulla questione metano. Dalla riunione, è emersa piena condivisione tra Giunta ed organizzazioni sindacali sulla strategia e sui progetti destinati a portare il metano nell’Isola: dalla rete nord-sud alla realizzazione dei depositi costieri, al completamento dei bacini, la cui realizzazione continua anche con forti ricadute occupazionali.

La Regione ha definito un progetto chiaro, con scelte e risorse precise, inserito nel Patto per la Sardegna firmato due anni fa con il Governo. Regione e sindacati sono concordi sul fatto che si tratta di un progetto che il sistema produttivo isolano ed i cittadini attendono da più di vent’anni, un progetto peraltro ampiamente condiviso con le parti economiche e sociali dell’Isola. Proprio per queste ragioni, il progetto non può di volta in volta essere messo in discussione. Il metano in Sardegna è una fonte di transizione importante per ridurre le emissioni del 50percento entro il 2030. Un progetto tutt’altro che obsoleto, che la Regione sta accompagnando con numerose altre azioni: efficientamento energetico, mobilità elettrica, smart grid e produzione ed accumulo delle energie rinnovabili. Piena condivisione con i sindacati anche sul fatto che il metano non solo garantirebbe risparmi nella bolletta di cittadini ed imprese, ma porterebbe enormi benefici anche sul fronte della sicurezza e della stabilità del sistema energetico isolano.

La Regione è certa di poter dimostrare anche al nuovo Governo che l’analisi costi e benefici evidenzierà, sulla scorta degli studi approfonditi effettuati, vantaggi largamente superiori sia dal punto di vista economico che ambientale. Giunta e sindacati sottolineano che la conferma degli impegni già sottoscritti con il Governo debba essere resa immediatamente operativa. Infatti, gli obiettivi previsti nella Sen sulla decarbonizzazione al 2027 esigono che partano quanto prima tutti gli investimenti relativi alle infrastrutture per il metano: depositi costieri, rigassificatori, rete nord-sud e bacini di distribuzione. La questione del metano, è il parere condiviso da Giunta e sindacati, è vitale per il futuro dello sviluppo della Sardegna, unica regione in Italia ed una delle pochissime in Europa a non avere il gas naturale, un handicap infrastrutturale che costa ogni anno almeno 500milioni di euro ad imprese e famiglie. Condivisione anche sulla necessità del metano per un corretto mix energetico fra sistemi tradizionali e fonti rinnovabili, per l’energia elettrica e quella termica, che rispondono ad usi e finalità differenti. La disponibilità del gnl è funzionale a garantire sicurezza e stabilità del sistema elettrico regionale nella fase di transizione anche attraverso gli investimenti innovativi negli attuali impianti di produzione di energia. È proprio all’interno di questo mix, che il metano rispetto all’attuale assetto consente il raggiungimento degli obiettivi ambientali che la Regione si è posta con il Piano energetico regionale.

Commenti

Vedi su Alguer.it









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie