sardanews

Asinara, barca a Cala Arena: denunciato comandante

Un’operazione di polizia marittima a tutela dell’ambiente marino è stata portata a termine nella tarda mattinata odierna dal personale della Guardia Costiera di Porto Torres ed ha portato alla denuncia a piede libero di un cittadino di nazionalità finlandese

Asinara, barca a Cala Arena: denunciato comandante

PORTO TORRES - Un’operazione di polizia marittima a tutela dell’ambiente marino è stata portata a termine nella tarda mattinata odierna dal personale della Guardia Costiera di Porto Torres ed ha portato alla denuncia a piede libero di un cittadino di nazionalità finlandese a bordo di un’unità da diporto di circa 15 metri all’ancora nello specchio acqueo antistante Cala d’Arena nell’Area Marina Protetta dell’Asinara.

Durante la mattinata odierna un’unità della Guardia Costiera di Porto Torres, durante l’attività di pattugliamento, ha intercettato un’unità da diporto battente bandiera finlandese che aveva dato fondo all’ancora nel tratto di mare antistante Cala d’Arena, situata a nord dell’Isola dell’Asinara, zona di riserva integrale in quanto particolarmente protetta per la presenza di un delicato ecosistema marino. Cala d’Arena, infatti, ricade nella Zona A all’interno dell’area di riserva integrale, specchio acqueo dove è assolutamente vietata non solo la navigazione e l’ancoraggio ma finanche qualsiasi attività, ivi compresa la balneazione, legata agli usi pubblici del mare, come disposto dal Regolamento dell’Area Marina protetta dell’Asinara a tutela dell’ambiente marino.

Non appena intercettata dai militari della Guardia Costiera, l’unità è stata scortata nel vicino porto di Stintino per gli ulteriori accertamenti documentali e gli atti di Polizia giudiziaria. Al termine dell’attività di controllo, il Comandante dell’unità, di nazionalità finlandese, dopo le necessarie comunicazioni al Consolato, è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sassari per aver violato i rigorosi divieti di navigazione ed ancoraggio all’interno del sito marino protetto.ù

Il comandante della Capitaneria di porto di Porto Torres, Emilio Del Santo ha confermato che l’attività di pattugliamento della Guardia Costiera nelle aree marine protette viene eseguita regolarmente e, in sinergia con l’Ente Parco gestore del sito, intensificata durante la stagione estiva in corso dove, richiamati dalle bellezze naturalistiche, alcuni diportisti, perlopiù stranieri, danno fondo all’ancora violando i divieti di legge. «Del resto - conferma il Comandante Del Santo - la tutela dell’ambiente marino in genere e, in particolare, delle Aree Marine Protette, rientra tra i compiti istituzionali della Guardia Costiera nell’ambito della sua dipendenza funzionale anche dal Ministero dell’Ambiente».

Vedi su Alguer.it









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie