sardanews

un decalogo in quattro lingue per diffondere l'educazione e il rispetto ambientale

Un decalogo per la tutela delle spiagge della Sardegna in quattro lingue da diffondere sui social e rendere disponibili negli infopoint delle località turistiche e degli aeroporti, negli stabilimenti balneari, nelle strutture ricettive e in generale in tutti i comuni costieri oltre che nei parchi e nelle aree marine protette: è l'iniziativa di informazione al pubblico voluta dall'Assessorato della Difesa dell'ambiente per la tutela delle aree costiere che rafforza le altre azioni di educazione ambientale.

Uno strumento informativo ed educativo. "Rispettare il territorio è più facile se si conoscono i comportamenti corretti - spiega l'assessora Donatella Spano, che pensa alla lunga stagione estiva che proseguirà nei mesi di spalla -. Abbiamo quindi pensato a una campagna di comunicazione in italiano, inglese, francese e tedesco in grado di divulgare tra residenti e turisti dieci buone pratiche generali per salvaguardare le spiagge della Sardegna". Nel decalogo, che si presenta come un agevole strumento informativo facilmente scaricabile dal sito della Regione, vengono indicati i comportamenti più idonei per garantire i delicati equilibri della spiaggia e del mare. Viene formulato l'invito a non portare via sabbia, ciottoli e conchiglie, a non calpestare le dune, a non rimuovere la poseidonia, a non raccogliere piante e fiori presenti sulle spiaggia e sulle dune, a utilizzare le passerelle e i sentieri tracciati, a portare via i rifiuti, a gettare l'ancora negli spazi consentiti. Il decalogo inoltre ricorda che tutti i comportamenti illeciti devono essere segnalati al numero 1515 del Corpo Forestale e di vigilanza ambientale.

L'iniziativa. Scopo dell'iniziativa è non solo stampare manifesti da diffondere nelle spiagge o nei campeggi, ma rendere i materiali riproducibili online. Come si è fatto con i dépliant e i poster per la tutela della Caretta caretta, si vuole portare sul web, come in riva al mare, l'informazione sui comportamenti corretti. Per questa ragione sono stati coinvolti i comuni sardi tramite l'Anci Sardegna e le associazioni di categoria del turismo, oltre che gli aeroporti o i porti, i parchi e le aree marine protette.

"Pensiamo alle piccole e grandi azioni: i numerosi bar sui litorali sardi potrebbero appendere il decalogo ed educare al rispetto dell'ambiente con un piccolo ma significativo gesto - sottolinea Donatella Spano -. Le buone pratiche sono disponibili sul sito in diversi formati affinché chiunque possa o stamparli direttamente nel proprio albergo o campeggio, per esempio, e consegnarli agli ospiti. Oppure diffonderli sui social network per divulgare le informazioni in maniera sostenibile e in base al proprio target di utenza, scegliendo una o più lingue", ha aggiunto la titolare all'Ambiente, che ha voluto ringraziare gli Uffici per il lavoro svolto.

Vedi su Sardegna Oggi









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie