sardanews

Vertenza lavoratori Forestas. Due giornate di sciopero ad agosto e un SIT-IN di protesta con donazione del sangue

Dopo tre scioperi contro l’inapplicabilità per il personale Forestas del contratto di lavoro stabilito dalla Legge Forestale del 2016, i lavoratori di Forestas, organizzano una giornata regionale di donazione del sangue con la collaborazione dell’AVIS Sardegna, quale ulteriore forma pacifica di protesta per due anni di vana attesa di una soluzione politica della vertenza.

La giornata del 26 luglio è stata scelta in collaborazione con l’associazione AVIS. Per tutta la mattinata l’auto-emoteca sosterà in via Roma davanti al Consiglio Regionale, ed i lavoratori di Forestas uniranno la giornata di protesta al gesto di solidarietà donando il sangue in un momento di grande difficoltà e bisogno per tanti malati in Sardegna.

“Questa ennesima manifestazione che si terrà sotto il pilotis del Consiglio, ci è parsa simbolica dopo due anni di proteste e circostanziate segnalazioni a tutte le autorità; il modo più civile per accompagnare la chiusura delle improduttive attività della politica regionale, a 26 mesi dalla creazione del monstrum giuridico chiamato Forestas, che con l’approvazione della L.R. 8/2016 ha potuto dispensare solo promesse senza mai trovare alcuna soluzione a nessuna delle problematiche e delle criticità sollevate. Speriamo di scongiurare le due giornate di sciopero delle mansioni superiori, che sono state proclamate per il mese di agosto per porre fine alla scellerata gestione del personale di Forestas con un contratto oltre ogni normativa”.

Al termine delle donazioni i lavoratori chiederanno di poter essere sentiti dalla commissione e dalla conferenza dei capi-gruppo, anche al fine di scongiurare lo sciopero delle mansioni superiori di tutti i lavoratori dell’agenzia Forestas, proclamato per il 16 ed il 27 agosto 2018. “In passato, queste “mansioni superiori” necessarie per portare avanti le attività di Forestas, venivano attribuite a circa duemila persone, sia nel periodo estivo che in quello invernale, senza alcuna manifestazione di interesse da parte dei singoli e superando abbondantemente i limiti di legge che autorizzano le mansioni superiori solo per brevi periodi giustificabili con urgenti ed impreviste esigenze organizzative. In questo casi non c’è niente di imprevisto e di urgente” – Queste le dichiarazioni dei segretari delle organizzazioni sindacali promotori dello sciopero.

Vedi su Sardegna Oggi









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie