sardanews

L´Università di Sassari non si ferma

Cinquantasei corsi di laurea per l´anno accademico 2018-2019, cresce l´offerta per quantità e varietà: attivati Ingegneria informatica, Gestione energetica e sicurezza, Qualità e sicurezza dei prodotti alimentari, Wildlife management

L´Università di Sassari non si ferma

SASSARI - Non si ferma l'Università degli studi di Sassari, che cambia l'offerta formativa per il terzo anno consecutivo e la arricchisce con quattro nuove proposte. L'Ateneo di Sassari, secondo in Italia tra gli Atenei medi nella classifica Censis, ha attivato per l'anno accademico 2018-2019 cinquantasei corsi di laurea, di cui cinque internazionali. Queste le novità assolute: i due corsi triennali in Ingegneria informatica e Gestione energetica e sicurezza ed i due corsi magistrali in Qualità e sicurezza dei prodotti alimentari, Wildlife management. Complessivamente, sono ventinove i corsi triennali, ventisette i corsi magistrali di cui sei a ciclo unico, cinque corsi internazionali, un corso di laurea professionalizzante (unico un Sardegna). Tra i corsi, trentasei sono ad accesso libero e venti ad accesso programmato con test nazionale o locale. L'offerta formativa dell'Uniss è stata illustrata ai giornalisti dal rettore Massimo Carpinelli e dalla delegata alla Didattica ed all'orientamento Rossella Filigheddu. Le iscrizioni per i corsi ad accesso libero ed anni successivi al primo saranno aperte da mercoledì 1 agosto a giovedì 18 ottobre. L'elenco dei corsi disponibili è on-line sul sito internet dell'Ateneo. Per i corsi ad accesso programmato, valgono scadenze diverse: entro oggi (martedì), per Medicina e odontoiatria, Veterinaria, Scienze dell'architettura e del progetto (si aggiungerà presto anche il bando in Scienze infermieristiche e ostetriche). Tutte le informazioni sul numero programmato sono sul sito dell'Università di Sassari. I corsi di laurea vengono erogati nella sede centrale di Sassari ed in quelle di Alghero, Olbia, Nuoro ed Oristano.

Ingegneria informatica, Gestione energetica e sicurezza, Qualità e sicurezza dei prodotti alimentari, Wildlife management. Sono corsi che non nascono per caso, ma al termine di attente consultazioni con il territorio, le imprese, le associazioni professionali per rispondere alla domanda di competenze specializzate e far incontrare domanda e offerta e di lavoro. Il Corso di laurea triennale in Ingegneria informatica affronta in modo organico e specifico le tematiche dell'ingegneria dell'informazione, finalizzandole allo sviluppo di architetture innovative. Scopo del corso è formare una nuova generazione di ingegneri informatici in grado di lavorare nel campo dei nuovi dispositivi e delle nuove applicazioni digitali. Ingegneri che, grazie ad una formazione aperta a contenuti di altre discipline, possano collaborare efficacemente in team con professionisti di altra estrazione e contribuire alla definizione ed alla realizzazione di nuovi ed utili strumenti per l'agroindustria, la gestione del territorio, il turismo, la biomedicina e la progettazione di componentistica specializzata. Il corso di laurea triennale in Gestione energetica e sicurezza (Laurea professionalizzante, Ingegneria industriale), istituito in convenzione con il Collegio dei periti industriali e dei periti industriali laureati, fa parte di un progetto sperimentale a cui l’Università di Sassari partecipa assieme ad altri quattordici Atenei italiani. Il corso di studi, fortemente improntato all'acquisizione di competenze tecniche, forma figure professionali in grado di analizzare, progettare e risolvere le problematiche tecniche dei settori del comparto energetico e della sicurezza.

Il Corso di laurea magistrale in Qualità e sicurezza dei prodotti alimentari nasce da un periodo di confronto con le realtà produttive regionali del settore alimentare, che hanno portato alla progettazione di una laurea indirizzata verso molteplici sbocchi professionali che rispondono alle esigenze formative individuate dalla Regione autonoma della Sardegna per promuovere la crescita intelligente, lo sviluppo sostenibile e l'inclusione sociale. Il corso di laurea magistrale in Wildlife management, conservation and control, erogato interamente in lingua inglese, si propone di sviluppare la figura del “wildlife manager” di alto profilo, che abbia competenze riferibili sia all’ambito naturalistico, sia a quello veterinario. Nel corso vengono combinati, in modo completamente originale a livello nazionale ed europeo, due insiemi disciplinari che fino ad ora sono stati separati e talvolta conflittuali nel mondo della conservazione e gestione delle risorse naturali animali. Il corso intende dare agli studenti un'ampia preparazione ampia sia sulla gestione sanitaria, sia sulla gestione zoologica delle popolazioni animali selvatiche, in un’ottica di conservazione produttiva delle risorse faunistiche.

Sono cinque i corsi di laurea internazionali, tutti magistrali: Economia (con l'Università di Bordeaux), Scienze chimiche (con Wroclaw), Architettura (con Lisbona e Alcalà de Henares) e Pianificazione, politiche per la città, l'ambiente e il paesaggio (con Barcellona, Girona e Lisbona), il nuovo corso in Wildlife management offerto totalmente in lingua inglese. Proprio l'internazionalizzazione è stabilmente uno dei capitoli più felici della vita dell'Università di Sassari. Nel 2016/2017, il numero complessivo degli studenti in mobilità nell’ambito dei programmi di mobilità internazionale attivati dall’Uniss (le due tipologie di mobilità del Programma Erasmus+, study e traineeship ed il Programma Ulisse), in totale 983 unità, ha fatto registrare, rispetto al 2015/16 (865 unità), un aumento percentuale del 13,64percento. Anche il numero complessivo di incoming(in ingresso) nel 2016/17 (388 studenti) è cresciuto del 64,43percento rispetto al 2014/15. Nell’ultima indagine condotta da Almalaurea sul profilo dei laureati nel 2017, la percentuale dei laureati Uniss che ha svolto un periodo di studio all'estero, nell’ambito del programma Erasmus o altri programmai comunitari, nel corso degli studi universitari è nettamente superiore rispetto alla media nazionale: 20percento a fronte dell'8,8percento. Sempre in tema di internazionalizzazione, il Senato accademico ha approvato l'istituzione di un Foundation course, di durata annuale, destinato agli aspiranti studenti internazionali. Il Foundation course (articolato in scienze umane e materie scientifiche) consentirà agli studenti internazionali di raggiungere i requisiti per l'iscrizione ad un corso di laurea (compreso un livello B1 di italiano).

Le novità non riguardano solo i corsi di laurea, ma anche la fruizione dei servizi. Alcuni mesi fa le Segreterie studenti sono state accorpate vicino alla sede principale dell'Ateneo: nel Centro servizi studenti Fiore Bianco, in Via del Fiore Bianco 5, si trovano le segreterie dei corsi di area scientifica e tutti gli uffici dell'Area didattica, mentre a Palazzo Zirulia (Piazza Università 11) sono state trasferite le segreterie di area umanistica. A Palazzo Zirulia si trovano anche gli uffici Relazioni internazionali, Orientamento e job placement ed Alta formazione. I due edifici sono tra loro collegati da un giardino a disposizione degli studenti e dipendenti. Il nuovo regolamento “Carriere studenti” comprende un capitolo dedicato agli studenti con esigenze speciali per i quali sono previste agevolazioni. E' prevista poi l'esenzione per quanti hanno un Isee fino a 13mila euro, e gli organi accademici stanno lavorando per esonerare dal pagamento del contributo unico di iscrizione gli studenti in possesso di requisiti di reddito e di merito analoghi a quelli richiesti per accedere alla borsa Ersu: di fatto, vengono esonerate tutte le matricole che presentano come requisiti economici un Isee inferiore a 23.253euro ed Ispe inferiore a 50.550euro; dopo il primo anno di iscrizione, vale anche il numero di Cfu acquisiti in carriera: 25 per iscritti al secondo anno, 80 per iscritti al terzo, 135 al quarto, 190 al quinto e 245 al sesto. Nell'anno accademico 2017-2018, immatricolati ed iscritti sono cresciuti dell'8percento. Gli iscritti erano 13.074 nell'anno precedente, sono arrivati a 13.462 nel 2017/2018. Gli immatricolati sono passati da 3.575 a 3.845.

Nell'Anno accademico 2018/2019, l'Uniss proporrà un'ampia offerta post laurea, consultabile sul sito. Del tutto inedito è il Master universitario di primo livello in Economia e management delle assicurazioni. Nuovo anche il Master universitario di secondo livello in Medicina estetica avanzata. Inoltre, saranno riattivati il Master universitario di secondo livello in Neuromodulazione auricolare-Auricoloterapia ed il Decapro, Master di secondo livello Diritto ed economia per la cultura e l’arte nella progettazione dello sviluppo territoriale. Tornano poi il Master universitario di primo livello denominato Area critica ed emergenza sanitaria per infermieri; il Master universitario interdipartimentale di secondo livello in Direzione di strutture sanitarie-MaDiSs; il Master universitario di secondo livello in Tecnologie farmaceutiche e attività regolatorie; il Master universitario internazionale di secondo livello denominato “International Master in medical biotechnology”, realizzato in collaborazione con la Huè University of Medicine and pharmacy (Vietnam).

Nella foto: Rossella Filigheddu e Massimo Carpinelli durante la presentazione

Commenti

Vedi su Alguer.it









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie