Paolo, 55enne sardo stritolato dall’incertezza del lavoro: “Alla mia età sono un fantasma”
Dagli schermi di un computer a quello, colorato dal nero della disperazione, di un “film della vita” che rischia di avere il suo primo ciak a breve. Molto a breve. Paolo Tosciri lavora all’Aipa di Sassari con il ruolo di informatico da molti anni. Classico contratto da dipendente, ma nel suo caso l’ultimo stipendio risale a giugno: “Non c’è stata data la quattordicesima e come ramo d’azienda siamo stati ceduti a Oristano. Non si sa che fine faremo, io sono sposato e come tutti ho degli impegni, ma la mancanza di sicurezza per il futuro porta con sé forti tensioni sociali”, afferma, sconsolato, l’informatico.
“Il rischio è che, eliminando nuovi soci, automaticamente non sia più necessaria l’attuale forza lavoro. Già è difficile trovare lavoro per un giovane, nonostante le agevolazioni, figurarsi per me, lontano ma non troppo dalla pensione e senza le forze per sostenere una formazione per essere inserito in un altro posto di lavoro, che già di per sé manca in Sardegna. Non c’è nessuna garanzia, può cambiare tutto anche domani”.

L'articolo Paolo, 55enne sardo stritolato dall’incertezza del lavoro: “Alla mia età sono un fantasma” proviene da Casteddu On line.

image

Vedi su CastedduOnLine






Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie