Venti associazioni ed enti hanno aderito all´evento di sport e solidarietà che si svolgerà sul litorale di Porto Torres

Barcolana Turritana per il Day Hospital di reumatologia

PORTO TORRES - Dal nuoto al ciclismo, passando per la canoa, la vela, il tennis. E poi ancora aquafitness, scacchi, spinning e calcio balilla, con in più la novità del tennis da tavolo. Ritorna anche quest'anno la Barcolana Turritana, la festa di sport e solidarietà giunta alla dodicesima edizione. Venti associazioni ed enti, coordinate come sempre dalla Fidapa di Porto Torres, collaboreranno per raggiungere un nuovo obiettivo: il sostegno al progetto di potenziamento del Reparto di Reumatologia dell'Azienda Ospedaliero Universitaria di Sassari. L'evento è in programma venerdì 20 e sabato 21 luglio.

La manifestazione, sostenuta da ben trenta sponsor, è patrocinata dal Comune di Porto Torres, dall'Università di Sassari, dalla Consulta del Volontariato e prevede la partecipazione anche del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco. La nuova edizione è stata presentata questa mattina nella sala consiliare del palazzo comunale dall'Assessora allo Sport, Mara Rassu, dalla Presidente della Fidapa di Porto Torres, Ersilia Fiori, dal professor Giuseppe Passiu, direttore del reparto di Reumatologia dell'Aou di Sassari, da Emanuela Fanari, referente regionale del Gruppo Les, dal Comandante provinciale dei vigili del Fuoco, Mario Falbo e dalla presidente della Consulta del volontariato, Adonella Mellino. Presenti anche i rappresentanti delle tante associazioni che aderiscono all'iniziativa.

«L'evento è nato con lo scopo di ricordare la nostra socia Elisabetta Fara – ha sottolineato Ersilia Fiori – e per proseguire la sua battaglia contro le malattie rare. Siamo riusciti a finanziare grazie alla raccolta, alle donazioni e ai contributi ricevuti ben cinque di borse di studio, mentre lo scorso anno abbiamo acquistato apparecchiature per il day hospital oncologico. Quest'anno sosterremo il potenziamento del reparto di Reumatologia dell'Azienda Ospedaliero Universitaria di Sassari, per i pazienti affetti da lupus e da patologie autoimmuni. Fondamentale è il supporto degli enti, delle associazioni, dei volontari e delle aziende che lavorano in sinergia con la Fidapa e che ci consentono ogni anno di riproporre questa manifestazione». Il reparto di Reumatologia ha un numero di pazienti in crescita: sono quasi 150 le persone assistite periodicamente, affette da malattie come il lupus, la sclerosi sistemica e l'artrite reumatoide.

Recentemente il reparto ha acquisito nuovi spazi che hanno necessità di apparecchiature, il cui acquisto verrà sostenuto dalla raccolta fondi avviata in occasione della Barcolana Turritana. «Esprimo il mio ringraziamento a nome della nostra comunità – ha affermato l'Assessora Mara Rassu – perché la Barcolana è un esempio positivo di sinergia tra persone, associazioni ed enti, dove lo sport diventa uno strumento per stare insieme e fare del bene. È un bel messaggio di unione e condivisione, per raggiungere obiettivi solidali di cui dobbiamo essere orgogliosi».

Le associazioni e società partecipanti sono: Lega navale italiana, Asso.ve.la, Freedom in water, Progetto Albatross, Avis, Piscina Libyssonis, Area fitness Libyssonis, Happy Fitness Center, Ciclisti Turritani, Ka.no.sar., Scout Cngei, Asd Porto Torres Scacchi, Tennis club Porto Torres, Etnos, Ficr, Crono Sassari, Gruppo canottagio “Giuseppe Usai”. L'evento sarà aperto ufficialmente venerdì, alle 21.30, dalla suggestiva fiaccolata sul mare, in canoa, da Scogliolungo a Balai. L'iscrizione agli appuntamenti sportivi si potrà effettuare negli stand allestiti nei siti di partenza.

Vedi su Alguer.it








Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie