sardanews

negli ultimi giorni avrebbero “visitato” diversi appartamenti a Cagliari

negli ultimi giorni avrebbero “visitato” diversi appartamenti a Cagliari

La Polizia di Stato ha eseguito il fermo a carico di due giovani di etnia Rom una ragazza di 23 anni e una 19enne, perché gravemente sospettate per aver commesso diversi furti in abitazione, in concorso tra loro.

Le indagini dei poliziotti della Squadra Mobile si sono intensificate a seguito dell’aumento dei furti in abitazione registrato nelle ultime due settimane. Dalle abitazioni sono stati rubati monili d’oro, orologi, denaro ed altri oggetti di valore, facilmente occultabili. La tecnica usata per accedere all’interno delle abitazioni era la stessa e consisteva nell’uso di una piccola lastra di plastica rigida che una volta inserita nell’intercapedine tra la porta blindata e il telaio di metallo, chiusa senza le dovute mandate, ne permetteva la facile apertura.Gli investigatori della Squadra Mobile-Gruppo Falchi hanno concentrato le attività di ricerca ed indagine verso i gruppi di cittadini rom arrivati in città nell’ultimo periodo.ùL’episodio che ha portato al fermo delle due giovani è avvenuto nel pomeriggio di ieri quando un Ispettore della Squadra Volante, libero dal servizio, mentre si trovava nei pressi dell’area pedonale del lungomare “Poetto”, ha notato le due ragazze salire a bordo di un’autovettura Alfa Romeo segnalata come veicolo da ricercare. Dall’attività di indagine era emerso che l’auto era stata più volte ripresa delle immagini delle telecamere posizionate nelle vicinanze delle abitazioni “visitate” dalle giovani.Le ragazze sono state immediatamente fermate dall’ispettore in borghese il quale ha immediatamente chiesto l’intervento dei colleghi in servizio.Al momento dell’intervento del poliziotto una delle ragazze si è sbarazzata di un fazzoletto di carta in cui era avvolta una catena in metallo giallo, gettandolo a terra e prontamente recuperato dal Poliziotto. All’arrivo degli Agenti è stato effettuato un controllo più accurato da cui è emerso che le donne avevano occultate nella borsa delle banconote di dollari americani e dei pesos della Repubblica Domenicana, mentre nell’auto sono stati trovati gli “attrezzi del mestiere”: un cacciavite, tre pezzi di plastica rigida, dei calzini usati a come guanti per non lasciare alcuna impronta.Condotte negli uffici della Questura al termine degli accertamenti, valutate le circostanze, i precedenti penali a carico delle due, la reiterazione del reato e il fondato pericolo di fuga, le due ragazze sono state sottoposte al fermo di PG e pertanto accompagnate presso la Casa Circondariale di Uta a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Vedi su Sardegna Oggi









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie