sardanews

Si alza il sipario su Narco Blues

Al via domani l´edizione numero ventotto del festival internazionale. Grande apertura con Watermelon Slim e con la Supersonic blues machine, con Billy F.Gibbons ospite speciale. Eric Bibb, Ana Popovic, Sari Schorr, i gruppi Acadian food & strawberry wine, Band of friends e la James&Black r&b band gli altri protagonisti delle quattro serate in programma fino a sabato

Si alza il sipario su Narco Blues

NARCAO - Ai nastri di partenza la 28esima edizione di Narcao Blues, il più longevo festival dedicato alla “musica del diavolo” in Sardegna, e tra i più apprezzati nel panorama nazionale: domani, mercoledì 18 luglio, prenderà il via la quattro giorni che fino a sabato 21 accoglierà sul palcoscenico di Piazza Europa, a Narcao, alcuni tra i maggiori rappresentanti del genere di matrice afroamericana. Un'edizione che si presenta con una dedica al 300esimo compleanno di New Orleans, principale città dello Stato della Louisiana, culla del blues e simbolo dell'incontro tra differenti culture, di burrascosi eventi storici, inondazioni, tempeste, nel segno di una costante capacità di rinascita e rinnovamento.

Il festival, come da tradizione, prevede due concerti per ognuna delle quattro serate, con il consueto assortimento di stili e di artisti internazionali e nazionali: gli statunitensi Watermelon Slim, Eric Bibb, Sari Schorr, la Supersonic blues machine con un ospite del calibro di Billy F.Gibbons (chitarra e voce dei Zz top), la James & Black r&b band, la cantante e chitarrista serba Ana Popovic, la Band of friends con il suo omaggio alla musica di Rory Gallagher, mentre è targato Italia il progetto Acadian food and strawberry wine. Organizzato dall'associazione culturale Progetto evoluzione, con il contributo dell'Assessorato regionale della Pubblica istruzione, sport e spettacolo e dell'Assessorato regionale del Turismo, della Fondazione di Sardegna e con il patrocinio del Comune di Narcao, il festival fa parte dell'Italian blues union, l'associazione che riunisce l'intero mondo del blues nazionale e si riconosce sotto l'insegna dell'European blues union, di cui è rappresentante per l'Italia proprio il direttore artistico di Narcao blues Gianni Melis.

Luci e amplificatori surriscalderanno il clima della Piazza Europa domani, alle 21.30, con l'atteso concerto di apertura del festival, che vedrà salire sul palco un musicista considerato tra i più importanti rappresentanti del blues nella sua forma più pura: l'armonicista e chitarrista Watermelon Slim, al secolo Bill Homans, è un reduce della guerra in Vietnam e figura che incarna perfettamente il prototipo del bluesman dall'anima ruvida e tormentata. La sua carriera musicale comincia negli Anni Settanta, quando incide un disco molto duro nei testi, ispirati alle sofferenze della guerra vissuta in prima persona ed alle sue conseguenze. Dopo due decenni di silenzio ed una vita lontana dalle luci della ribalta musicale, forma un gruppo con due professori di filosofia dell'Oklahoma university, con i quali incide un ep, prima di intraprendere un percorso da solista. Da allora, la sua ascesa è divenuta inarrestabile ed oggetto di numerosi riconoscimenti, ed il suo blues acustico e minimale, impreziosito dalle aspre sonorità folk-rock del dobro suonato con lo slide, sono diventati la sua cifra stilistica ed il suo personalissimo marchio di fabbrica.

Alle 22.30, salirà in cattedra l'attesa Supersonic blues machine, con un ospite speciale come Billy F.Gibbons, chitarrista e voce dei leggendari Zz top. Dopo il successo dei due album “West of Flushing, South of Frisco”, del 2016, e “Californisoul”, dell'anno scorso, la formazione statunitense approda a Narcao per l'unica data in Sardegna del suo più ampio tour europeo. Il nucleo della band, formato dal bassista Fabrizio Grossi (ha lavorato con artisti come Steve Vai, Alice Cooper, Glenn Hughes, Dave Navarro, George Clinton, Slash e Paul Stanley, per ricordarne alcuni) ed il batterista Kenny Aronoff (noto per le sue collaborazioni con John Fogerty, Paul McCartney, John Mellencamp, The Smashing Pumpkins e Chickenfoot, fra gli altri), accoglie in questa occasione i chitarristi Kris Barras (al posto del titolare Lance Lopez, impegnato nel tour a supporto del suo album solista) e Serge Simic, il tastierista Alex Alessandroni Jr, Francis Benitez ed Andrea Grossi ai cori, e, appunto, Billy F.Gibbons, musicista dal look inconfondibile – lunga barba, occhiali da sole e un cappello sempre in testa – che ha partecipato in studio alla realizzazione (insieme a Robben Ford, Eric Gales, Walter Trout e Steve Lukather) dell'ultimo album dei Supersonic blues machine.

Nella foto: Billy F.Gibbons

Commenti

Vedi su Alguer.it









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie