sardanews

Ma in Nigeria c'è la guerra? c'è la guerra in Nigeria? - Il racconto degli insulti quotidiani verso i migranti

Lui ride, assieme ai suoi amici.

E' in auto, non vedo la sua faccia, mentre percorro la strada a piedi.

Come passo accanto alla vettura sento per un attimo la sua voce, sgradevole, sguaiata, piena di accenti che appesantiscono il suo italiano.- "ma in Nigeria c'è la guerra? c'è la guerra in Nigeria?" poi lui e i suoi amici ridono.

Dice qualcos'altro, è un insulto, lo capisco dal tono della voce, ma le parole è difficile capirle con un accento così.

Ha sicuramente assistito alla testimonianza di due ragazzini nigeriani i quali hanno raccontato, in una serata nella quale si parlava di migrazioni, del loro viaggio fino ad arrivare in Italia e in Sardegna.

L'uomo, con quella sua domanda, sottolinea che, non essendoci guerra in Nigeria, non devono venire quì, e poi ride, con quella sua risata sguaiata, assieme ai suoi amici. Per un attimo ho pensato di rispondergli, poi ho pensato che questo tipo di arroganza popolare è come un muro, uno tzunami che tutto porta via con se.

In questa serata ho affermato che casa è ogni porta che si apre ed accoglie, questa gente non accoglie e non ha casa, vive un fortino senza luce ne speranza, dal quale spara a tutto ciò che non capisce, e va combattuta con l'unico mezzo che abbiamo a disposizione; la cultura. La cultura: Senza non c'è speranza di sollevare la testa oltre i propri piedi. Dialogare con questa gente è inutile, si tengano la loro idea del mondo, saranno spazzati via dalla storia.

Ciò che sta accadendo non si fermerà chiudendo i porti ( questa affermazione non ha alcun valore politico, e non utilizza i porti chiusi come simbolo, non sto facendo affermazioni ne contro ne a favore di Salvini che sta combattendo una battaglia che con questo post nulla a che fare, lo scrivo per i soliti che non capiscono o cercano in me un affermazione di tipo partitico, cosa che mi guardo bene dal fare perchè io non credo in questa democrazia ne nei partiti che ne occupano gli spazi di partecipazione)

Estratto Dal profilo facebook di Gianluca Medas - scrittore, regista.









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie