sardanews

Come scegliere la giusta offerta per navigare in internet

Il mercato delle offerte per la connessione internet e Adsl è davvero vasto. Navigate solo via smartphone? Oppure avete bisogno della linea Adsl per il vostro Pc? Ecco alcuni accorgimenti per scegliere la tariffa che fa per voi.

Iniziando ad esempio con una comparazione di prezzi su Comparasemplice.it perché per non sforare il budget familiare, bisogna prima avere degli accorgimenti.

Cosa chiedersi per trovare la tariffa migliore 

La prima cosa da domandarsi è dove vogliamo navigare. Vi sono diverse tipologie di connessione:

  • da casa;
  • in mobilità;
  • in luoghi non raggiunti dalla linea telefonica.

Dopo aver capito dove navigare, sarà semplice trovare la migliore soluzione.

Chi naviga da una casa raggiunta da linea telefonica potrà usufruire della connessione ADSL, della fibra o ADSL e telefono.

Per chi naviga in mobilità è meglio scegliere la navigazione in 3G o in 4G tramite dispositivo con SIM dati.

Vi sono anche offerte che combinano la navigazione da casa e in mobilità. Spesso gli operatori forniscono una SIM dati a prezzi scontati, se non in regalo, abbinata a un abbonamento per la casa.

Chi abita in luoghi non raggiunti dalla linea telefonica potrà scegliere una connessione WiMax o Satellitare.

L'importante è, però, capire di cosa si ha bisogno. 

Nel momento in cui confrontiamo le offerte, dovremo sempre valutare quelle che includono le chiamate (spesso illimitate verso tutti) perché, con pochi euro in più potremo avere tutto in un unico pacchetto. 

Dobbiamo poi chiederci in che modo navighiamo. Saltuariamente o siamo abitudinari? Quanto tempo passiamo al telefono o al PC? Rispondendo a queste semplici domande capiremo se acquistare un abbonamento illimitato oppure uno con tariffa a consumo.

Anche se, c'è da dire, che oramai sono pochi i fornitori di internet che offrono un abbonamento a consumo ed è comunque più conveniente un abbonamento illimitato perché ha un costo medio di 25 euro al mese. Cifra che è facile sforare con la tariffa a consumo (pensiamo al tempo di navigazione maggiore a causa della connessione più lenta o ai costi delle chiamate). 

La terza domanda che dovremmo farci riguarda la velocità di navigazione che ci serve. Occhio però alla differenza tra velocità nominale dell'offerta e quella effettiva!

Spesso si promettono 20 mega e si viaggia a 7 mega (che è la velocità minima garantita da molti operatori). Per questo l'AGCOM (Agenzia Garante per le Comunicazioni) ha imposto alle compagnie la massima trasparenza riguardo alla banda minima garantita: se non viene rispettata il cliente può chiedere il recesso anticipato senza penali.

Se necessitiamo di una velocità superiore sarà opportuno quindi scegliere di navigare con la fibra ottica. 

I passi da fare per avere un'offerta vantaggiosa 

Una volta capito come consumiamo, sarà opportuno individuare l'offerta migliore. Ma come farlo? Con l'aiuto di un comparatore che, in pochi minuti, visualizzerà le tariffe più convenienti.

Ma occhio ai costi extra:

  • attivazione della nuova linea, spesso proposta a costo zero o a una tantum dilazionata mensilmente;
  • passaggio ad altro operatore, anche questo si trova spesso a costo zero;
  • disattivazione del vecchio operatore, attenzione perché qui le cifre salgono da 26 euro a 129 euro (in molti casi si azzera dopo due anni di permanenza);
  • servizi accessori, come la telefonia mobile o la Pay TV;
  • modem, a volte incluso nel pacchetto a costo zero oppure a circa 4 euro al mese. 

Dopo aver verificato tutte le condizioni contrattuali saremo pronti a scegliere la tariffa migliore per le nostre esigenze.









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie