sardanews

Il “Cammino” di Adriana, 78 anni, pellegrina laica - Cronaca

Il “Cammino” di Adriana, 78 anni, pellegrina laica - Cronaca
SASSARI. L’esperienza è di quelle che non scorderà facilmente, tanto più che dal viaggio è tornata con un carico di ricordi e suggestioni uniche. Adriana Metrano, ex insegnante, 78 anni, di Sassari, è reduce dal Cammino di Santiago. «Non ho fatto niente di straordinario – tiene subito a precisare –, tanto più che il percorso non l’ho completato, però finalmente ho capito lo spirito che anima una persona non credente a intraprendere un viaggio faticoso, ma altrettanto coinvolgente dal punto di vista umano». Sì, perché la signora Adriana ha deciso di partecipare al viaggio con un gruppo di amici proprio con l’intenzione di farsi un’idea precisa dei motivi che spingono un laico a percorrere ottocento chilometri a piedi. Ma lo ha fatto anche nel ricordo di una cara amica scomparsa di recente che ha voluto concludere la sua esperienza terrena solo dopo avere fatto il Cammino. «Il viaggio è stato bellissimo e anche se ho fatto solo otto tappe per un totale di duecento chilometri ho incontrato genti diverse, visto posti meravigliosi e sentito persone esprimersi in tante lingue, il Cammino infatti è una straordinaria porzione di mondo, un’esperienza unica in cui si recupera la dimensione umana che forse, di questi tempi, sta venendo meno». «Camminare, parlare con persone sconosciute con le quali durante il tragitto si stringe amicizia sincera, è bellissimo». Perfino il tempo è stato clemente, Adriana infatti ha raccontato che nelle due settimane tra il 15 e il 30 giugno scorsi, ha piovuto solo due volte e comunque in modo non eccessivo.«La sera, quando si arriva negli ostelli, il clima è improntato alla cortesia e alla solidarietà più totali, si consuma un pasto semplice, chi lo desidera chiacchiera, ma soprattutto si recuperano le forze per la tappa successiva». In Sardegna è attiva perfino una “Confraternita di Santiago”, associazione composta da persone che hanno già fatto il Cammino, che non solo fornisce tutte le informazioni necessarie per affrontare l’esperienza di un viaggio così importante, ma consegna anche le credenziali: «Si tratta – spiega la signora Adriana – di una specie di depliant sul quale il pellegrino, durante la marcia, attacca un bollo ogni volta che conclude una tappa e alla fine ha il riepilogo, anche materiale, dell’esperienza vissuta fino a qual momento».Sul piano della fattibilità Adriana non ha alcun dubbio: «E’ un’esperienza alla portata di tutti – conclude – che si può fare in serenità e sicurezza, senza patemi d’animo e, soprattutto, senza avere paura della fatica perché ognuno cammina seguendo il proprio ritmo». (a.me.)

vedi su La Nuova Sardegna









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie