sardanews

Roberto di Cagliari: “Dal 2002 ho l’artrite, voglio potermi curare e vivere come tutti”

Roberto di Cagliari: “Dal 2002 ho l’artrite, voglio potermi curare e vivere come tutti”
“Voglio continuare a fare la mia vita, non l’invalido”. Sono le ultimissime parole dell’intervista fatta a Roberto Casu a dare la “cifra” della situazione di emergenza che denunciano tanti malati di artrite reumatoide. Cinquant’anni, lavoratore in un supermercato, un figlio: “Dal 2002 ho una spondilite che mi colpisce agli arti inferiori e alla schiena. Grazie ai farmaci di nuova generazione svolgo una vita perfettamente normale, in palestra faccio cose che i trentenni non riescono a fare”. Ma, da un po’, la situazione è precipitata: “È drammatica, la Regione ha bloccato la fornitura dei farmaci per via dei costi. Loro pensano di risparmiare, ma a breve ci sarà una caterva di persone bloccate che non portranno svolgere nessuna funzione sociale”.
“Devono darci la nostra cura, la salute è un diritto e non un privilegio. Se non mi faccio una puntura ogni venti giorni, nell’arco di un mese la patologia salta di nuovo fuori. L’Aifa ha detto a chiare lettere che i biosimilari non sono identici agli altri farmaci”.

L'articolo Roberto di Cagliari: “Dal 2002 ho l’artrite, voglio potermi curare e vivere come tutti” proviene da Casteddu On line.

image

Vedi su CastedduOnLine









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie