sardanews

Sa Manta di Cagliari, drag queen: “Il ministro Fontana? Peggio di così non poteva capitarci”

Sa Manta di Cagliari, drag queen: “Il ministro Fontana? Peggio di così non poteva capitarci”
I diritti? Non bastano mai, nemmeno nel mondo delle drag queen. Uomini che si vestono da donne e calcano anche palcoscenici molto famosi per i loro spettacoli. Sa Manta, quando si toglie le scarpe con i tacchi, l’abito blu e la parrucca arancione acceso, è Marco. Venticinque anni, residente a Cagliari, non ha perso nemmeno un minuto durante l’edizione 2018 del Sardegna Pride: balli, saluti e sorrisi per tutti, sopra il carro capofila del coloratissimo corteo: “È emozionante”, confessa. “Siamo uomini che si vestono da donne per gli spettacoli, portiamo sempre un messaggio sul palco. Il mio è dedicare pezzi alle vittime di omofobia e transfobia”. Cioè a chi può anche aver subito violenze fisiche per il suo essere omosessuale: “Fortunatamente a me non è mai successo nulla, ho auto la fortuna di essere una persona che si è dichiarata da subito, ho messo a tacere tute le voci”.
E il futuro, con quel Governo tra Lega e M5S dove c’è, per esempio, il ministro della Famiglia Stefano Fontana che dice che le famiglie arcobaleno – e, per logica leghista, i gay, le lesbiche, i bisex e i trans – non esistono? “Avere Fontana ministro è la cosa peggiore che potesse capitarci”, dice Sa Manta, “mi auguro che l’attuale Governo affondi entro dicembre, se non succede ci faremo il segno della croce e buonanotte”.

L'articolo Sa Manta di Cagliari, drag queen: “Il ministro Fontana? Peggio di così non poteva capitarci” proviene da Casteddu On line.

image

Vedi su CastedduOnLine









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie