sardanews

Cagliari, lavori-beffa a Santa Chiara: “Non potrò vendere carne per un mese”

Cagliari, lavori-beffa a Santa Chiara: “Non potrò vendere carne per un mese”
Pochi metri di distanza – dall’interno del mercato di Santa Chiara a piazza Yenne – che, nei fatti, sono pari a migliaia di chilometri per Valerio Demicelis. Trentacinque anni, di Serramanna, è lui ad aver preso dal padre le redini, nel 2014, dell’unico box di carne: “Non posso venderla all’esterno perché non mi danno un banco frigo. Tenere la carne all’aperto non è fattibile, devo stare fermo almeno un mese continuando a pagare tutte le spese fisse”, commenta, amareggiato, Demicelis. Andare in un altro mercato? “Inutile e non conveniente, io ho i miei clienti abituati a venire a trovarmi qui”.
Non è la prima volta che il mercato di Santa Chiara subisce un intervento di restyling – per quanto quello previsto nelle prossime settimane si configura come una “rivoluzione” -. “Tutte le altre volte hanno svolto i lavori per porzioni, prima una metà e poi l’altra con noi venditori trasferiti tutti da una parte e potendo continuare a lavorare. Stavolta hanno detto che non è possibile. Una scelta che mi infastidisce”, ammette il macellaio, “proprio perché, in passato, erano state trovate soluzioni” differenti dalle casette di legno, in stile natalizio, previste in piazza Yenne.

L'articolo Cagliari, lavori-beffa a Santa Chiara: “Non potrò vendere carne per un mese” proviene da Casteddu On line.

image

Vedi su CastedduOnLine









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie