sardanews

La “grande” Osilo riprova a volare - Cronaca

La “grande” Osilo riprova a volare - Cronaca

INVIATO A OSILO. Un gioiello incastonato nella più settentrionale delle tre cime del monte Tuffudesu e dominato dai resti del castello medioevale dei Malaspina. Che vede, lentamente ma inesorabilmente, sfiorire i fasti del suo “grande” passato. E deve scuotersi dalla sua orgogliosa ma troppo riduttiva autoreferenzialità per riprendere a volare.

D-A_WEB

Le frazioni di Osilo sono gioielli che andrebbero recuperati

Non manca davvero nulla ai 3mila residenti di Osilo. Un impagabile ambiente, con le tre cime del colle su cui tutti i sassaresi hanno conosciuto la prima (e spesso unica) neve, circondate da boschi, fiumi, torrenti e panorami da cartolina. Pascoli, salati dal mare, dove 13mila capi producono il latte da cui deriva l’imperdibile pecorino, riconosciuto a livello internazionale e inserito nella prestigiosa lista dei presìdi slow food. Storia, che si respira a pieni polmoni negli stretti viottoli lastricati in pietra del curato centro storico medievale, o in una delle 36 chiese sparse tra centro e frazioni. Cultura, tramandata con ardore dai due gruppi folk e dai due cori permanenti, ma anche della compagnia “cinema teatro”. Archeologia industriale, con l’incredibile valle dei mulini di San Lorenzo. Gastronomia, con il formaggio e la ricotta, affiancata dagli originali e deliziosi dolci tipici (su tutti le casadinas) e del celebre pane ammoddigadu, con Giuseppe e Antonella che perpetuano la geniale intuizione del padre Luigino Fedeli. Ricchezza, che se pur calante, ha permesso a Osilo di vivere una storia agiata e di collettivo benessere. Con un centinaio di allevatori e produttori che si sono, più o meno equamente, divisi l’allora ricco mercato dell’agroalimentare, andando anche alla conquista della Nurra.

02_WEB

Il pecorino è nel circuito slow food, le “casadinas” artigianali e il pane “ammoddigadu” unici nell’isola

«E forse – sottolinea il sindaco Giovanni Ligios – è stato proprio questo benessere che ci ha fatto perdere il “passo”. E ripiegare sempre più su noi stessi. Ora però i tempi sono cambiati. E le nuove generazioni devono decidere cosa fare da grandi. Perché abbiamo occasioni che non si ripeteranno, e non possiamo perdere».

E, a guardare i numeri, non si può dar torto al primo cittadino, 42 anni, da dieci a combattere tra maggioranza e opposizione nelle stanze del Municipio. I residenti infatti sono calati dai 4600 degli anni d’oro a poco più di 3mila. Le imprese riconosciute che trattano il pecorino sono rimaste 7-8 ufficiali e una decina saltuarie. I dolci sono venduti in un’unica pasticceria. Il turismo e l’ospitalità non sono mai decollati, come sperato. E lo stesso castello è un enorme potenzialità ancora inespressa.

«Ora partiremo con l’albergo diffuso – continua Ligios –. Una ventina di posti letto di proprietà del Comune che faremo di tutto per tenere sempre occupati. Poi lavoriamo a rendere davvero fruibile, e facilmente raggiungibile, il castello. Per entrare nel circuito crocieristico ad esempio. E alle fiere di settore: siamo luogo ideale per escursioni, arrampicate, parapendio. Ma abbiamo anche tanto altro da offrire».

03_WEB

Dopo l'intervento di recupero, il castello dei Malaspina ospiterà eventi e spettacoli sotto le stelle

Non c’è solo turismo però nella ricetta per tornare ad essere “Osilo manna”. «Serve formazione e cultura – spiega Ligios – imprenditoriale prima di tutto. Perché per l’impresa serve capacità, propensione al rischio. E voglia di primeggiare, ma non solo nei confronti del proprio vicino. Serve programmazione. E magari un po’ di umiltà, che a noi osilesi davvero spesso manca».

A provare a dare una scossa anche il gruppo della compagnia cinema teatro Osilo, una quindicina di sognatori che scrivono, producono, girano, recitano in giro per l’Isola da quasi vent’anni. «La cultura e la tradizione sono il più grande dei nostri beni collettivi – spiega Salvatore Loriga, tra gli animatori della compagnia insieme al fratello Giovanni che la presiede –. Il nostro obiettivo è mettere in contatto le diverse generazioni. Perché si contaminino, e crescano nel confronto». Certo non è la grande “Osilo estate” degli anni 80-90, con cabaret-cabaret che ospitava Giorgio Faletti e Gianfranco D’Angelo. «Ma i tempi sono cambiati – chiude Loriga –. È bene partire dal nostro passato, prossimo e lontano. Ma Osilo deve guardare al suo futuro. Che non può che essere di nuovo grande». 

vedi su La Nuova Sardegna









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie