sardanews

Uniss partecipa al progetto Aloha

Intelligenza artificiale al servizio dell´uomo per la creazione di dispositivi complessi in grado di ragionare, agire ed influire sulla vita quotidiana

Uniss partecipa al progetto Aloha

SASSARI - L'Università degli studi di Sassari partecipa al progetto Aloha, guidato dall'Università di Cagliari e finalizzato all'introduzione dell'intelligenza artificiale basata sul “Deep learning” in tutti i dispositivi elettronici che fanno parte della vita. Francesca Palumbo, ricercatrice dell'Ateneo di Sassari (coordinatrice del progetto Cerbero è a Cagliari assieme a Luca Pulina per partecipare al meeting di avvio del progetto, che si conclude oggi). Coordinato dal ricercatore di Cagliari Paolo Meloni, Aloha (Software framework for runtime-Adaptive and secure deep learning on heterogeneous architectures) è finanziato dall'Unione europea nell’ambito del programma Horizon 2020 per un importo complessivo di 6milioni di euro.

«Scopo del progetto è la creazione di sistemi cognitivi in grado di emulare il comportamento del cervello umano, al punto da poter decidere autonomamente – spiega Palumbo, chiamata a collaborare alla definizione ed alla realizzazione della proposta – Questi sistemi devono essere preventivamente addestrati per compiere delle specifiche azioni, come il riconoscimento di comandi vocali o di oggetti, per poi poter agire in completa autonomia e senza nessun ausilio di un operatore, a prescindere dal soggetto con cui stanno interagendo, che a seconda del comportamento richiesto può essere una persona, un video o un'immagine».

In collaborazione con UniCa e con StMicroelectronics, Uniss lavorerà sull'implementazione fisica del sistema per trasferire gli algoritmi in hardware. «Il grande obiettivo in questo senso è semplificare questo passaggio attraverso degli strumenti automatici e ottimizzare le prestazioni in particolare minimizzando la potenza – continua Francesca Palumbo - Portare la complessità del cervello umano e dei suoi processi su un sistema fisico richiede molta potenza di calcolo che consuma molta energia. E' questo quindi il principale problema da risolvere». Senza questo passaggio non si potrà compiere lo step successivo, superando l'attuale modello di sviluppo che, per intenderci, è esemplificato dal tipo di intelligenza artificiale che sperimentiamo con gli assistenti virtuali presenti su alcuni smartphone che hanno bisogno di una rete dati per funzionare essendo la computazione effettuata su cloud e non in locale. «Noi ci prefiggiamo la delineare la strada per la progettazione di sistemi intelligenti realmente a portata di mano e disponibili in qualsiasi situazione, che siano connessi a una rete o no», conclude Palumbo.

L'Università di Sassari continua quindi il percorso iniziato lo scorso anno con Cerbero verso la definizione di sistemi sempre più ingegneristicamente complessi, ma al contempo parte integrante della nostra futura quotidianità. La scienza è pronta ad andare avanti e ad ottenere dai device elettronici prestazioni molto più avanzate ed in grado di incidere profondamente sulla vita di tutti i giorni: fuori dal cloud computing e dentro i dispositivi medici o i sensori industriali, le intelligenze artificiali saranno in grado di apprendere autonomamente, auto-correggersi ed agire.

Commenti

Vedi su Alguer.it









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie