sardanews

Diet Casteddu: ipertensione arteriosa, come prevenirla e soprattutto cosa mangiare

Diet Casteddu: ipertensione arteriosa, come prevenirla e soprattutto cosa mangiare
IPERTENSIONE ARTERIOSA COME PREVENIRE E COSA MANGIARE
a cura di Raffaella Aschieri (@dietistaMenutrix)
La cura dell’ipertensione arteriosa deve essere eseguita con vari approcci: la terapia medica è fondamentale , ma deve essere associata a cambiamenti dello stile di vita per portare a significativi miglioramenti. Ecco alcuni punti per fare chiarezza su i più diffusi miti relativi a questa condizione. Quanto è psicosomatica come malattia? L’ipertensione arteriosa non è una patologia psicosomatica, ma può essere influenzata moltissimo dalla componente emotiva: una persona molto ansiosa può avere variazioni pressorie molto ampie che in alcuni casi possono favorire, ma non causare, lo sviluppo di una forma ipertensione arteriosa. Il caffè e il tè vanno evitati? Non esistono relazioni tra l’assunzione del caffè e del tè e lo sviluppo dell’ipertensione arteriosa. L’assunzione eccessiva di caffè può causare tachicardia, cioè aumento del battito, ma non un aumento pressorio costante, di tipo ipertensivo. . Quanto è legata allo stress? Lo stress può influire nello sviluppo di forme secondarie dell’ipertensione arteriosa, corrispondenti a circa il 20% delle ipertensioni totali. È più frequente negli uomini che nelle donne? In realtà non esiste una maggiore frequenza di ipertensione arteriosa tra gli uomini e le donne: statisticamente sono entrambi intorno al 30%. .
È genetica? In certi casi l’ipertensione arteriosa può avere una componente genetica tra le possibili cause. . La dieta vegetariana aiuta? L’assunzione di alimenti vegetali, all’interno di una dieta equilibrata, può aiutare a tenere sotto controllo la pressione arteriosa e ridurre il rischio di sviluppare una forma di ipertensione, ma non basta a evitarla. Perché aumenta con la menopausa? Quando una donna raggiunge la menopausa, raggiunge una condizione fisica generale sovrapponibile a quella dell’uomo, per cui acquisisce un uguale rischio cardiovascolare rispetto all’uomo. Per quanto riguarda lo sviluppo di ipertensione arteriosa, risulta più frequente in base a quando prima compare la menopausa. Prendere il sole porta benefici agli ipertesi? Prendere il sole aiuta a controllare l’ipertensione perché il sole aiuta a produrre vitamina D che sembra essere un elemento benefico verso il controllo della pressione arteriosa. Praticare il tai chi è utile agli ipertesi? In generale, la pratica di attività fisica aerobica, come corsa, camminata veloce, nuoto e bici aiuta a controllare meglio la pressione arteriosa.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha concordato che si parla di pressione arteriosa ottimale quando ècompresa tra 120 e 80, normale tra 130 e 85, normale-alta tra 130-139/85-89 e di ipertensione quando i valori pressori sono uguali o superiori a 140/90. Si parla di ipertensione quando la pressione è costantemente, e non solo occasionalmente, superiore ai limiti indicati come normali. L’ipertensione arteriosa è pericolosa perché il cuore deve sostenere uno sforzo superiore alla normalità e, se prolungato, può portare ad un ingrossamento del cuore stesso o ad un danno a carico degli stessi vasi, causando anche micro danni non visibili ad occhio nudo, quale la stessa arteriosclerosi, coinvolgendo anche tessuti e altri organi come il cervello, i reni e gli occhi. Il pericolo principale dell’ipertensione é costituito dal fatto che questa può non essere accompagnata da sintomi e il paziente può non accorgersene fino a quando non si sviluppano con conseguenze anche gravi, quali ictus, infarti miocardici acuti o danni retinici agli occhi. Importante, quindi, è la misurazione della pressione periodicamente, specialmente ad una certa età, oppure quando si manifestano alcuni sintomi improvvisi quali mal di testa, sensazione di debolezza, stanchezza fisica e intellettuale, nervosismo, insonnia, vertigini, ronzii, persistenti e non giustificati da altre problematiche. Il mio consiglio , è quello di muoversi, mangiare bene e sano, rilassarsi e controllate periodicamente la vostra pressione arteriosa dal medico di fiducia: ridurrete il vostro rischio di sviluppare ipertensione.
LA GIUSTA DIETA elaborato da @Menutrix il menu con le calorie La dieta si prefigge un’alimentazione quantitativamente ridotta, ipocalorica, finalizzata al raggiungimento del peso ideale e limitata nell’apporto di grassi e di sale. L’eventuale decremento ponderale con dieta blanda e ipocalorica è il primo approccio unitamente a un incremento dell’apporto idrico. DESCRIZIONE Dieta inizialmente ipocalorica. Sino a peso ideale normolipidica, iposodica, con predilezione di alimenti a discreto contenuto di potassio. Pasti nella norma. Evitare sale aggiunto e ricette elaborate. ALIMENTI SCONSIGLIATI Dadi, brodi ed estratti, pane salato, carni grasse, selvaggina, affumicati, cacciagione, carne insaccata, frattaglie, pesci grassi, in salamoia, crostacei, molluschi, frutti di mare, uova fritte, salse piccanti, frutta secca e oleosa, panna, mascarpone, formaggi grassi (semiduri e duri, fermentati e piccanti), vini, liquori. Frequenza pasti consigliata: 4-5

L'articolo Diet Casteddu: ipertensione arteriosa, come prevenirla e soprattutto cosa mangiare proviene da Casteddu On line.

image

Vedi su CastedduOnLine









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie