sardanews

Le immigrazioni, le emigrazioni e l'assessore alle politiche sociali della Sardegna

Di recente l’assessore regionale alle politiche sociali,  Arru, ha dichiarato che: “I migranti sono gli unici disposti a fare i lavori sporchi, umilianti e pericolosi e farebbero bene anche al Pil sardo”. Questa espressione è terribile perché  potrebbe richiamare e giustificare, spero inconsapevolmente, l’atteggiamento mentale dei vecchi colonialisti e, addirittura, degli schiavisti e dei moderni ‘caporali’. Anche questi, infatti, ricorrevano, e ricorrono, alla manodopera ‘negra’ e, comunque, del terzo mondo, per svolgere i lavori peggiori,  che i ‘bianchi’ avrebbero svolto mal volentieri, o non avrebbero svolto affatto, ed a costi nettamente superiori. Quella  dichiarazione suona anche come una espressione che considera l’arrivo dei ‘migranti’ solo dal punto di vista dei presunti vantaggi economici che ne deriverebbero,  come l’ipotetico aumento del  PIL regionale,  senza tener conto degli aspetti umani e dei problemi e disagi di vario genere che ricadrebbero sulle popolazioni locali e sugli stessi ‘migranti’. Non si tiene conto, ad esempio, che farebbe il gioco  degli speculatori senza scrupoli che,  aggirando  senza troppa difficoltà le  garanzie offerte dalle leggi, preferirebbero assumere  personale più disposto a fare i lavori più gravosi, senza preoccuparsi della loro sicurezza , delle condizioni igieniche e sanitarie  e per salari più bassi.

Il cosidetto ‘mercato del lavoro’ verrebbe drogato perché i nostri lavoratori, se volessero  evitare l’emigrazione e campare magari miseramente , dovrebbero adattarsi alle esose pretese dei ‘datori di lavoro’. In tal modo  la nostra società  arretrerebbe di oltre cento anni.  Purtroppo la decisione di ricorrere alla manodopera forestiera per riempire i vuoti dovuti allo spopolamento ed al calo delle nascite nasconde una carenza politica profonda ed una totale assenza di un progetto  per lo sviluppo del popolo sardo .

E’, infatti, solo una scorciatoia che  mostra la incapacità di sviluppare una autentica politica sociale , fatta di sostegno alle persone ed alla famiglia. Una politica che, invece, dovrebbe puntare alla eliminazione delle spese utili solo a fini clientelari ed elettorali ,che  combatta seriamente  l’evasione fiscale,che   stronchi la corruzione anche togliendo di mezzo , senza remissione e  per sempre dalla vita pubblica i corrotti , che miri a realizzare asili, dopo scuola, strutture sportive e ricreative, colonie estive (marine e montane), a favorire il turismo popolare e centri di accoglienza e svago per anziani ed aiutare finanziariamente le famiglie numerose e bisognose,che costruisca case popolari, in barba alle ingiuste pretese degli speculatori dell’edilizia, od agevoli l’acquisto della casa per quelle stesse famiglie. Lascio perdere il discorso sulla sanità che è già stato specificamente affrontato in altre occasioni.

Occorre, cioè, una autentica politica sociale e di tutela delle nostre genti di Sardegna e delle nostre tradizioni, una politica, cioè, che si impegni dal punto di vista culturale, tramite il cinema, la tv., i giornali ed ogni genere di Mass Media,  a combattere la mentalità che induce a fare meno figli, anche se si è in condizioni economiche discrete. In questo modo si realizzerebbe uno stato ‘sociale’ che guardi ai ragazzi, ossia al futuro del nostro popolo, e ne scoraggi la fuga.Solo dopo aver sviluppato una simile politica si può esaminare la possibilità di aprire le porte alla immigrazione, accettando, senza distinzione di sesso e razza, come dice l’art.3 della Costituzione,  chi è disposto ad integrarsi rispettando le nostre leggi e regole e respingendo chi, invece, intendesse imporre la sua  cultura o subcultura. Purtroppo per i politici di bassa tacca è più facile favorire l’arrivo di chiunque, senza considerare di chi si tratta e se viene con spirito pacifico od aggressivo. Sembra, anzi, che faccia quasi piacere  che i nuovi arrivati siano abituati  nella  loro  terra di origine   a vivere di stenti e non abbiano, quindi,  quelle esigenze di vita ‘civile’ che giustamente hanno i nostri cittadini, giovani e non giovani. Da un’attenta analisi sembrerebbe che l’atteggiamento dell’assessore possa nascondere, sicuramente in modo inconsapevole, una forma di sfruttamento della indigenza dei migranti. Non condivido  che un simile atteggiamento  possa essere accettato da un Assessore alle Politiche sociali che, per di più, si autodefinisce democratico e  progressista! 

Vedi su Algheroeco









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

Cagliari, brutto incidente in viale Cimi…

13-11-2018 Casteddu On Line

Grave incidente alla fine di viale Cimitero, proprio a pochi passi dall’ingresso del camposanto e dal parco di Bonaria. Due vetture, per cause ancora da accertare, si sono scontrate. Una Volkswagen è andata...

Read more

Al day hospital Oncologico la biblioteca…

12-11-2018 Alguer

È stata realizzata grazie all´iniziativa del gruppo “Donne libere in lotta per il diritto alla salute”. Aprirà venerdì, nei locali della struttura al terzo piano di Malattie infettive e metterà a disposizione oltre...

Read more

Porto Torres, ripristino strade: avviato…

12-11-2018 Alguer

Lavori di ripristino del manto stradale dall´accesso sulla ex SS 131 fino all´altezza di piazza Umberto I. gli interventi cominciano nel tratto compreso tra l´incrocio con via dei Corbezzoli e via Cellini PORTO TORRES...

Read more

Psa, Urzulei modello virtuoso

12-11-2018 Alguer

Il presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru, l´assessore regionale della Sanità Luigi Arru ed i rappresentanti dell´unità di progetto hanno incontrato quarantotto allevatori emersi dall´irregolarità URZULEI - I modelli virtuosi da imitare...

Read more

Cagliari, il Poetto del futuro: movida, …

12-11-2018 Casteddu On Line

Movida, aree sportive e parcheggi. Tutto al Poetto nella zona tra l’ippodromo e l’ex pineta ai confini con Quartu. E sul lungomare torneranno i chioschetti per la degustazione dei ricci. È nero su bianco...

Read more