sardanews

Spettacoli,cambiano parametri contributi

© ANSA

(ANSA) - CAGLIARI, 24 GEN - Abbassamento da cinque a tre anni per l'accesso alle risorse e riduzione del punteggio per la premialità, possibilità per gli organismi di aggregarsi in Ati e Ats. Sono queste le modifiche più significative dei criteri di attribuzione dei contributi per lo spettacolo dal vivo in Sardegna. "Mettiamo all'angolo la vecchia delibera per giungere a un accordo condiviso con tutti gli organismi di spettacolo, grazie a un tavolo partecipato che ha lavorato in sinergia in questi mesi - ha detto l'assessore regionale alla Cultura Giuseppe Dessena in una conferenza stampa - un patto tra istituzioni e mondo dello spettacolo, che rappresenta una prima tappa verso il percorso che porterà al varo della legge".    La delibera è un traguardo che mette d'accordo tutte le sigle che ruotano attorno al mondo della danza, del teatro e della musica. I rappresentanti parlano di 'passaggio storico'. "Una importante e storica interlocuzione tra assessorato e mondo dello spettacolo che ha prodotto, con queste modifiche condivise, un progetto culturale per la Sardegna", hanno sottolineato i rappresentanti di Cosas, Agis, Animas, Asso cultura tramite Giulio Landis, Lelio Lecis, Monica Pistidda, Vincenzo De Rosa e Gianluca Medas.    "Tra qualche settimana - ha annunciato Dessena - si riapre il tavolo per discutere della proposta di legge che abbiamo in bozza per dar vita alla legge di settore, una legge ammodernata e adeguata ai tempi. Questo primo importante passo arriva nel 2018, anno della Cultura ed è particolarmente significativo, perché nella nostra Isola è cresciuta la domanda e l'offerta culturale".    Tra le altre importanti modifiche c'è la tutela dell'offerta culturale, la distinzione fra rassegne e festival, premialità per chi opera nei territori disagiati. Criteri che premiano la produzione, valutazione qualitativa dei progetti.(ANSA).   

Fonte: Ansa









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie