sardanews

Il saluto a Rino Ladu, alfiere del commercio - Cronaca

Il saluto a Rino Ladu, alfiere del commercio - Cronaca
SASSARI. Chiesa di San Pietro gremita per l’ultimo saluto a Rino Ladu, che se n’è andato a 84 anni dopo aver rappresentato i commercianti sassaresi ai più alti livelli. A celebrare la funzione funebre padre Salvatore Morittu, il fondatore della comunità di S’Aspru e di Mondo X, e amico di famiglia. Il figlio Marco Ladu ha ricordato il padre come esempio di abnegazione, impegno e onestà. C’erano i vertici di Confcommercio e Unifidi, ex amministratori comunali, tanti colleghi e moltissimi amici a rendere omaggio a una persona che con garbo e autorevolezza ha gestito momenti di successo e crisi del terziario, settore trainante dell’economia sassarese. Dietro il banco, dalle fine anni Cinquanta, del negozio Rima di articoli da regalo al corso Vittorio Emanuele, che gestiva con la moglie Silvana Loriga, fu ai vertici della Confcommercio provinciale fin dai primi anni Settanta, come presidente di categoria, adoperandosi per tutelare dignità e ruolo delle aziende commerciali. Ebbe l’intuizione, con le prime avvisaglie del credit crunch alle imprese, soprattutto quelle piccole e medie aziende , che occorresse un organismo consortile di garanzia fidi. Nacque così, nel 1982, il Confidi Commercio, di cui Ladu fu promotore, fondatore e presidente del consiglio di amministrazione per lunghi anni, garantendone efficienza, strutture e sviluppo. Esperienza e competenza, quelle di Ladu, attestate anche dagli incarichi ricoperti a livello regionale e nazionale, grazie ai quali migliaia di aziende hanno continuato a ottenere credito ed assistenza, salvaguardando le loro attività, ma anche la nascita di nuovi investimenti. Ladu, inoltre, si adoperò in particolar modo per sostenere gli operatori colpiti dal fenomeno dell’usura.Recentemente, per fronteggiare le nuove difficoltà del credito, aggravate dalla crisi e dalle sempre più rigide normative europee, Rino Ladu ha collaborato attivamente con i presidenti Salvatore Desole, del Confidi Commercio, Alberto Pisano di Terfidi Nuoro e Alberto Pomogranato di Ascomfidi Oristano, alla fusione e costituzione di un unico organismo di garanzia fidi, qual è oggi Unifidi Sardegna. «È stato un’autorevole guida nelle rivendicazioni di rispetto per il comparto, ma attento anche alle innovazioni, ai problemi sociali, alla valorizzazione dell’arte e delle tradizioni del territorio – afferma Salvatore Desole –. Un maestro per me. Il suo ricordo resterà vivo».

vedi su La Nuova Sardegna









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie