sardanews

Fondazione, 15 giorni per trovare l’accordo - Cronaca

Fondazione, 15 giorni per trovare l’accordo - Cronaca
SASSARI. Sono 11 le candidature valide arrivate in Comune per la nomina del rappresentante al comitato di indirizzo della Fondazione di Sardegna. Tra cui pescare la terna che Palazzo Ducale presenterà al comitato uscente, che sceglierà il rappresentante di Sassari.Una “prima volta” (fino ad ora il posto era appannaggio della Provincia), che sta creando non poco subbuglio nelle stanze del Palazzo, soprattutto in quelle del Pd. «Si è appena conclusa una manifestazione pubblica di interesse cui hanno partecipato 11 cittadini in possesso dei requisiti previsti dal bando – sottolinea la capogruppo del Pd in consiglio comunale Carla Fundoni, negando ogni tensione –. La conferenza dei capigruppo, tra essi, indicherà un numero di persone, rappresentative per sesso, di maggioranza e minoranza, almeno doppio a quello da indicare e quindi almeno 6. Il gruppo del Pd non si è riunito e non ha avanzato la candidatura che la capogruppo proporrà in conferenza. Allo stesso modo gli altri gruppi, dato che fino ad oggi non si conosceva la lista di coloro che hanno manifestato interesse ad essere indicati».Tutto vero, come vero è che la discussione sul nome Dem è iniziata da giorni. Aperta dalla proposta del sindaco, che ha caldeggiato in una serie di incontri informali la candidatura dell’ex assessora comunale Grazia Manca. Che, al netto di sempre possibili evoluzioni, se la dovrà vedere con Alessandra Ruzzu, attualmente in Cassa depositi e prestiti e molto vicina al presidente uscente (e probabile riconfermato) Antonello Cabras. E con l’avvocato Gianluca Giordo, già coordinatore dell’associazione ultra renziana “Adesso Sassari”, animatore dei comitati referendari cittadini, e riconducibile alla corrente che fa riferimento a Gavino Manca e al segretario cittadino del Pd Gianni Carbini.Tre nomi, di tre diverse correnti, con un’intesa da trovare in tempi strettissimi. Il Comune di Sassari è infatti già stato messo in mora dalla Fondazione e ha tempo fino al 2 febbraio per presentare la sua terna. In caso contrario sarà la Fondazione stessa a fare la sua scelta. La Capigruppo decisiva dovrebbe essere in calendario il prossimo martedì. Fino ad allora è guerra aperta. Anzi no, è “serena dialettica democratica” in atto. (g.bua)

vedi su La Nuova Sardegna









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie