sardanews

Santissima Trinità, “più pazienti che letti in Pneumologia: condizioni da terzo mondo”

Santissima Trinità, “più pazienti che letti in Pneumologia: condizioni da terzo mondo”
Ogni padiglione dell’ospedale cagliaritano di Is Mirrionis sembra avere, bene andando, almeno una “grana”. Anche in Pneumologia, con un problema principale – quello della mancanza degli Oss – che trascina dietro altre “emergenze”. Troppo pochi i posti letto rispetto al numero attuale di cittadini ricoverati. Trentotto letti – sopra, nella testata, ci sono le bocchette per l’ossigeno, le mascherine e altri strumenti indispensabili per la salute dei pazienti – ma, almeno sette persone sono costrette a soggiornare in stanze “non totalmente attrezzate”. La denuncia arriva dal segretario provinciale della Fials, Paolo Cugliara: “Dagli ammalati ai parenti, passando pure per gli infermieri, la rabbia e la frustrazione è tanta. Il surplus dei ricoveri rispetto ai letti è legato all’epidemia dell’influenza”.
Sì, perchè, stando al racconto del sindacalista, “gli infermieri sono lasciati soli, non hanno nessun personale di supporto, come gli Oss, e devono fare tutte le attività. Spesso i pazienti hanno crisi respiratorie, e chi non è ricoverato in uno dei letti attrezzati deve attendere l’arrivo degli infermieri con le bombole. Gli infermieri, a loro volta, sono lasciati totalmente soli, senza il supporto degli Oss. In Pneumologia”, attacca Cugliara, “ci sono indici di pericolo molto elevati, gli operatori lavorano grazie a un incredibile spirito di sacrificio. Non si capisce come mai non si prendano provvedimenti, rimpolpando gli organici”.

L'articolo Santissima Trinità, “più pazienti che letti in Pneumologia: condizioni da terzo mondo” proviene da Casteddu On line.

image

Vedi su CastedduOnLine









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie