sardanews

Cagliari, la città delle sedie e dei tavolini: storie di cittadini che non ne possono più

Cagliari, la città delle sedie e dei tavolini: storie di cittadini che non ne possono più

di Marcello Roberto Marchi

Si può andare al bar a sorbire un caffè o un drink, si può andare in pizzeria per gustare una pizza, si può andare in ristorante per la ” pausa pranzo ” o per un incontro conviviale. Non possono essere ,però, queste occasioni da sole a sostenere l’economia di un rione, di un quartiere o di una Città mediante l’apertura di bar, pizzerie, ristoranti , paninoteche e similari con l’unico obiettivo di disseminare le strade e le piazze di tavolini, sedie e ombrelloni. Agevolate per di più da concessioni di suolo pubblico a tariffe irrisorie per ” gentile ”   decisione e ingiusta scelta  dell’Amministrazione comunale, che concorre così a sottrarre preziose risorse finanziarie  da destinare ala complessa macchina  dei servizi  pubblici ai cittadini che, invece, sono tartassati da tasse e imposte comunali abbastanza gravose, come sono quelle  a carico delle altre attività attività commerciali, che soffrono la crisi al pari delle scelte irrazionali di chi amministra la Città.

E’ ben vero quanto rappresentato da Salvatore Deidda  di FdI ma è anche vero che i partiti di opposizione in Consiglio Comunale fanno una ” finta” opposizione, mentre occorrono vere battaglie capaci di coinvolgere la popolazione angariata e angosciata da scelte e decisioni che contrastano non solo con le vere necessità dello sviluppo  sociale e economico di Cagliari e del suo ruolo trainante dell’intera Sardegna ma anche con le minime esigenze di una vita ordinata, tranquilla, serena  di chi ci vive e ci lavora, avendo garantite le primarie condizioni di vivibilità. Che non sono certo quelle della ” pedonalizzazione  selvaggia ” e dei vantaggi e degli incentivi a chi vuole aprire e gestire solo  attività di ristorazione e similari che nel Centro storico anno sconvolto il comune ordine e sentire della convivenza civile. Allora, caro Deidda : occorre prendere il toro per le corna, come si suol dire, mettere su un tavolo di confronto aperto con i cittadini, indicare le priorità e mettere in campo iniziative e proposte concrete per dare alla Città e ai cittadini un futuro di certezze e di sereno vivere, diverso da quello che   abbiamo conosciuto in questi ultimi sette anni di governo del centrosinistra.Noi siamo disposti a scendere in campo, e quando dico noi, non sto usando il “plurale maiestatis”ma una consistente fascia di cittadini che non ne possono più

L'articolo Cagliari, la città delle sedie e dei tavolini: storie di cittadini che non ne possono più proviene da Casteddu On line.

image

Vedi su CastedduOnLine









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

Cagliari, brutto incidente in viale Cimi…

13-11-2018 Casteddu On Line

Grave incidente alla fine di viale Cimitero, proprio a pochi passi dall’ingresso del camposanto e dal parco di Bonaria. Due vetture, per cause ancora da accertare, si sono scontrate. Una Volkswagen è andata...

Read more

Al day hospital Oncologico la biblioteca…

12-11-2018 Alguer

È stata realizzata grazie all´iniziativa del gruppo “Donne libere in lotta per il diritto alla salute”. Aprirà venerdì, nei locali della struttura al terzo piano di Malattie infettive e metterà a disposizione oltre...

Read more

Porto Torres, ripristino strade: avviato…

12-11-2018 Alguer

Lavori di ripristino del manto stradale dall´accesso sulla ex SS 131 fino all´altezza di piazza Umberto I. gli interventi cominciano nel tratto compreso tra l´incrocio con via dei Corbezzoli e via Cellini PORTO TORRES...

Read more

Psa, Urzulei modello virtuoso

12-11-2018 Alguer

Il presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru, l´assessore regionale della Sanità Luigi Arru ed i rappresentanti dell´unità di progetto hanno incontrato quarantotto allevatori emersi dall´irregolarità URZULEI - I modelli virtuosi da imitare...

Read more

Cagliari, il Poetto del futuro: movida, …

12-11-2018 Casteddu On Line

Movida, aree sportive e parcheggi. Tutto al Poetto nella zona tra l’ippodromo e l’ex pineta ai confini con Quartu. E sul lungomare torneranno i chioschetti per la degustazione dei ricci. È nero su bianco...

Read more