SpazioIndies presenta Elvis Malaj

Sabato, dopo le tappe di Macomer e Alghero, si concluderà a Sassari il tour sardo dello scrittore. Alle 19, sarà ospite della Libreria Azuni per presentare, insieme ad Emiliano Longobardi, la sua raccolta di racconti “Dal terrazzo si vede casa mia”, recentemente pubblicata dalla Racconti Edizioni

SpazioIndies presenta Elvis Malaj

SASSARI - Sabato 18 novembre, dopo le tappe di Macomer e Alghero, si concluderà a Sassari il tour sardo dello scrittore Elvis Malaj. Alle 19, lo scrittore sarà ospite della Libreria Azuni per presentare, insieme ad Emiliano Longobardi, la sua raccolta di racconti “Dal terrazzo si vede casa mia”, recentemente pubblicata dalla Racconti Edizioni.

Elvis Malaj è nato a Malësi e Madhe, in Albania, nel 1990. A quindici anni, si è trasferito ad Alessandria con la famiglia. Oggi, vive e lavora a Padova. È stato finalista al concorso “8×8” e ha pubblicato racconti su “Effe” e nella rassegna stampa di “Oblique”. Dal tuo terrazzo si vede casa mia è il suo esordio.

Fra due case che si vedono l’un l’altra potrebbe esserci una strada. Lastricata e sicura, a volte, ma più spesso tortuosa, o liquida come il mare fra l’Italia e l’Albania. La via fra le sue onde è faticosa come una lingua da imparare, andando e tornando, pensando una cosa e dicendone un’altra. Ma non sono soltanto le parole a mutare, ad assumere nuovi significati in questo relato sono i fatti stessi e le persone che troviamo sul cammino. Sempre a metà del guado, Malaj restituisce ai lettori qualche tappa di questo percorso: due mondi, due lingue. Declinazioni dell’inadeguatezza (per forza di cose), poiché a camminare in cima al bordo si finisce per barcollare, e non corrispondere ad alcuna definizione. E così una prima volta non sarà mai abbastanza bella, o abbastanza prima, un approccio mai abbastanza azzeccato, una battuta mai capita fino in fondo, ed una metafora? O troppo astratta o presa troppo alla lettera. E qualche volta, per evitare il confronto, si chiederà scusa e si scapperà via approfittando di un incidente; oppure si preferirà il silenzio fin da subito e l’incidente lo si andrà a cercare. Si indosserà una maschera per diventare le persone che vogliamo. Perché il confine, sfumando, è tra finzione e realtà. Dal tuo terrazzo si vede casa mia è l’invito a venire dall’altra parte, a scendere di casa e passare per quella strada. Un’istanza di condivisione e meticciato, di sguardo altro, di cui si sente il richiamo.

Nata a Roma nel 2016, da un’idea di Stefano Friani ed Emanuele Giammarco (ma del progetto fa parte anche il blog culturale “Altri Animali”, a cura di Leonardo Neri), Racconti edizioni è la prima casa editrice in Italia a pubblicare soltanto short-stories. Il racconto sembra identificarsi come la forma letteraria tipica della contemporaneità, il modo più intimo per registrarne i cambiamenti, le sfaccettature e le minuscole pieghe, apparendo spesso come il viatico più immediato per la sperimentazione e per l’ascolto del nuovo, il dispositivo più adatto per il gioco della lingua e delle lingue, dei loro miscugli impensati, di quelle ibridazioni che così tanto parlano dell’oggi. Piccoli editori, grandi storie, bei volumi: SpazioIndies è il nuovo settore della Libreria Azuni, interamente dedicato ad autori, editori e (soprattutto) lettori indipendenti, perché leggere crea indipendenza. Sono stati scelti gli editori i cui libri rispecchiano maggiormente l'idea di bel libro, a partire (ovviamente) dalla bellezza delle storie, ma non solo. Editori con un proprio modo di leggere il mondo e le sue latitudini, ma che considerano centrale anche il lavoro sulla confezione grafica, sui formati, sui materiali.

Commenti

Vedi su Alguer.it



Condividi la notizia con i tuoi amici sui social network Facebook e Twitter
Condividi su Facebook











Per vedere tutte le notizie dalla Sardegna, metti mi piace alla nostra pagina facebook

Su questo sito utilizziamo cookie di profilazione di terze parti. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la Cookie Policy