sardanews

Mostri, streghe e zombie invadono il centro storico - Cronaca

image
SASSARI. Un fiume di gente ha invaso il corso confermando il successo del progetto di storytelling “Racconti erranti” che ha proposto la seconda edizione di “Su mortu mortu il nostro Halloween”. Quest’anno l’iniziativa si è spostata da Largo Cavallotti al Corso Vittorio Emanuele promossa da una rete di partner che proprio grazie all’investimento congiunto ha potuto fare la differenza offrendo alla città un progetto originale e innovativo.L’iniziativa organizzata dall’Associazione Commercianti del corso con il patrocinio del Comune, la direzione artistica di Monica De Murtas in collaborazione con associazione Parabatula e Arte Kaos e Poesia ha trasformato il corso in un teatro a cielo aperto con effetti scenici, nebbia artificiale e musiche diffuse e amplificate lungo tutto il percorso (curati da Tony Grandi) che hanno dato alla location una perfetta ambientazione noir grazie anche ai costumi e alle coreografie di Alessandra Mura e la make up di Giovanna Maria Boscani e Speranza Fiori. Il folto pubblico ha potuto così immergersi nell’atmosfera riscoprendo anche le antiche tradizioni sarde legate al culto dei defunti. Centinaia di bambini hanno infatti invaso i negozi capeggiati dai trenta iscritti al laboratorio di “Su Mortu Mortu” che hanno imparato le antiche litanie della tradizione sarda legata al culto dei defunti per poi declamarle a gran voce e ottenere in cambio i tanto agognati dolcetti.Per tutta la durata della serata figuranti e danzatrici, truccati stile horror, hanno vagato per il corso materializzandosi nei negozi per poi “infestare” le vetrine trasformate in suggestivi palcoscenici. Tra lo stupore di grandi e bambini gli artisti hanno interagito con il pubblico: La sposa cadavere, l’elegante Katrina, la misteriosa Dama Nera, il macellaio, lo zombie motociclista, la donna velata, fantasmina ed altri ancora hanno proposto ai passanti enigmi da risolvere facendo conquistare ai vincitori diversi premi messi in palio dai commercianti. Una postazione di trucca-bimbi e trucca-grandi ha “sfornato” mostri, streghe e vampiri per tutta la serata permettendo a chiunque lo desiderasse di trasformarsi in una creatura della notte e partecipare alla festa conclusiva e al contest fotografico che nei prossimi giorni premierà la maschera più spaventosa e la foto più bella.Le immagini della serata saranno inserite in una mostra fotografica che si svolgerà nei prossimi giorni nei locali di Arte Kaos e Poesia (Info e regolamento 3387763455).E, a rendere ancora più entusiasmante la festa, ci hanno pensato anche i negozianti e le negozianti di Largo Cavallotti, Piazza Azuni e via al Carmine in collaborazione con Alisso, Centro Giovani Sassari, Petali di Carta e Sassari Horror Story con il loro “Halloween, zombie, streghe e mostri al Centro”, con la loro serata itinerante tra le attività commerciali di Largo Cavallotti, Piazza Azuni e via al Carmine, tra mostri e vampiri, horror show con i falconieri, letture e itinerari del terrore nella Sassari misteriosa. E poi una mega caccia al tesoro.Iniziative articolate, importanti, fuse dal contagioso entusiasmo di centinaia di bambini e delle loro famiglie, dalla gentilezza dei commercianti, dalla bravura dei figuranti. Che tutti insieme hanno acceso la luce sul centro storico nella notte delle streghe.

vedi su La Nuova Sardegna









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie