sardanews

Via Zagabria, colpo da mille e 400 euro poi la cattura: “Decisivo l’aiuto dei cittadini”

image

Nella tarda mattinata di oggi gli Agenti della Squadra Volante hanno tratto in arresto tre persone che poco prima avevano rapinato l’ufficio postale nel centralissimo quartiere di Genneruxi, armati di fucile e pistola.

La conclusione repentina della ricerca dei malviventi è stata resa possibile grazie alla sinergica cooperazione della Squadra Volante e dei cittadini, oramai sempre più protagonisti di quel sistema di sicurezza condivisa da tempo obiettivo ineludibile della Polizia di Stato.

Intorno alle 11.50 il Centro Operativo Telecomunicazioni della Questura ha ricevuto una segnalazione al 113: la segnalazione di una rapina nell’Ufficio Postale di via Zagabria e della fuga dei malviventi che, si erano dileguati a piedi per le vie limitrofe. Acquisite le prime notizie e soprattutto le prime descrizioni dei malviventi l’operatore del centro ha immediatamente diramato la nota di ricerca alle  sale operative delle altre Forze di Polizia e alle Volanti sul territorio. Queste ultime,  coordinate dal responsabile della Squadra, hanno elaborato un piano di intervento per a cinturare la zona probabilmente utilizzata dai rapinatori per la fuga. Qualche istante dopo la Volante Argo, con a bordo il coordinatore della Squadra, è riuscita ad intercettare in via Palestrina un’auto (una fiat Marea color Amaranto) con a bordo tre uomini subito considerati sospetti dai due operatori. Iniziato l’inseguimento, nonostante l’intimazione dell’alt da parte della pattuglia il veicolo ha continuato la sua marcia.

A questo punto gli agenti hanno affiancato il veicolo e in sicurezza costringendo i soggetti a bloccare la marcia. Contestualmente sono intervenuti altri tre equipaggi che accerchiato il veicolo, hanno consentito di portare a termine l’operazione con il blocco dei tre che non hanno opposto resistenza. Perfettamente corrispondenti alla descrizione fornita dal cittadino al 113 uno di essi indossava ancora parzialmente un passamontagna e all’interno dell’abitacolo dell’auto sono state rinvenute le armi cariche e pronte all’uso (una pistola semiautomatica cal 7.65 addosso all’autista del veicolo – Vacca- ed un fucile a canne mozze modello 682 Gold Beretta), uno spray urticante, banconote di vario taglio,  abiti (giubbini) e dei passamontagna.

Alle successive 12.15 i tre hanno varcato la soglia della Questura, tratti in arresto dagli uomini della Squadra Volante. Sono stati identificati per Walter Camba e Paolo Todde entrambi 56enni cagliaritani e Aldo Vacca 46enne sempre del capoluogo. Tutti e tre hanno diversi precedenti penali  anche per reati della stessa indole, in particolare per reati contro il patrimonio e contro la persona.

Dai primi accertamenti è stato possibile ricostruire la dinamica dei fatti: i tre rapinatori incappucciati e armati, sono entrati nell’ufficio postale e dopo aver minacciato direttore, dipendenti e clienti (una decina) si sono fatti consegnare i soldi, circa 1400 euro. Hanno poi dato fuoco alla vettura utilizzata per raggiungere l’ufficio postale (una Fiat Punto risultata rubata a Quartu Sant’Elena lo scorso fine settimana) salendo su un’altra auto (la Fiat Marea risultata anch’essa rubata a Elmas negli scorsi giorni) a bordo della quale sono poi stati fermati in viale Marconi.

Dalle successive verifiche è emerso che la fuga sarebbe dovuta proseguire su una macchina “pulita” una Nissan Micra di colore rosso regolarmente parcheggiata e chiusa a chiave nella via Varsavia le cui chiavi sono state rinvenute addosso al Vacca e di cui il medesimo ne aveva la disponibilità.

Sono state disposte le conseguenti attività da parte degli investigatori della Squadra Mobile attraverso le necessarie perquisizioni, interrogatori ed accertamenti, con la preziosa collaborazione specialistica degli agenti del Gabinetto Regionale della Polizia Scientifica.

Le verifiche dei poliziotti della Squadra Mobile proseguono incessanti con l’esame del materiale rinvenuto all’interno delle abitazioni degli arrestati (varie parrucche, spray al peperoncino, fascette in plastica, kit per la pulizia di armi e altro materiale) che allo stato hanno consentito di confermare il coinvolgimento dei tre in attività criminose.

L'articolo Via Zagabria, colpo da mille e 400 euro poi la cattura: “Decisivo l’aiuto dei cittadini” proviene da Casteddu On line.

image

Vedi su CastedduOnLine









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie