sardanews

Furti di fiori, ascensori ko e parcheggiatori abusivi: al cimitero di Cagliari in scena il caos

image
È il “classico” refrain di ogni anno. Nelle date più gettonate per andare a fare visita ai parenti che non ci sono più, il cimitero cagliaritano di San Michele si trasforma in un complesso formicaio. Chi arriva con l’automobile deve sperare nel “miracolo” di trovare un parcheggio libero, sennò la mancia non prevista di almeno 2 euro agli abusivi è la regola non scritta per evitare rogne. Dentro il camposanto, in molti lamentano il furto dei fiori dai vasetti attaccati alle lapidi dei defunti. Completano il quadro le scale di ferro, utili per raggiungere le file delle bare posizionate in alto – molte sono mezzo rotte o arrugginite – e gli ascensori, non tutti perfettamente funzionanti.
C’è chi come Luigi Pintori, sconsolato, racconta che “hanno rubato i fiori che ho lasciato a mia figlia, morta a soli sette anni. Una ferita immensa”. Antonio Manca si scaglia contro i parcheggiatori abusivi. “Costretto a chiedere a un amico che abita in zona di poter utilizzare il suo parcheggio condominiale, non è giusto pagare la tangente per parcheggiare, non sono razzista ma realista. E gli ascensori non funzionano”. Raffaele Melis. “Parcheggio trovato per miracolo, le scale nell’area dove ci sono la bare dei bambini l’unica scala è fuori uso, non ha le ruote e bisogna prenderla di peso. Nessuno la sostituisce, un anziano ha molte difficoltà a utilizzarla”.

L'articolo Furti di fiori, ascensori ko e parcheggiatori abusivi: al cimitero di Cagliari in scena il caos proviene da Casteddu On line.

image

Vedi su CastedduOnLine












Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie