sardanews

“Su Montigheddu” di Ossi è patrimonio archeologico - Cronaca

image
OSSI. Il complesso di “Su Montigheddu”, in territorio di Ossi, a due passi dalla chiesetta romanica di Sant’Antonio di Briave, è stato dichiarato di «particolare interesse archeologico». E quindi dovrà essere sottoposto a tutte le relative disposizioni di tutela previste dalla legge. L’importante riconoscimento è arrivato dalla Commissione regionale per il patrimonio culturale della Sardegna, competente in materia su delega del Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo. Il procedimento era stato avviato nel giugno scorso dalla Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Sassari e Nuoro. «Si ritiene che l’area rivesta particolare interesse - si legge nella nota inviata a suo tempo dalla Soprintendenza - in quanto vi insiste un insediamento di età nuragica e romana, con strutture in parte messe in luce da recenti scavi abusivi». La relazione che l’accompagna fa la cronistoria del complesso venuto alla luce qualche anno fa, descrivendone le caratteristiche e gli elementi che ne certificano il «particolare interesse» riconosciuto dalla Commissione regionale. Il complesso di “Su Montigheddu” si trova sull’omonima collinetta, a circa 200 metri dalla chiesa di Sant’Antonio di Briave, dalla quale risulta separata dalla SP 97 nel tratto che da Florinas conduce a Banari. In corrispondenza della chiesa nel 1974, in occasione dei lavori per l’impianto di una vigna, è stata identificata una consistente necropoli di età romana, alla quale già allora viene collegato l’insediamento di Su Montigheddu. Secondo alcune informazioni bibliografiche (A. Moravetti, Necropoli romana in località S. Antonio - Ossi; P. Derudas, Archeologia nel territorio di Ossi) sul terreno si leggono tracce di strutture rettangolari affioranti e si rinviene una notevole quantità di frammenti relativi a ceramica da cucina, da mensa e da trasporto. A seguito di scavi non autorizzati nel 2017, si apprende dalla relazione della funzionaria della Soprintendenza Nadia Canu, lungo il versante settentrionale del pendio è stata in parte tagliata e in parte messa in luce una struttura in blocchi calcarei di andamento circolare superiore ai 2 metri, che presenta una nicchia e può essere identificata con l'interno di una capanna di età nuragica. Il terreno circostante è ricco di materiali caramici, che sembrano tutti inquadrabili nel periodo romano, nonché di strutture affioranti, alcune ad andamento rettilineo, altre ad andamento curvilineo.

vedi su La Nuova Sardegna












Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie