sardanews

«Ius soli, sagra dell´ipocrisia»

Così Ugo Cappellacci, coordinatore regionale di Forza Italia, definisce la flash mob organizzata dal PD per sollecitare l’approvazione della legge sullo ius soli

image

SASSARI - «La sagra dell’ipocrisia». Così Ugo Cappellacci, coordinatore regionale di Forza Italia, definisce la flash mob organizzata dal PD per sollecitare l’approvazione della legge sullo ius soli. «La loro linea si fonda sulla mistificazione perché non è vero – evidenzia l’esponente azzurro- che ai bambini nati in Italia da genitori stranieri sia preclusa la cittadinanza: la legge attuale infatti prevede già che lo straniero nato in Italia, che vi abbia risieduto legalmente senza interruzioni fino al raggiungimento della maggiore età, diviene cittadino se dichiara di voler acquistare la cittadinanza italiana entro un anno dalla suddetta data».

«Proprio alcune settimane fa – prosegue Cappellacci - l’Istat ha diffuso i dati sulla concessione di documenti agli stranieri: solo nel 2016 ben 184638 extracomunitari hanno acquisito la cittadinanza italiana e tra questi il 41% è costituito da ragazzi e bambini con meno di 20 anni, che hanno ottenuto la cittadinanza o tramite genitori naturalizzati italiani o dopo averla richiesta al compimento dei 18 anni. Per comprendere il fenomeno, è sufficiente ricordare che nel 2011 le persone che ottenevano la cittadinanza erano meno di 50 mila. Nel 2016, senza avere bisogno della nuova legge sullo ius soli, circa 61 mila ‘nuovi cittadini’ sono nati nel nostro Paese. Insomma, in concreto non esiste nessun muro e nessuna discriminazione».

«Chi predica la necessità e addirittura l’urgenza di approvare una legge sullo ius soli compie un’affermazione lontana anni luce dalla realtà. E’ da irresponsabili invece predicare un’ulteriore facilitazione della concessione della cittadinanza in un momento storico in cui l’Italia è soggetta ad un’immigrazione senza criteri e senza controlli, che non viene governata in alcun modo né da Roma né da Bruxelles. Infine sul piano politico rammentiamo al PD, ai “flash-mobilitati” e agli altri ‘presunti digiunanti’ che il presidente del Consiglio è un signore del PD, retto da una maggioranza di centro-sinistra. Ministri, parlamentari nazionali ed europei del partito democratico stanno protestando, manifestando e addirittura simulando scioperi della fame contro la loro stessa politica?»

Commenti

Vedi su Alguer.it












Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie