Riforma sanitaria con lotte interne al Pd alla faccia dei bisogni dei Sardi (Gianfranco Scalas)


image Il balletto sulla costruenda riforma sanitaria sta assurgendo al ruolo di una ‘vicenda kafkiana’ , allorquando oggi si decide l’esatto contrario di ieri e l’opposto di domani.

Prima considerazione: si sta discutendo la rete ospedaliera territoriale modificando strutture di primo livello in hub, stabilimenti sanitari in strutture di primo livello, ospedali di comunità inutili e presidi di zone disagiate che fioriscono come ‘margherite primaverili’. Tutto questo senza un criterio logico organizzativo di strutture interdipendenti. Ma è il secondo punto quello più importante: costruire una rete ospedaliera senza pensare ad individuare la rete di emergenza-urgenza è come costruire una casa iniziando dal tetto.

I Lea (Livelli elementari di assistenza) sono il primo apporto al bisogno della persona, ma i professori litigano sulla poltrona dell’Areus da destinare ad un altro ‘continentale’ piuttosto che al migliore esperto di emergenza urgenza che risponde al nome di Piero Delogu. Una guerra tutta interna al Pd, con soriani (pro continentale) contro Ganaue resto del Pd (pro Delogu), che impedisce la nomina, bloccando, di fatto, le fondamenta del sistema sanitario. Tutto questo a discapito dei Sardi e dell’esigenza di un sistema che sfugga dalle liste d’attesa e dalla richiesta di aiuto al continente.

Gianfranco Scalas – Presidente di Fortza Paris

(admaioramedia.it)

 

Fonte: Admaioramedia


Condividi la notizia con i tuoi amici sui social network Facebook e Twitter
Condividi su Facebook









Per vedere tutte le notizie dalla Sardegna, metti mi piace alla nostra pagina facebook

Su questo sito utilizziamo cookie di profilazione di terze parti. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la Cookie Policy