Via Flumendosa, la testimone della rapina choc: “Urla strazianti di terrore”


image

di Angelica Fra

Un onesto cittadino che sale tranquillo nella sua auto.. Urla strazianti di spavento e terrore. Noi quasi inermi davanti ad una scena cosi straziante. Abito in Sant’Avendrace da ben 25 anni e non riconosco più la zona in cui sono cresciuta spensierata. Ho passato la mia infanzia a giocare giù di casa con gli amichetti del vicinato tranquilli e felici.. Quella stessa strada è diventata oramai un incubo per me…… e non solo.. Sono mamma di due bimbi e abbiamo due cagnolini.. Le nostre ormai rare passeggiatine si limitano a brevi percorsi costeggiando negozi aperti e in orari dove posso trovare più persone possibili in strada.. Prostituzione 24h al giorno.. Immigrati che spuntano a gruppi da ogni angolo.. Delinquenza GRATUITA senza NESSUN CONTROLLO.. Siamo costretti a fare la spesa in orari “decenti” per non rischiare con il buio a chissà che cosa.. Abbiamo bisogno di farci “scortare” sino al portone di casa (gesto romantico d altri tempi.. Gesto diventato indispensabile per la nostra incolumità).. Giriamo con le borsette strette e il passo veloce, con i nostri genitori che non vivono tranquilli se rincasiamo sole dopo il lavoro.

Non sto esagerando credetemi. Tutto ciò purtroppo è la realtà che qui, come in altre zone, stiamo vivendo. Non si può vivere nel TERRORE. Non possiamo continuare a far finta di niente e subire. Si stanno appropriando ingiustamente non solo della nostra città senza alcun rispetto, ma anche della nostra LIBERTÀ!!!!!!

L'articolo Via Flumendosa, la testimone della rapina choc: “Urla strazianti di terrore” proviene da Casteddu On line.

image

Vedi su CastedduOnLine


Condividi la notizia con i tuoi amici sui social network Facebook e Twitter
Condividi su Facebook









Per vedere tutte le notizie dalla Sardegna, metti mi piace alla nostra pagina facebook

Su questo sito utilizziamo cookie di profilazione di terze parti. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la Cookie Policy