Dipendenti Aras, presidio in Consiglio


image

(ANSA) - CAGLIARI, 12 OTT - Nuovo presidio, dopo quello di fine luglio, dei dipendenti dell'Associazione regionale allevatori (Aras), che si occupano dell'assistenza tecnica alle imprese per conto dell'agenzia Laore. I lavoratori si sono ritrovati in sit-in davanti al Consiglio regionale, a Cagliari, per chiedere alla politica l'attuazione della legge approvata nel 2009 con la quale era stata definita la loro stabilizzazione all'interno del comparto Regione, in particolare nell'agenzia Laore.    "La situazione non è cambiata anche sul versante degli stipendi - dicono i manifestanti - stiamo per l'ennesima volta, come ormai succede da un anno, aspettando che ci venga riconosciuta la spettanza del mese scorso. E questo chiaramente mette a dura prova i tecnici di Aras che anticipano anche le spese per gli spostamenti in campagna. La cosa che ci spaventa è che non si sta facendo programmazione per cambiare questo stato di cose".    Secondo i lavoratori Aras, che sono arrivati a Cagliari da varie parti dell'Isola con fischietti e le magliette rosse con la scritta "Stabilizzazione", "si è parlato di potenziamento delle funzioni di Laore ma in realtà non c'è nulla. E' da tempo che sollecitiamo l'applicazione della legge o comunque un qualcosa che porti i dipendenti ad avere un lavoro stabile sicuro. Oggi la Giunta parla di norme sulla spending review che impediscono l'applicazione della norma, ma noi abbiamo avuto e continuiamo ad avere sempre grandi dubbi: è impensabile - sottolineano - che un settore così importante e assolutamente strategico per la zootecnia Sarda non venga sviluppato dalle fondamenta". (ANSA).   

Fonte: Ansa


Condividi la notizia con i tuoi amici sui social network Facebook e Twitter
Condividi su Facebook









Per vedere tutte le notizie dalla Sardegna, metti mi piace alla nostra pagina facebook

Su questo sito utilizziamo cookie di profilazione di terze parti. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la Cookie Policy