"Dopo 10 mesi l'assassino di mio fratello è fuori dal carcere"


"Vogliamo giustizia" è l'appello dei familiari di Sandro Picci, il 46enne ucciso da un colpo di pistola sparato per "errore" da Martin Aru (24 anni), lo scorso ottobre in via Pertusola. Il giovane è agli arresti domiciliari, perché il suo stato di salute non sarebbe compatibile col regime carcerario. Il fratello Roberto Picci non ci sta: "E' un assassino deve tornare in carcere. A casa abbiamo quattro bambini senza più un padre, che lui ha ucciso" Autore: Redazione Casteddu Online il 13/08/2017 13:45

"Dopo appena dieci mesi dall’assassinio di mio fratello l’omicida è uscito dal carcere con un braccialetto elettronico al polso. Per incompatibilità con il regime carcerario, agli arresti domiciliari. A casa ci sono quattro bambini senza un padre. Non è giustizia, devono saperlo tutti. Lo diciamo anche a voi: questa non è giustizia". A parlare è Roberto Picci, fratello di Sandro, ucciso per “errore” lo scorso 10  ottobre da Martin Aru, 25 anni. Una lite nata su facebook poi scaturita in tragedia, in via Pertusola 4, quartiere di Is Mirrionis. Sandro è stato raggiunto da una pallottola che l’ha centrato in viso, stava facendo da paciere, sedando una rissa.

 Martin Aru, inizialmente è fuggito, poi  s'è poi consegnato alla giustizia. Reo confesso. Da allora si sono aperte per lui le porte del carcere di Uta, dal quale è uscito dopo dieci mesi venerdì, perché, secondo il giudice, il suo stato psicofisico è incompatibile con il regime carcerario. Avrebbe più volte tentato il suicidio. La prima volta solo nove giorni dopo il suo arresto, lo avevano trovato con un lenzuolo stretto al collo appeso alle sbarre della cella. Salvato per miracolo.

I familiari però non ci stanno e su facebook lanciano appelli "Vogliamo giustizia, c’è tanta gente  in carcere che sta male a cui spetterebbe  libertà, non a un assassino come lui".

image

Vedi su CastedduOnLine


Condividi la notizia con i tuoi amici sui social network Facebook e Twitter
Condividi su Facebook









Per vedere tutte le notizie dalla Sardegna, metti mi piace alla nostra pagina facebook

Su questo sito utilizziamo cookie di profilazione di terze parti. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la Cookie Policy

All for Joomla All for Webmasters