Incendi, dietro spesso c'è la mano dell'uomo. Da Fai e Club alpino strigliata al Governo: "Prevenzione assente"


Incendi, dietro spesso c'è la mano dell'uomo. Da Fai e Club alpino strigliata al Governo: "Prevenzione assente"

I roghi ripetuti che danneggiano tutta l'Italia, inclusa l'Isola, fanno suonare l'ennesimo campanello d'allarme nelle due associazioni "green". E parte l'appello-sos al ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti.

Gli incendi ripetuti, di natura dolosa e non, che stanno danneggiando in questi giorni ampie porzioni di territorio italiano da Nord a Sud pongono all’attenzione del Governo e della società civile, con una forza e una gravità ineludibili, il tema della gestione e della manutenzione delle aree verdi della Penisola e, in particolare, delle aree naturalistiche e dei parchi.

Al di là delle responsabilità dirette, che è pur doveroso individuare, e delle problematiche legate agli interventi in emergenza, Fai – Fondo ambiente italiano e Cai – Club alpino italiano si rivolgono al ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti per evidenziare ancora una volta "l’assenza di presidi adeguati e di piani di manutenzione preventiva contro il rischio incendi, unici strumenti per evitare e ridurre il rischio di queste drammatiche calamità. La ricorrenza annuale di questi eventi evidenzia la mancanza da parte delle autorità e della società civile di una reale consapevolezza del problema e di adeguate politiche di intervento ordinario riguardo alla prima causa degli incendi, che non risiede nella natura dolosa degli eventi ma che deve essere cercata piuttosto nell’incuria".

"Ogni anno la nostra Penisola perde a causa degli incendi ampissime aree verdi di paesaggi unici al mondo tra cui Parchi naturali nazionali e regionali. Queste drammatiche occasioni devono almeno servire a ribadire che la tutela non è chiusura e immobilismo, ma al contrario è operosa e costante attività di cura e presidio da parte degli enti responsabili e con il contributo della società civile: senza manutenzione ordinaria e programmata, dei monumenti come dei paesaggi, non esiste tutela".

Vedi su Sardegna Oggi


Condividi la notizia con i tuoi amici sui social network Facebook e Twitter
Condividi su Facebook








Per vedere tutte le notizie dalla Sardegna, metti mi piace alla nostra pagina facebook

Su questo sito utilizziamo cookie di profilazione di terze parti. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la Cookie Policy

All for Joomla All for Webmasters